“Scuola intitolata a un fascista”: il sindaco di Lucca valuterà il cambio di nome. Intanto spunta un altro istituto che si chiama “Pistelli”

LUCCA, 8 gennaioL’intitolazione della scuola è avvenuta in passato. E’ necessario approfondire la questione per le opportune valutazioni”. Sono queste le parole con cui stamattina il sindaco Alessandro Tambellini ha risposto sulla sua bacheca Facebook alla petizione per cambiare nome nell’anniversario della Liberazione alla scuola elementare di Nozzano, intitolata nell’anno della sua apertura (1928) a Ermenegildo Pistelli, ossia – citiamo il testo della richiesta – “un sacerdote scolopio, filologo e glottologo, di aperte simpatie per il fascismo. In polemica con Benedetto Croce, che rifiutò sempre l’iscrizione al Partito Fascista, scrisse vari articoli sul giornale ‘Battaglie Fasciste’, organo del fascio fiorentino”.

“Si tratta di un argomento delicato, da approfondire – ha dichiarato il primo cittadino di Lucca, raggiunto telefonicamente per ulteriori dettagli –: qualcuno ha sollevato un problema e adesso voglio capire la maniera migliore di agire a riguardo”.

Tambellini ha fatto poi presente che “quella di Nozzano non è l’unica scuola della provincia che porta il nome di Pistelli, ma mi risulta che ne esista un’altra anche in Versilia”.

In effetti, dopo una breve ricerca su Google, viene fuori che a Camaiore – luogo di origine del sacerdote “incriminato” – si trova in effetti una “Scuola Secondaria di Primo Grado Ermenegildo Pistelli”, che probabilmente – se non altro per par condicio – a questo punto sarà la prossima a finire nel mirino dei promotori della petizione.   

In attesa del responso dell’Amministrazione lucchese si prepari dunque Alessandro Del Dotto, primo cittadino di Camaiore, dove tra l’altro, in pieno centro storico e più in particolare in piazza XX settembre ossia sulla parete della casa natale di Pistelli, si trova esposta una lapide in cui il fililogo viene definito “Filosofo eruditissimo, critico acuto, polemista formidabile, buono sopratutto specialmente con i giovani di cui fu padre e maestro incomparabile”.

Eresia o degno tributo? Ai posteri, anzi… ai sindaci l’ardua sentenza.

Stefano Giuntini
@Stefanogiuntini

Leggi anche: “Quella scuola è intitolata a un fascista”: petizione al sindaco di Lucca per cambiare nome alle elementari di Nozzano nell’anniversario della Liberazione

45 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

45 Commenti

  • Admin
    8 gennaio 2014, 14:16

    Segnalo al Sindaco che sulla facciata della Chiesa San Francesco c’è in bella vista un fascio littorio . Che dice? Andrà tolto anche quello?
    Segnalo al sindaco che quella specie di torre che sta sulla tribuna del Porte Elisa , dalla quale si mostra la bandiera rossonera, in verità era un fascio littorio , come ben risulta dalle cronache dell’epoca. Che dice ? sarà il caso di abbatterla ?
    Segnalo al sindaco che la lapide in onore di Carlo Del Prete , in piazza San Pietro , contiene espliciti riferimenti al fascismo . L’autore della lapide era Carlo Scorza , il ras di Lucca. Che dice , sarà il caso di levarla di torno ?
    Segnalo al sindaco che forse sarebbe opportuna la costituzione di una commissione per l’epurazione con il compito di redigere , in tre mesi, un elenco di tutte le situazioni in cui si rievoca il passato regime.

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 14:29

    sindaco ma non hai altro a cui pensare? – prima risolvi i problemi della tua città e della tua coalizione e poi pensa a queste cavolate che comunque è storia…

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 14:47

    E bravo il nostro primo cittadino!

    Via Togliatti, invece, va benissimo, no?

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 14:49

    siamo (anzi, e’) su scherzi a parte.

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 15:05

    Roba da matti, Stalin santo subito. Vergognatevi!

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 15:09

    Non ho parole, occuparsi di queste cose serve a dimostrare la qualità di questa giunta….
    In tempi migliori sarebbe interessante valutare una revisione della storia degli anni 44′, ’45, ’46…
    allora quante strade e scuole avrebbero bisogno di una nuova intitolazione!
    Togliatti docet…

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 15:34

    chiedo la rimozione di via togliatti alias ercole ercoli.stalinista e torturatore di italiani in russia.

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 15:42

    L’Italia patria del fascismo…va cambiata di nome..

