La matina â colassion – Parlata lucchese, prima scenetta audioviśiva

LUCCA, 26 aprile – Come v’avō anticipato, parte la nòva rubía audioviśiva. Si tratta di scenette tratte dalla vita quotidiana, comê questa chē apre la sèrie. So’ state registrate col programma Audacity ê si pòssin ascoltà sul linche che apre you tube. Hō pènso ché poteva interessă ascoltă il luccheśe oltre ché vedello scritto, magari â quelli ché un èn di Lucca o â luccheśi gióvani che un han l’opportunità di sentillo parlă ô magari anco â quê luccheśi ché lo san bène mà chē un lo pàrlin piú perchē un han l’occaśion.
In fondo c’èn anco delle nòte ché si soffèrmin sú qualchê partïolarità ché via via s’incontra.

Ringrassio Enrica Benedetti e Angelo Giannini ché m’han aiuto con passion á fà le registrassioni. La mamma ê la filljòla èn interpretate da Enrica; per differensià le du voci, quella della mamma è stata calata di un semitòno ê quella della filljòla è stata aumentata di un semitòno. Bòna lettura e bòn ascolto.

La mattina â colassion.

Filljòla – Bòn giorno, pappă.

Pappă – Bòn giorno, il tu fratèllo è sempre (1) â lètto?

Filljòla – Lo sai ché fin all’último un si lèva, (2) perchē?

Pappă – Nulla, sé piòve mi deve dă un passaggio â lavoră.

Filljòlo – Oh, bòn giorno â tutti, com’ĕ oggi? È bèllo? (3)

Pappă – Ni dicevo òra alla tu sorèlla ché sé piove mi dovrai dă un passaggio tē.

Mamma – È bèllo, è bèllo. Ĕ anco caldo, son giă stata fòri ă stènde î panni ê l’aria è bèlla tièpida. (3)

Pappă – Via, meno male, almen pòsso pilljă il motore (4) e un son di peso â nessun.

Filljòlo – Allòra guaśi guaśi lo pilljo anch’io il motore (4), finchē è caldo! (3)

Filljòla – Eō, convièn, finché dura… Sperian mà chē un vènghi un ottobre come orellanno. Èra un freddo si zizzava, vi rïordate? (3)

Mamma – Tŏh, e anco. Mi strinō tutti î gerani… M’allungheresti il buro?

Pappă – Ècchelo. Caffè ce n’è piū? (1)

Filljòla – Mi să chē è finito. Sé lo vòi te lo rifaccio.

Pappă – Nŏ, un occore, oggi hō furia, sencasomai lo pilljo al bare â metà mattinata. Via, ciao.

Mamma – Ciao, fă ammòdo.

Filljòlo – Ciao, pă.

Filljòla – Ciao, pappă.

  1. È sèmpre â lètto? = è ancora a letto? Ce n’è piú (sèmpre)? = ce n’è ancora? A Lucca non si usa mai ancora, si preferisce usare sèmpre o piú. Piú al conrario che dell’italiano, si usa anche nelle frasi interrogative.
  2. Levassi = alsarsi dal lètto. Mi son lèvo d’òra = mi sono alzato presto.

  3. È bèllo; ĕ anco caldo; èra un freddo… In lucchese non si dice fa caldo, fa freddo, fa brutto tempo, fa bel tempo ma si usa sempre il verbo essere: è caldo, è freddo, è brutto (torbato) è bèllo (quando è giorno si dice è sereno, quando è notte si dice è stellato).

  4. Motore = moto, motocicletta.

Guido Giovannetti
@salléssora
/ guido.giovannetti@nullloschermo.it

Leggi anche:
Premessa alla raccolta lessicale lucchese. Guida alla lettura

Vocabolario vernacolare:
Vernacolario / Dalla lettera A alla lettera C
Vernacolario / Dalla lettera D alla lettera L
Vernacolario / Dalla lettera M alla lettera R
Vernacolario / Dalla lettera S alla lettera Z

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com