Alessandro Tambellini si racconta pubblicamente. Sperian la racconti giusta

LUCCA, 25 gennaio – Òra basta davero. Un se ne pòle piū. È possíbile chē â tené banco siin sèmpre le sòlite menate sulle ‘asette ché ‘l síndao ê la su assessora Viètina ni vòlljn fă alli zíngheri? E scuśate sē io li chiamo cosí, mà nòmadi un ènno ê tutte le vòlte dovē stă a scrive rom ê sinti mi sembra un’inútile pèrdita di tèmpo ê d’energíe; è un pŏ comê quando, in nòme un si să di ché, si dice: Un caldo augurio â tutte le amiche ê l’amici, onsennò compannje ê compannj onsennò bàmore ê bàmbori ecc. Sarebbe comé sé, quando dío: bènvensuti â tutti l’invitati volessi escludê le invitate. Un sii mai ditto, include è sèmpre melljo chē esclude ê, nel dubbio, piú ci se ne stiòcca melljo ĕ. Mah, mistèri dell’evolussion linguística nel nòme del polítically corrèct.
Tanto, per tornă â bomba, un è ché sé ni si fan le ‘asette le finanse del Comune vann’â picco piú di vel chē èn giă é sē un ni fan le finanse del Comune di ‘olpo si risollèvin; sian nella mòta (per un di peggio) in tutti î caśi. È una quistion polítïa e ideològica. Lo să ‘l síndao, lo să la Viètina ê lo san tutti velli ché ci s’aràbbin.

Hō visto chē ‘l síndao è del 1955, comê mē, quindi, comê mē èra bimbetto nell’anni 60. Dice anco chē è parecchio fièro delle su orígini contadine. Òra si racconta “dal contado al palasso, ièri, oggi ê domani”. Comê si racconteră?

All’incontro un ci son possuto andà, quindi un sō vel ch’hă ditto. Pòsso soltanto dí quel ché mi garberebbe avesse ditto. Mi garberebbe ché, frà l’altre ‘òse, avesse parlato anco de’ rappòrto òmo animali, argomento chē un fà tòrto â nimmo, visto chē anco nella “dèstra” il tèma è sentito al pari ché nella “sinistra”, basti pilljà come eśèmpio la Brambilla ê le su ‘ampannje in favore dê diritti dell’animali.

Mi garberebbe chē avesse raccontato comê ni tiràvin il còllo alle galline, comê le spennàvin, le strinàvin ê le sbuzzàvin per levanni î dentrami.

Mi garberebbe chē avesse ditto comê capponàvin î polli: ni mettévin du dita ‘n culo (índice ê mèdio) n’agguantàvin î colljómbari ê ni tiràvin via, sensa anesteśía.

Mi garberebbe chē avesse ditto di come ammassàvin î cunílljori, con un colpo secco dato col talljo della man sul còllo mentre li tenévin per l’orecchi, ê di comê li spellàvin, attaccati â tèsta in giú n’incidévin la pèlliccia â garetti, una soffiatina con la pompa da biciletta, un’inciśion lungo le zampe e il buzzo ê via, la pèlle veniva via chē èra un piacē.

Mi garberebbe chē avesse ditto chē, â tèmpi ch’èra bamboretto lū, specialmente nel contado, l’animali, chē oggi si chiàmin di ‘ompannjia, mangiàvin l’avvansi ê chē un c’èrin tutti î mangiarini e î gourmet ché c’ènno òra.

Mi garberebbe chē avesse raccontato ché, quando una gatta o una cannja filljàvin, si chiamàvin î vicini di ‘orte, si spargeva la notissia anco nell’altre ‘orti per vedé di falli adottă da valcun. Le gènti interessate venívin e scelljévin il cúcciolo ché volévin perché, sé possíbile, si cercava di falli campà tutti. Mà sé, preśèmpio, sú sei cúccioli ci riusciva di danne via vattro, vê due chē un èrin stati scèlti s’infonnjàvin sensa tante sémbole nella bua (per chi un lo sapesse la bua èra la fonnja â tenuta ché di sòlito èra accanto o, addirittura, sotto la ‘asa).

Mi garberebbe chē avesse ditto ché, sē un animaletto di ‘ompannja s’ammalava, un si portava di ‘orsa al veterinario, s’aspettava guarisse da per se ê, sē il male un guariva, allòra succedeva chē: î gatti s’allontanàvin di su volontă ê s’andàvin a scèllje un pòsto per morī; î cani, chē per temperamento èn piū appicïaticci, biśonnjava ché ci pensasse valcun di famillja (per sòlito il nònno).