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 17:06

    bene
    la giusta inizaitiva è servita!
    almeno se ne parla
    p.s. l’ho notato anche io il fascio littorio sulla facciata di s.francesco.un pugno in un occhio.al di là del riferimento alla dittatura(già di per sè deprecabile), è anche brutto esteticamente.

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 18:31

    del resto, se a Firenze dedicano una piazza al feroce Bruno Fanciullacci, assassino del prof. Gentile, chissa’ questi cosa si inventeramno.

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 19:13

    No all’epurazione postuma a quasi 100 anni dalla morte di Pistelli. Spero bene che il Sindaco rifletta ed eviti un ridicolo scivolare verso posizioni assurde e antistoriche.

    PS Anche Del Dotto spero vorrà ragionare. Oltre alla scuola Viale Pistelli è una delle strade principali di Lido di Camaiore, se ben ricordo……

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 19:35

    A mio avviso del dotto ha posto la questione in maniera sbagliata, non va levata la dedica poiché era un simpatizzante fascista, ma a mio avviso andrebbe cambiata per i fatti che sono avvenuti all interno, come ha spiegato orsi.

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 19:44

    come mai allora lasciano i campi di concentramento? eliminiamoli ricordano il terzo reich nazista.

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 20:53

    la famosa strada che dice Ammonio sono i chilometri di Lungomare di Lido di Camaoiore!!!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    8 gennaio 2014, 21:54

    Dai abbattiamo anche lo stadio è di epoca fascista, che aspetta il tambao e il tuccori a mandare la squadra dei lavori pubblici a tirarlo giù almeno in un sol colpo si liberano di questo monumento fascistoide e del Bacci.

    scherzavo eh!

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 04:06

    Così per la cronaca TUTTA la parte superiore della facciata di San Francesco fu fatta in epoca fascista. Compreso il rosone. Medievale è solo la parte bassa. Ora, se ai tempi della Repubblica di Lucca sulle facciate mettevano lo stemma con scritto LIBERTAS, se ai tempi del Principato di Lucca e Piombino mettevano lo stemma Buonaparte Baciocchi completo di AQUILA IMPERIALE, se ai tempi del Ducato mettevano lo stemma di Maria Luisa e poi di Carlo Lodovico, completo di GIGLI BORBONICI, se ai tempi del Granducato mettevano lo stemma lorenese, con chiari riferimenti AUSTRIACI, se ai tempi del Regno d’Italia mettevano lo stemma dei Savoia, con CROCE BIANCA in campo rosso, cosa avrebbero dovuto mettere i fascisti?? Ovviamente il FASCIO. Ebbene, alla fine della Repubblica di Lucca furono rimossi quasi tutti gli stemmi, lo stesso alla fine di principato, ducato, granducato, regno e fascismo. Qualche stemma però è rimasto. Per esempio sulla porta della Prefettura (cortile Carrara) lo stemma della Repubblica c’è ancora. Sui colonnini allo sbocco di via Di Poggio su Piazza San Michele i gigli borbonici ci sono ancora. Piazza Napoleone fu così rinominata in epoca risorgimentale. Gli stemmi granducali i lucchesi li fecero fuori tutti perché, evidentemente, il granducato l’avevano proprio digerito male. Qualche stemma sabaudo è rimasto, ad esempio su una lapide all’ingresso principale del solito Palazzo Ducale. Di fasci ne son rimasti. Sulla facciata di S. Francesco, sui lampioni in piazza della stazione (coperti con mutanda di bandone), su un ponte a Piazza di Brancoli, su alcune lapidi… Bene, non mi pare il caso di distruggere questi fasci che altro non sono che un segno della storia. STORIA. Non politica attuale. SVEGLIA!! La raffica a Giulino (o forse altrove) fu sparata quasi 70 anni fa!!!!!

    PS, quando cadde il comunismo (1989 circa)fui pronto a scattare, armato di nastro da pacchi, per coprire il nome di Togliatti sul cartello stradale che indica la via a lui intitolata. Ci riusciii male. Il cartello è alto e ci arrivavo con fatica. Inoltre passava gente e temevo di beccare una sonora ciaffata da qualche comunista. Nel tempo ho più volte ripensato a quell’atto e concluso che via Togliatti può anche restare al suo posto. In fondo ricorda il fatto che comunisti e democristiani intitolavano vie ai loro capi politici. Anche via Togliatti è un simbolo storico; inoltre, piaccia non piaccia, lo stalinista Togliatti è un fondatore della Repubblica Italiana e contribuì, con la famosa amnistia, pacificare la nazione dopo la guerra civile. Infine anche lui è ormai defunto da cinquant’anni. Insomma anche Togliatti è storia. Come abbiamo via Togliatti possiamo tenerci la scuola Pistelli e qualche residuo e storicizzatissimo fascio.

