La Lucchese suona la carica, batte il Castelfranco e sale a due punti dalla Correggese

LUCCA, 23 marzo – La Lucchese vince per 1 a 0 la gara con la Virtus Castelfranco grazie a un rigore trasformato al 16′ del primo tempo da Tarantino. Sfida brutta e mai chiusa dalla pantera, che ha tenuto i (pochi) tifosi rossoneri col fiato sospeso fino al triplie fischio finale. Ancora una volta prestazioni una spanna sopra tutti per Nolè e Chianese veri e propri pilastri di questa squadra. Anche quest’oggi la pantera non è stata in grado di chiudere la partita quando ne avuto l’occasione ed è solo grazie a Casapieri e Zinetti, che hanno sventato due occasioni gol nel finale su Sassarini e Di Giulio, che può festeggiare la vittoria e con essa i due punti recuperati sulla Correggese che si è bloccata su un insperato pari per 0 a 0 col Palazzolo. Una vittoria fondamentale per il morale dei ragazzi di Pagliuca, che hanno dimostrato di saper soffrire e di non mollare mai dopo lo stop di Fidenza.

La Gara

Pagliuca cambia cinque undicesimi rispetto alla gara col Fideza, e schiera la Lucchese senza Raicevic in attacco con Caboni e Tarantino ispirati da Chianese, in difesa vince il ballottaggio la coppia Terlino Zinetti, e a centrocampo torna Ghelardoni a fianco del rientrante Aliboni e Nolè. Chezzi sceglie per gli emiliani un 4-4-2 classico con Dalrio punta di riferimento.

La Lucchese inizia con la determinazione di chi vuole vincere, ma la prima conclusione pericolosa porta la firma di Negri che da fuori area non trova il sette alla sinistra di Casapieri. Risponde la Lucchese al 12′ con Caboni ben servito da Chiaese che a tu per tu con Gibertini calcia sul portiere in uscita, la palla arriva a Tarantino che da posizione angolata trova ancora Gibertini pronto. Scorrono tre minuti e la Lucchese passa, Tarantino entra in area dalla sinsitra e calcia, Gibertini respinge la palla giunge a Caboni che viene steso da Di Giulio: rigore e giallo per il difensore. Dal dischetto Tarantino trasforma e segna il suo gol numero 13 in stagione, record di carriera. Il Castelfranco prova subito a pareggiare il conto con Delrio ben imbeccato da Migliaccio, il 9 gialloblu (oggi in maglia bianca) calcia forte di destro in controbalzo e costringe Casapieri all’intervento in corner. Al 30′ Caboni rimedia un giallo e salterà la gara con il Palazzolo. La Lucchese continua a premere, ma è molto sprecisa negli ultimi 20 metri, mentre il Castelfranco prende vigore e non rinuncia a cercare di impensierire Casapieri. La Lucchese diventa sempre più disordinata anche nel pacchetto arretrato e abbassa il baricentro, ma il Castelfranco non ne approfitta.