Pŏ mi garberebbe ché avesse parlato della solidarietà vera e spontànea ché c’èra frà la gènte. Nelle ‘orti magari ci si litïava per ragioni di ‘onfine, per diritti di passo mà, quando una famillja o una persona èra in diffïoltà, tutti si dàvin da fà per poté èssê d’aiuto per pŏ, quando l’emergènsa èra passata, tornă â litigà per un passo ô per un confine; mentre òra per solidarietà s’intènde quella di Stato, quella coercitiva delle istitussioni chē òbbliga tutti a èssê solidari per delle ‘òse â noi lontane quando, all’istesso tèmpo, un si ‘onosce neanco piū chi stă al piano di sotto.

Un’altra ‘òsa ché mi garberebbe ché n’avesse discorso è l’economía familiare. Di comê nell’anni del “contado” la famillja èra centrale nella socetà ê di comê bastava il lavoro di una persona soltanto per tiralla avanti ê per cresce î filljòli. Di come oggi invece spesso un basta il lavoro di du persone; di come aî gióvani, quê pòghi ché c’aspírin, un ni rièsce di spośassi.

Dal contado al palasso, ièri, oggi ê domani; mi garberebbe chē avesse raccontato il ièri, specialmente â chi ièri un èra neancòra nato, l’avesse confrontato all’oggi, ê l’avesse proiettato nel domani per cercà di capí ché futuro c’aspètta.

É mi garberebbe ché quando si parla del futuro, invece di dí còse del tipo biśonnja sapē raccòllje le sfide della globalizzassion attraverso sinergíe condivise per la progettualità di un’economía sosteníbile rivòlta sí al mercato, mă anco â quê valori ínsiti nell’òmo (mă anco nella dònna) comé la solidarietă ê l’accolljènsa…, si dicéssin còse  chiare ê comprensíbili, cosí come òra io dico comê lo vedo io il futuro: una popolassion sèmpre piū egoista di ‘ontro a una solidarietà di Stato sèmpre piú pressante; l’aricchimento di pòghi di ‘ontro all’impoverimento dê piū; ê sèmpre piú canetti chē indòssin con ogolljo il su bèl cappotin anco quando fan î gennai comê ques’anno con 15 gradi all’ombra ê sensa brinate la mattina.

Per intanto ècco un assaggin dê vocàboli pubblïati oggi:

aggranchíssi, bercià, catèrba, doventà, filússoro, giacchettàta, inariàssi, logràssi, mattaràn(o), nissàto, peporín(o), rimasúlljoro, scèpe, topï(c)ón(e), vettàta ê tanti altri

Guido Giovannetti
@salléssora
/ guido.giovannetti@nullloschermo.it

Leggi anche:
Premessa alla raccolta lessicale lucchese. Guida alla lettura

Vocabolario vernacolare:
Vernacolario / Dalla lettera A alla lettera C
Vernacolario / Dalla lettera D alla lettera L
Vernacolario / Dalla lettera M alla lettera R
Vernacolario / Dalla lettera S alla lettera Z

2 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

2 Commenti

  • Admin
    25 gennaio 2014, 21:25

    Oh GIOVANNETTI…stavorta m’hai fatto ride e piange insieme.
    M’hai stioccato nella Macchina del Tempo e torna’ indietro di oltre 40 anni. Si, perché io son der ’65 e anche se ho 10 anni men di te, vengo dalla campagnia e tutte velle cose che hai scritto l’ho viste e vissute di persona.
    Mi riordo sempre come ammazzavino i polli , i cuniglioli e anco ir maiale …anche se era l’uniha cosa che ‘un facevin vede’ ai piu’ piccini, l’urli e i versi disperati della pora bestia ‘un si scordano mai. In guasi tutte le famiglie poi c’erino dei cacciatome, come si sapeva tutti la fine che facevano canini e gattini indesiderati …proprio come dici te. E ora quando racconto queste cose ai mii figlioli, ci manca poco che i gattini li fanno loro (da noi vor di’ vomitare)
    Forse sarà per tutte velle cose che ho visto da piccina che son animalista e contro la caccia? Mah, chissa’ Ovvia, ora tii saluto.
    Alla prossima!

    RISPONDI
  • Admin
    26 gennaio 2014, 13:53

    Complimenti, stavòlta ti sei superato. Si và davero vèrso un mondo induve l’òmo hă pèrso, oltre il mirinvèngo, anco la dinnjtà. E ‘l bèllo è chē un èn vensuti l’alièni da un’altra galassia a rèndici schiavi, abbian fatto tutto da noaltri.

    Hō scritto bène stavòlta, n’hō fatti erori?

    Ciao
    Tonin della Biòdola

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com