Pannèlli levati dâ padilljoni della Borsa del Turismo. La Region hă deciśo, melljo nulla ché quê troiai lī, perŏ intanto s’èn paghi

LUCCA, 15 febbraio – Insomma via, alla Borsa del Turismo han fatto ê fatto ê pŏ l’han lèvi quê pannèlli cô l’immàgini della Toscana taroccate ché, piú ché la ridènte Péccioli, sembràvin paeśaggi della Tèra di Mèzzo del Sinnjore dell’Anèlli.
Cĕntomíla èuri di ‘ampannja pubblicitaria sputtanati per nulla; mà ché ni fă! Î toscani èn superiori â queste quisquilie ê pŏ il Partito un isballja mai, neanco quando sballja.
Però siccome in Toscana, volènti (pògo) ô nolènti (tanto) ci sian anco noaltri luccheśi – e î luccheśi si să èn tirchi – ci gírin parecchio î colljómbari perché quê soldini, cosī allegramente tirati via, èn anco nòstri. In un período di vacche magre comê questo, vesti cĕntomíla dovrébbin èssê motivo piú ché vàlido per fà cascà qualchê tèsta; e invece, l’únïa tèsta ch’è casca è quella di Letta che un c’entra nulla, poveraccio.

 fanni le scarpe ĕ stato vel polítïo rampante ché mordeva ‘l frèno da un popŏ. Vel polítïo chē un hă mai fatto mistèro delle su ambissioni d’arivà â Palasso Chigi.
Quel polítïo ché voleva rottamà il vècchio mòdo di fà polítïa, tanto da meritassi l’appellativo di Rottamathore.
Que’ Rottamathore chē avă piú vòlte ditto e ripetuto ché soltanto doppo le líbere elessioni ché s’avviava â vince, sarebbe ito al govèrno.

Ve’ Rottamathore chē combatteva contro alli spòrchi gioetti della vècchia polítïa s’è fato alleccurī anco lú da Re Giorgio; s’è convinto d’èssê l‘Òmo della Provvidènsa, s’è convinto ché, per salvà la Patria, per una vòlta poteva anco rifà î giòi della vècchia polítïa ê s’è sacrifïato autocandidàndosi alla càrïa di Primo Ministro. E intanto l’Italia da Repúbblïa Democràtïa è dovènta Repúbblïa Nŏminocràtïa ê la stampa tace, ansi acconsènte entuśiasta. Intanto la FIOM ê la CGIL fanno a stiaffi, la sinistra combatte la su fàida; peccato chē ‘l campo di battallja sii l’Italia tutta.

Anch’io, come î creativi della ‘ampannja pubblicitaria della Divina Toscana mi vŏ rifă â Dante

  1. Per mé si va nella città gaudènte,
  2. per mé si va ne l’etèrno splendore,
  3. per mé si va frà la illuśa gente.
  4. Orgolljo mosse il Rottamathore:
  5. fécelo la Giorgina Potestate,
  6. anco sē ‘l pòpol un ne fū fautore,
  7. primo ministro delle tère nate
  8. male da sèmpre ê per ciò vi giuro:
  9. lasciate unnj speransa, voi ch’ intrate.

Note: 1) Città gaudènte: l’Italia dovê si ride ê si cràpula comê nel Titànic prima di affondà. 2) L’etèrno splendore delle infinite òpere d’arte tutte, guarda caśo, del periodo preunitario quando l’itàlica gènte ha prodotto î capolavori. 3) Illuśa gènte ĕ il pòpolo italiano ché, nŏ ostante tutto, continua a illúdisi di levacci le gambe, magari cambiando la legge elettorale, ché pŏ un sèrve â nulla perché î govèrni li fan lo stesso sensa elessioni. 5) La Giorgina Potestate è l’immènso potere di Giorgio Napolitano ché ni permètte di perseguī il su disennjo, guaśi si fusse una Repúbblïa Preśidensiale. 6) Il pòpol un ne fū fautore: il pòpolo, come al sòlito, un è mai interpellato, decídan tutto lòro. 7/8) Tère nate male da sèmpre sono l’Italia; nata male dalle su orígini, nata comê conquista da parte de’ Rennjo Sabàudo ê nò dal pòpolo comê ci vòlljn continuă â fà crede. 9) lasciate unnj speransa, voi ch’ intrate, il piano de’ rottamathore ê dê su accòliti è: si fa la riforma elettorale, mi pilljo il mèrito d’avé fatto in pòghi mesi vel ché l’altri un han fatto in vent’anni, si lèva una di velle tante tasse ché gosta piú risquòtela di vel ché butta (tanto per fà contènto ‘l popolaccio e raccattà qualche altro voto), si vă â votà con lo sbaramento al 5%, vinco, mi lèvo dalle palle le ali estrème ê col prèmio di maggioransa govèrno indisturbato sensa oppośission per quarant’anni. Mòro sarà ‘ontènto, il compromesso stòrïo è dovènto reltă, la DC ĕ risorta, l’alternansa ĕ rottamatha.

Un mancate di fă una capatina sulla raccòlta lessicale luccheśe, frà le paròle di oggi c’èn anco:

allappà, biascï(c)ón(e), ceción(e), fistiàssi, gittín(o), inciampolà, lŏrolí, mentón(e), nocchín(o), pescúlljoro, rimborsolíto, scimuníto, torbàto, vinàta…

Guido Giovannetti
@salléssora
/ guido.giovannetti@nullloschermo.it

Leggi anche:
Premessa alla raccolta lessicale lucchese. Guida alla lettura

Vocabolario vernacolare:
Vernacolario / Dalla lettera A alla lettera C
Vernacolario / Dalla lettera D alla lettera L
Vernacolario / Dalla lettera M alla lettera R
Vernacolario / Dalla lettera S alla lettera Z

3 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

3 Commenti

  • Admin
    16 febbraio 2014, 00:24

    Analisi politia centrata in pieno caro. GIOVANNETTI !
    O, come diceva il mio amiho Enso (Enzo)…” Ci sei andato un popo’ di scartino”.

    RISPONDI
  • Admin
    17 febbraio 2014, 10:30

    ho letto tutti i giornali e l’unico articolo che fotografa la realtà lo trovo in una raccolta lessicale.
    Grazie Giovannetti!!! Questo è fare giornalismo e satira in maniera seria e vera oltre che divertente.

    RISPONDI
  • Admin
    17 febbraio 2014, 12:29

    Come si fa per far attivare la corte dei conti affinchè recuperi i soldi che l’assessore al turismo della regione Toscana ha sperperato?

    C’è qualche giudice o avvocato che ce lo può spiegare?

    Si può andare in qualche procura della repubblica a sporgere denuncia o basta anche andare dai carabinieri?

    Si accettano risposte anche da dipendenti e funzionari pubblici.

    Grazie in anticipo

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com