La ripresa prende il via con un brivido: al 6′ Tarantino spreca una grande occasione fornitagli dal portiere Gibertini che prima sbaglia il doppio controllo e poi rimedia approfittando dello stop sbagliato dal numero 10 rossonero. Al minuto 11 contropiede rossonero con Zinetti che ruba palla in mediana si fa mezzo campo, serve a destra Tarantino che punta Di Giulio, ma il difensore è bravissimo a fermarlo al limite dell’area piccola con un interveto capovolaro. Fracassi a 13′ toglie Tarantino e inserisce Raicevic e poco dopo, al 19′, toglie Ghelardoni, che non è apparso particolarmente in giornata, per Gialdini. Al 22′ si svegliano i pochi supporte del Porta Elisa che iniziano a cantare nel momento più difficile per la squadra. Infatti al 26′ c’è un occasione d’oro per gli ospiti con Sacenti che riceve il pallone in areada Dalrio su lancio di Sassarini, il destro del terzino destro supera Casapieri ma sfila di poco a lato. La pantera agisce di rimessa, ma la poca lucidità vanifica tutte le occasioni, quella più ghiotta alla mezzora quando Chianese ruba palla, e serve Raicevic che a tu per tu con Gibertini calcia sul portiere. Al 32′ nuova occasione per i padroni di casa con l’inesauribile Chianese che dalla destra crossa sul secondo palo, Nolè rimette per Raicevic che calcia debolmete e Gibertini salva con i piedi. Chezzi corre ai ripari, inserisce Trombetta al 36’st e toglie Migliaccio cercando di dare gambe e peso al reparto offensivo. La Lucchese continua a provare a chiudere la gara, senza successo e al 39′ Fracassi inserisce Angeli per l’esausto Caboni. Nel finale di gara in pieno recupero c’è il doppio brivido per la Lucchese prima dai 35 metri Sassarini calcia un bolide indirizzato al sette, ma Casapieri vola deviarlo in corner, e sul calcio d’angolo di testa Di Giulio schiaccia a rete ma Zinetti sulla linea di porta in spaccata salva il risultato e regala la vittoria alla Lucchese.

Il Tabellino:

Lucchese – V. Castelfranco: 1-0

Marcatori: 16′ Tarantino rig.

Lucchese (4-3-1-2): Casapieri; Zinetti, Espeche, Calistri, Terlino; Nolè, Aliboni, Ghelardoni (9’st Gialdini); Chianese; Caboni (39”st Angeli), Tarantino (13’st Raicevic). (Sannino, Biagini, Petrini, Azzolin, Calcagni, Gialdini, Pecchioli) Allen: Fracassi,

V.Castelfranco (4-4-2): Gibertini; Sacenti, Girelli (10’st Formato), Baldaccini, Di Giulio; Minelli, Negri, Sassarini, Cortese; Migliaccio (36’st Trombetta), Dalrio. (Gallerani, Nobile, Prandi, Anev, Louhchi, berselli, Beatrizzotti) Allen: Chezzi

Arbitro: sig Daniele Paterna di Teramo

Ammoniti: Di Giulio, Sacenti, Caboni, Dalrio, Casapieri, Sassarini, Espeche

Corner: 7 a 3

Recupero. 1 e 4

Spettatori: 700 circa

Francesco Matteucci

@zulabnar

Fracassi: “Il sogno continua” Russo:” Campionato apertissimo”. Le interviste dopo Lucchese Castelfranco

12 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

12 Commenti

  • Admin
    24 marzo 2014, 03:20

    Non è finita. Anche gli Dei pareggiano. La Lucchese ha fatto un buon primo tempo e una pessima seconda parte di gara. Per fortuna è andata. Ora la missione è vincere la prossima a Palazzolo (la Correggese a Abano non dovrebbe passeggiare). Poi inizia il ciclo di ferro (Mezzolara, F. Juventus, Massese, Forcoli (unica facile) e Correggio. Lì la qualità del gioco della Lucchese dovrà aumentare e penso aumenterà. Il calendario della Correggese, comunque, non è migliore. Dunque la sfida è ancora aperta e questo è un merito grande della Lucchese che ha saputo tener testa a chi ha fatto, nel girone di ritorno, 9 vittorie e 2 pareggi. I tifosi presenti erano quelli veri.

    RISPONDI
  • Admin
    24 marzo 2014, 11:46

    “I tifosi presenti erano quelli veri”.

    Cioè, ne deduco, 700 su una popolazione del comune di 85.000.

    RISPONDI
  • Admin
    24 marzo 2014, 12:15

    Caro cotoletto, dall’alto della tua spocchia ben capirai che oggi giorno con la serie A a casa con pochi spicci ovviamente la Lucchese contro avversari del calibro di Forcoli, Formigine e Clodiense non può attirare che pochi spettatori.
    Non temere che se il prossimo anno andiamo in serie C quando ci sarà da giocare contro Pisa, Lecce, Perugia, Salernitana o Vicenza dai 700 spettatori di oggi si passerà miracolosamente a 2-3000 spettatori, e questo con un campionato a metà classifica.

