Spètta a una poeśía d’aprí la nòva session audioviśiva del vernàolo luccheśe

LUCCA, 1 febbraio – Oggi si ‘ambia. Invece ché del sòlito artíolo, vŏ pubblíă una poeśía; per e’ rèsto un cambia nulla. Val’â dí ché la raccòlta lessicale, com’al sòlito, ĕ aggiornata co’ una quarantina di paròle. In piū stavòlta c’ĕ una novită; oltre ché leggê la pubblïassion, la potete anco ascoltă sé vi lincate vī.
Questa ĕ un’esperimantassion ché, sé la òsa funge, allòra seguiràn dell’altri audioviśivi. Si tratteră di scène del vivê quotidiano ché si potran anco ascoltă, oltre ché legge.
Ècco la poeśía ch’hă l’ònere ê l’onore d’incinnjà la session audioviśiva, bòna lettura ê bòn ascolto.

Lavori in corso

Vi rammentate ‘l pèsso divertènte
ché fanno Aldo, Giàcomo ê Giovanni?
Quella scenetta indū mèttin î panni
di un par di pensionati, brava gènte,
ché guardin l’operai ‘ndelli scavi
ê dan consillj comê vècchi savi?

«Bada un popŏ, tíreli ammòdo î cavi!»
Ni dice paro paro uno dê due.
«E î tubi è melljo mètteli piū ‘n sue»
Ni fà quell’altro «Sopra velle travi! »
Insomma, fră un consilljo e ‘na bordata,
pàssin cosíe tutta la giornata.

Un giorno ché facevo una girata
e ‘n sulla strada c’èrin dê lavori
hō fatto caśo chē î lavoratori
èrino tutti d’un’etă avansata;
areggévino l’ànima cô dènti
ê tutti, piú nolènti ché volènti,

artrtici, gobboni ê sofferènti
fră uno starnuto e un colpo di tòsse
le tubature posàvin nelle fòsse.
E â guardà c’èrino lí preśènti
dê gióvini appoggiati alle transenne;
pensàvino: «Di vê lavori… avenne!»

Davanti â tutto vesto, le mi antenne
s’ènno arissate.«Bada lă!» Hō ditto
«Dían ché sian la Patria del Diritto
mà lòro lí ci làscino le penne,
vècchi com’ènno! Î gióvani, intanto,
per lavoră aspèttin insovanto.

Ché vita ché si fă, è tutta un pianto!
Chi pòle lavorà si tròva a spasso
ê chi è vècchio, dalla mòrte a ‘n passo
deve lavorà sèmpre, e anco tanto.
La vita è piū ‘n salita del Calvario
In quest’Italia fatta all’incontrario.

Guido Giovannetti
@salléssora
/ guido.giovannetti@nullloschermo.it

Leggi anche:
Premessa alla raccolta lessicale lucchese. Guida alla lettura

Vocabolario vernacolare:
Vernacolario / Dalla lettera A alla lettera C
Vernacolario / Dalla lettera D alla lettera L
Vernacolario / Dalla lettera M alla lettera R
Vernacolario / Dalla lettera S alla lettera Z

1 commento

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

1 Commento

  • Admin
    3 febbraio 2014, 12:54

    C’è poco da dire Guido, sei un artista!
    Un’occhiata ad una bacheca con sopra un disegno e zac, subito viene fuori l’ispirazione per una poesia.

    Bravo, con tanta stima!

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com