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 10:59

    Che dire allora delle teste degli eroi risorgimentali sulla facciata di S. Michele? Tutti anticlericali e massoni. Che ci spiegano a deturpare un edificio religioso, opera d’arte del XIII secolo?
    Ammonio, non mi sembra che la pacificazione abbia avuto successo. La guerra civile ideologica non è mai cessata

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 12:03

    ammonio
    in teoria avresti anche ragione te..
    il problema è che per qualcuno il periodo fascista non è storia,come tale appartenente al passato,alla quale guardare con distacco(per quanto sia possibile ,perchè si parla di una dittatura che ha portato l’Italia alla rovina),ma una ideologia politica da far rivivere nel presente.
    sono pochi,per fortuna,e le elezioni politiche certificano la loro irrilevanza numerica.ma ci sono.

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 12:30

    Se il sindaco avallasse questa richiesta aprirebbe un bel vaso di Pandora creando un precedente abbastanza scomodo!

    Ora Pistelli, poi a chi tocca? a D’Annunzio? Ma si, eliminiamo anche le strade con il nome del Vate, le scuole e tutte i testi sui libri di letteratura italiana e al suo posto mettiamo Federico Moccia!!

    e poi pero’ tocca a Togliatti eh!

    Ma non fatemi ridere!

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 14:50

    Chiedo che il quotidiano “Repubblica” elimini dal frontespizio ogni riferimento al proprio fondatore,
    già aderente ai Gruppi Universitari Fassisti, ed attivo collaboratore di giornali e riviste fassiste.

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 15:43

    Sara dimostri di essere anche molto ignorante perchè il fascismo non ha portato l’Italia alla rovina. Anzi ne ha innalzato il livello culturale, economico e di prestigio e ha creato lo stato sociale che oggi ti permette di avere assistenza sanitaria, garanzie sul lavoro e una pensione.! L’unica cosa che ha rovinato l’italia è stata la guerra! come d’altronde ha rovinato tutta europa!
    Se l’Italia ha potuto ripartire alla grande dopo la guerra è stato grazie alle grandissime riforme apportate dal fascismo. Mi dispiace ma questa è storia!
    La rovina l’hanno portata i regimi comunisti che a te piacciono che a distanza di 100 anni circa (rivoluzione d’ottobre) non hanno raggiunto il livello di benessere e civiltà che tu puoi godere ma che non riesci a capire. Ti farebbe bene un bell’annetto sabbatico in Corea del Nord in uno stato sperduto della Russia.

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 16:42

    A proposito di Carlo Scorza,Segretario Federale e figura di primo piano del regime che regalò,o meglio dette in prestito la Valdinievole lucchese ai pistoiesi,occorrerebbe intitolargli le mura,sarebbe atto dovuto per chi ha fatto del bene a Lucca ed all’Italia.
    Il problema nasce come rintitolare tutte queste opere del ventennio ,non sarà facile ma si dovrà sostituire con qualche altro nominativo cercandolo tra i” benefattori italici”della passata legislatura!

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 17:11

    ammesso e non concesso che il fascismo abbia creato lo stato sociale (in realtà pensioni ed assistenza sanitaria esistevano già prima,ma lasciamo perdere..),la guerra agli alleati chi l’ha dichiarata?
    chi ha trascinato il nostro paese in una guerra disastrosa,per la quale non era pronto?
    tralasciando poi altre cosette tipo soppressione delle libertà civili e politiche,o leggi razziali.bazzechole.
    paolo mi sa tanto che l’ignorante sei te…
    sul comunismo non ti rispondo neppure,non devo difendere nulla io, non sono comunista.
    mi limito a ricordarti che due torti non fanno una ragione.

