Campionato mondiale d’intervènto chirúrgïo: nòvo rècord 6 menuti ê 43 segondi

LUCCA, 8 febbraio“Prèsto ê bène stan male insième”. Quante vòlte l’hō sentito dī in quê 45 giorni ch’hō lavorato ‘n Comune nel lontano 1974. Avevo 19 anni allòra e avō vinto una selession per applicato â tèmpo determinato. “Prèsto ê bène stan male insième” èra i’ ritornèllo della capaufficio ché mi toccava sentí venti vòlte al giorno. Comê quella vòlta chē, disperato perchē come al sòlito, un c’avevo nulla da fà, mi díssin l’impiegati ansiani di sistemà l’archivio. L’archivio èra un mobiletto con 4 sportèlli indū c’èrin le pràtïe â cartèlla penzoloni. Mi díssin: “Sai, alle vòlte nella furia quando si rimèttin â pòsto le pràtïe ci si sballja ê doppo ci vòle un casino di tèmpo pe’ ritrovalle. Té le devi rimètte in órdine alfabètïo ammòdo.”
Quando doppo trē òre ni dissi chē avevo finito ê ché mi dàssin dell’altro da fă, un impiegato mi disse ché quello lie èra un lavorin ché deveva dură una settimana almen, ê la capa rincarō la dòśe col su:“prèsto ê bène stan male insième.”

Èrin altri tèmpi, òra biśonnja fà tutto alla svèlta. Anco î dottori c’han un tèmpo stabilito per fà le víśite. Cinque menuti â passiènte nel nòme della produttività. Peccato ché lo stesso passiènte abbi dovuto fà 25 menuti mínimo di coda per pagà allo sportèllo. Mà si vede ché per la parte amministrativa vale sèmpre “prèsto ê bène stan male insième.”
Anco l’operassioni andran â tèmpo. Nel 2020 si leggeră: I’ rècord mondiale per ell’intervènto alla pròstata quest’anno ĕ ito al luminare nippònïo Rikuci Sutura doppo chē ĕ stato saldamente nelle mano della connassionale Pia Latèra per bèn trē anni.
Ê quando subéntrin delle ‘omplicanse î caśi èn due. Ô si ricuce alla svèlta per un andà fòri tèmpo, o ‘l tèmpo ché si pèrde pe’ rimediă alle complcanse si recúpera col passiènte successivo; intanto la fila per pagă ‘l tíchet rèsta invariata: venticinque menuti mínimo.

La rassionalizzassion della sanità púbblïa ormai ĕ ineluttàbile, c’è pògo da discore; magari sarebbe melljo incomincià dall’aspètti burocràtici ê nò da velli tècnici. Doppo tutto il servissio primario ché dovrebbe garantí la Sanită è, per l’appunto, la sanità, mentre tutti vell’altri aspètti (pagamenti tíchet in prímise) dovrébbbin èssê di complemento ê finalizzati alla milljor erogassione possíbile del servissio. Invece quí pare ché si ‘ominci, come al sòlito, dalla parte sballjata: víśite â tèmpo prestabilito ê file per î pagamenti di 25 menuti mínimo segondo il vècchio mòtto: prèsto ê bène stan male insième.

Anco per el San Luca, comàndin lòro, un c’è sémbole; han deciśo di fallo e un si sbattézzin. Hă vòllja il bòn Baccèlli di dí che “Oltre all’aspetto degli accessi all’area, infatti, restano da sciogliere i nodi degli insediamenti produttivi nella zona, del collegamento con il progetto dell’asse viario est-ovest, nonché della sicurezza idrogeologica”.Hă vòllja di tonà contro ‘l Comune, il bòn Baccèlli! Ê piú chē altro han vòllja î cittadini d’incavolassi ê di fassi la domanda piū òvvia: â ché sèrve spènde una fraccata di sòldi per fă un ospedale peggio di vello ché c’èra giă, in un pòsto ché per arivacci un c’ènno strade, in un pòsto indū î parcheggi saran â pago, indū bàstin du gocce d’acqua per allagà tutto pròpio perché per facci l’ospedale han distrutto l’assètto idrològico?
Nulla, è comê per la costrussion dell’Euròpa: ĕ un’opportunită única (opportunità per chie?), ê con quello ti pàghino.
E allòra ècco la propaganda piú bièca ché si scatena: ècco le víśite guidate al nòvo San Luca (neanco fusse la città delle scènse di Calatrava â Valènsa); ècco le dichiarassioni roboanti: ogni volta che [San Luca] viene visitato da cittadini, associazioni, stakeholders – suscita un unanime apprezzamento.
Òra pŏ, chē î cittadini móstrin appressamento un mi pare, visto il malcontènto generale. Magari l’associassioni ê li stakeholders quelli sí, specialmente sē èn le stesse associassioni ê li stessi stakeholders ché han vorsuto â tutti î còsti (elevatíssimi) il San Luca. Mà quelli io li chiamo steakholders (ché si pronuncia uguale) ê ché vòl dí “detentori della bistecca”. La stessa bistecca chē onnj tanto ne tírin qualchê brandèllo al popolaccio per fallo stà bòno (finché ni dura).

Intanto dura l’aggiornamento della raccòlta lessicale. Soltanto alla S di paròle ce n’è divèrse ganze comê

sciammannàto, sciambràna, sciambrottà, sciancà, sciangómma, sciantillí…

Guido Giovannetti
@salléssora
/ guido.giovannetti@nullloschermo.it

Leggi anche:
Premessa alla raccolta lessicale lucchese. Guida alla lettura

Vocabolario vernacolare:
Vernacolario / Dalla lettera A alla lettera C
Vernacolario / Dalla lettera D alla lettera L
Vernacolario / Dalla lettera M alla lettera R
Vernacolario / Dalla lettera S alla lettera Z

1 commento

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

1 Commento

  • Admin
    8 febbraio 2014, 18:33

    Ah…ah…ah…Rikuci Sutura e Pia Latera…ah…ah…ah…!!!!!
    Oh GIOVANNETTI stai bonino su’, che stavorta se lo dio al mi’ dottore cosa m’e’ successo a ride nel legge veste cose, mi spedisce di corsa a fa una visita urgente dall’urologo. Ohioi, ohioi…
    A me la mi’ mamma e la mi’ nonna Annita mi dicevano ” Presto e bene une stanno insieme ” che vor di’ quer che hai detto te, piu’ o meno ( poggi e bue ).

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com