Rifiuti abbandonati a Badia Pozzeveri: un blitz inchioda il responsabile

ALTOPASCIO (Lucca), 28 febbraio – Annosa e difficile da risolvere la questione della frazione Capocavallo di Badia Pozzeveri, da tempo oggetto di un vero e proprio abbandono consistente di rifiuti da parte di cittadini dallo scarso senso civico e non solo.

Materiale edile, eternit ed oggetti di ogni tipo vengono lasciati a bordo strada senza il minimo scrupolo; già due anni fa, un video diffuso e girato da alcuni consiglieri di opposizione, mostrava uno ‘spettacolo’ preoccupante che non è ancora arrivato al suo giusto finale.

Tuttavia, se fino ad ora potevamo parlare di “vandali ignoti”, oggi, attraverso un blitz della polizia municipale – su richiesta del sindaco Maurizio Marchetti – è stato possibile dare un volto ed un nome al vandalo di turno.

In poco tempo, il capitano Italo Pellegrini ha trovato i dati utili per risalire al responsabile e si è precipitato a casa di questa persona, che abita in un comune confinante. Dopo aver ascoltato giustificazioni poco attendibili, il capitano ha invitato il responsabile ad andare a ripulire l’area, come in effetti è avvenuto nel corso della giornata.

Soddisfazione per l’esito del blitz è stata espressa dal sindaco Marchetti che però non nasconde una certa insofferenza per una ‘brutta abitudine’ che sembra ormai consolidata: “la stessa persona, incalzata dal capitano Pellegrini – precisa il sindaco – non ha saputo spiegare il perché di un gesto simile. Di sicuro non abbasseremo la guardia e intensificheremo controlli e verifiche, dicendo chiaramente che applicheremo il massimo di sanzioni e contesteremo questi comportamenti in ogni sede.

Intanto per l’interessato, oltre alla ripulitura della zona, scatterà anche una sanzione pecuniaria che – secondo il testo unico dell’ambiente – per privati che abbandonano rifiuti non pericolosi va dai 300 ai 3mila euro.

Ironica e pungente la reazione dei consiglieri del partito democratico che replicano: “ringraziamo il sindaco Marchetti per essersi occupato di questo problema ma francamente adesso siamo un po’ fuori tempo massimo per insignirlo di una medaglia al merito civile!

Già nell’aprile 2012 – prosegue il comunicato – ci siamo fatti carico di ripulire la strada che solo oggi solleva in lui tanta indignazione. Abbiamo denunciato incessantemente la situazione per tre anni consecutivi, chiedendo di fare controlli, indagini e repressione di questo fenomeno che è una vera e propria fattispecie di reato penale. Per anni abbiamo parlato ad un muro sordo e disinteressato.

Oggi per la prima volta apprendiamo di un interessamento del Sindaco che ha permesso l’individuazione di un responsabile; anche questa volta, come nel caso del censimento degli immobili sfitti alla lunga, abbiamo ottenuto ascolto”.

Ilaria Sorini
@LoSchermo

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com