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 19:39

    SARA, bisogna separare le due cose. I neofascisti o i neocomunisti sono cosa diversa da quanto avvenuto in epoche lontane più di 50 anni. Togliatti, tanto per tornare all’esempio di prima, è per me ormai un personaggio storico, così come Scorza o Pistelli. Posso stare a ore a discutere sui rapporti tra Togliatti e lo stalinismo, ma tale discussione è ormai una discussione da storici. Se, per ipotesi, Rifondazione Comunista prendesse la maggioranza assoluta alle elezioni e governasse l’Italia, non credo che avremmo una dittatura uguale a quelle di Stalin o di Lenin. Non so cosa avremmo; in fondo è irrilevante, perché la maggioranza assoluta non ce l’hanno. Però è certo che la storia non si ripete mai in modo identico. Ovviamente non intitolerei una strada a Scorza, a Mussolini o a Stalin. Ma via Togliatti e la Scuola Pistelli ci sono. Sono intitolate a personaggi storici. Lasciamole lì. Con il metro di oggi Castruccio sarebbe un mostro. Con il metro di un tempo un eroe. Lasciamo stare viale Castracani. Con il metro di oggi Napoleone sarebbe un mostro. Con il metro di un tempo un eroe. Lasciamo stare piazza Napoleone. Con il metro di oggi Kennedy dovrebbe lasciare la presidenza per scandali sessuali. Con il metro degli anni ’60 quelle eran faccende private. Lasciamo stare piazzale Kennedy. E infine lasciamo stare la scuola Pistelli….in fondo il povero Pistelli, al contrario di Napoleone, non ha mai torto un capello a una mosca.

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 21:09

    garibaldi allora col metro di ora figuratevi.

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 21:10

    e napolitano che era dei GUF?

    RISPONDI
  • Admin
    9 gennaio 2014, 22:41

    Vorrei precisare a ammonio che una scuola non è una strada. Immaginiamo
    prima scena: Un bimbo che va a scuola che chiede “maestra perche la mia scuola si chiama manzoni, collodi, ecc ecc?” “Perche la tua scuola è dedicata a una persona che ha contribuito con ilmsuo lavoro, la sua intelligenza, le sue virtu, a fare piu bella l’italia a….e voi ragazzi dovete essere orgogliosi del fatto che la vs scuola si chiami cosi”
    Seconda scena” maestra chi era Pistelli? Perche la ns scuola si chiama cosi? Mamma dice che era una persona di cultura ma che appoggio molto volentier chi bruciò i libri in piazza e tolse la verita dai libri di scuola, e fece uccidere tanti bambini come me nei lager, e fece chiudere i giornali, vieto le associazioni , è vero? ” si ragazzi è vero, come è vero che proprio qui nella vs scuola furono torturati degli innocenti, che poi furono uccisi perche si riifiutarono di consegnare la nostra nazione a una dittatura nazista vergognosa”…..silenzio

    Bella scena eh…si si, liquidiamo,a con il dire è storia. Ma la storia cambia pagina noi continuiamo a fare i conti, e soprattutto a lucca, con persone che non solo si dicono fasciste, ma si comportano e inneggiano continuamente al fascismo. Allora forse anche un gesto come dare finalmente un nome dignitoso a una scuola, puo essere importante e significativo.

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 09:28

    il fascismo e’ stato un perido splendido con luci ed ombre , arte cultura cose positive o meno..un periodo storico

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 09:52

    Con i criteri di questi commenti non ci sarà più alcun personaggio degno di memoria in quanto la valutazione delle sue idee politiche porrà un ostacolo al suo operato. Non si può mettere in discussione la storia andiamo avanti e vediamo di fare qualcosa per il nostro paese e la nostra città

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 10:54

    ammonio
    in teoria è come dici tu
    però ti ripeto:non ci sono in giro nostalgici di napoleone o di castracani
    di mussolini sì
    per quello credo che le situazioni siano diverse e per ora il fascismo non è ancora storia(purtroppo..)

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 11:57

    La teoria e la pratica devono coincidere. Sono passati 70 anni. Ci sono stati i comitati di liberazione nazionale, ci sono stati commissari e commissioni di epurazione. Se l’intitolazione della scuola a Pistelli è stata conservata vuol dire che la cosa non è stata ritenuta opportuna o importante. E’ L’ORA DI FINIRLA CON QUESTA IGNORANZA. E’ l’ora di lasciare il passato dove sta invece di rimestarlo perché se la toponomastica delle strade italiane dovesse seguire i criteri di questa strampalata richiesta non finiremmo più di cancellare nomi e abbattere monumenti!

    Pistelli non è ricordato come fascista e nessuno si è sognato di seguire le sue gesta fasciste perché sono trascurabili!

    IL CATALOGO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO NAZIONALE RIPORTA 20 PAGINE DI OPERE DI PISTELLI COME FILOLOGO E STORICO DELLA LETTERATURA ITALIANA e CLASSICA

    http://www.sbn.it/opacsbn/opaclib?db=solr_iccu&nentries=10&select_db=solr_iccu&from=51&searchForm=opac/iccu/error.jsp&resultForward=opac/iccu/brief.jsp&do_cmd=search_show_cmd&format=xml&rpnlabel=+Nomi+%3D+IT%5CICCU%5CRAVV%5C073427+&rpnquery=%40attrset+bib-1++%40attr+1%3D5032+%40attr+4%3D1+%22IT%5C%5CICCU%5C%5CRAVV%5C%5C073427%22&totalResult=223

    VERGOGNATEVI TALEBANI!