    Detto questo continuo a non comprendere l’astio e il rancore che certa gente prova nei confronti della Lucchese.

    RISPONDI
  • Admin
    24 marzo 2014, 13:21

    ..mah.. speriamo di non fallire

    RISPONDI
  • Admin
    24 marzo 2014, 21:18

    Forza lucchese non ci deludere ti aspettiamo per il derby dell’Alta Toscana che la federazione ha stabilito,nel proseguo, tra i vincitori del girone D e quello E.
    In altre parole tra Lucchese e Pistoiese,la Correggese non ci interessa più di tanto.

    RISPONDI
  • Admin
    25 marzo 2014, 11:27

    Ci son più giornalisti in salastampa che tifosi paganti

    RISPONDI
  • Admin
    25 marzo 2014, 12:04

    pur non seguendo più il calcio in generale,guardo ovviamente con simpatia alla lucchese.
    e sapete perchè??
    perchè sono di lucca.
    alle volte bisogna ribadire cose ovvie…
    i lucchesi che gufano ci sono sempre stati,anche ai tempi in cui la lucchese vinceva.forse lo fanno per attirare l’attenzione.forse per snobismo.
    problemi loro.vanno semplicemente ignorati.

    RISPONDI
  • Admin
    25 marzo 2014, 13:18

    Grazie Giovanni e che la tua previsione si avveri. Poi oltre a quell’incontro ci saranno ( e tocco ferro ) i due derby del campionato di serie C, la vecchia e vera , mitica serie C.

    RISPONDI
  • Admin
    25 marzo 2014, 14:49

    tempo fa’ (correggetemi se sbaglio)ho letto un articolo dove si parlava delle differenze fra pisa e lucca…una cosa e’ certa…alla maggioranza dei lucchesi frega poco della loro citta’ e di tutto cio’ che la rappresenta e i 2 crac della lucchese calcio e il recente flop del basket sono secondo me legati anche al menefreghismo generale a tutti i livelli che regna in questa citta’…da lucchese devo ammettere che pisa e’ meglio di lucca!

    RISPONDI
  • Admin
    25 marzo 2014, 18:13

    carissimo, non te la devi prendere con cotoletto ma comprenderlo.
    Pensa che mentre te sei a vederti la partita allo stadio lui è stato la mattina alla messa poi a pranzo dai suoceri infine una bella passeggiata a Viareggio con la moglie a guardare le vetrine dei negozi.
    Ora immaginatelo con il cane al guinzaglio e la radiolina all’orecchio per sentire la Lucchese e dimmi come puoi provare rancore nei suoi confronti anziché compassione.

    RISPONDI
  • Admin
    25 marzo 2014, 20:08

    Occhio AMMONIO a ritenere facile la gara col Forcoli.

    Si tratta di una delle squadre più in forma del campionato, capace di raccogliere ben undici punti nelle ultime cinque partite. Un mese fa erano praticamente retrocessi, adesso sono tornati miracolosamente in corsa.

    Partita, dunque, da prendere con le molle. Di certo il finale di campionato è bello tosto. Se la Lucchese vorrà salire, dovrà davvero meritarselo.

    RISPONDI
  • Admin
    26 marzo 2014, 01:41

    COTOLETTO, si certo siam poghi. E dai…lascici divertì!

    MARCO, perché fallire??? Parli per scaramanzia, per “gufismo” o hai letto i bilanci?

    GIOVANNI, tocco ferro e naturalmente, se si farà, verrò a Pistoia (come quasi sempre….il primo derby lo vidi a Lucca e nella Pistoiese c’era Sergio Borgo…ricordo bene?????).

    BASITO, di facile non c’è nulla. Certo il Forcoli sembra meno difficile di Massa e Borgo S. Lorenzo fuori. Poi il calcio insegna che non si può dir gatto senza averlo nel sacco!

    RISPONDI

.

Newsletter