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 11:59

    Io credo che la grande Lucca abbia bisogno/necessità/diritto di un lebensraum che vada dalla Foce del sacro fiume Serchio fino alla Foce del Magra e a tutta la Lunigiana e si estenda ad est fino a Serravalle e san Miniato.
    Presto sorgerà un nuovo Principe che tornerà a far grande la nostra patria lucchese, a quel punto verrà rialzata l’Augusta dove il principe troverà degna dimora, il suo augusto predecessore tornerà ad essere considerato padre della patria e ad ammonio verrà affidato il compito di ripulire la città e lo stato da qualunque simbolo o stemma non facciamo diretto riferimento a Casa Antelminelli

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 13:42

    …non ci sono nostalgici di Napoleone???
    Ci sono! Unione della Nobiltà Napoleonica
    Scopo dell’Unione è quello di mantenere vivi i ricordi, i principi, i valori e gli ideali dell’epopea napoleonica, nonché di contribuire alla diffusione dei medesimi.

    periodici.http://www.unionenobiltanapoleonica.8k.com/

    Propongo di cambiare il nome di Piazza Napoleone!

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 13:54

    Grande “Schermo”!!!
    Guarda po’ po’ di post…sul nulla!

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 15:17

    Castruccio Castracani è un traditore della patria avendo organizzato insieme a Uguccione della Faggiola il sacco di Lucca del 1314 durante il quale furono compiuti delitti e saccheggi ai danni dei ghibellini e fu rubato il trsoro papale custodito in San Fediano. Castracani è stato un tiranno sanguinario peggio di Mussolini.

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 16:26

    Troppo poco per ricordare Castruccio.
    Non c’è da cambiare niente,nella millenaria storia di Lucca,la figura di Castruccio Castracani rappresenta il meglio di questa città che ha dato i natali a molti altri illustri cittadini ma, mai nessuno di loro,ha avuto un carisma come il condottiero ghibellino.
    Giudicare Castruccio con il metro moderno può far immaginare che egli fosse un poco di buono ma,non è così,fu l’unico in Toscana a mettere sotto gli invincibili fiorentini vittoriosi su Siena Arezzo e Pisa ,fu l’unico a schernire i fiorentini,rinchiusi nelle loro mura,mandando prostitute a cavallo in lungo e largo.
    Non è stato traditore della patria in quanto l’episodio narrato lo vide sottoposto ai pisani ,lui obbediva semplicemente agli ordini,comunque mettendoci del suo in quanto chi comandava a Lucca in quei periodo aveva cacciato la sua famiglia.
    Sarà sempre troppo poco quello che Lucca farà per ricordare Castruccio meritevole di rivisitazione storica in senso positivo!

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 18:36

    Bebo
    Il paragone non sussiste!
    Un partito napoleonico non mi risulta che si presenti alle elezioni!

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 19:26

    e poi scomunichiamo anche Viani o Pea, e magari togliamo il Nobel a Dario Fò che era repubblichino?…

    RISPONDI
  • Admin
    10 gennaio 2014, 20:31

    Se n’è parlato anche troppo.

    Poche storie: nessun cambiamento di nome e fine.
    Tambellini, saprai terminare questa stupida discussione con un comunicato di due righe non di più, senza neanche spiegarne i motivi, umiliando quegli idioti che hanno sollevato questa sciocchezza?

    RISPONDI
  • Admin
    11 gennaio 2014, 01:14

    E carlo del prete ????

    RISPONDI
  • Admin
    11 gennaio 2014, 01:52

    @Nicola
    Nemmeno il partito Fascista si è presentato alle elezioni negli ultimi 70 anni. Invece il partito comunista è fino a pochi anni fa era in parlamento.

    RISPONDI
  • Admin
    11 gennaio 2014, 11:15

    il paese e’ in crisi,i giovani non trovano lavoro,le famiglie non arrivano a fine mese,la poverta’ aumenta ogni mese,pensioni al minimo,i giovani fuggono all’estero perche’ in italia non trovano prospettive lavorative,infrastrutture inadeguate,le piccole e medie aziende falliscono e chiudono,operai perdono lavoro,pil al minimo storico.

    ma il problema piu’ grande, e’ cambiare il nome alla scuola,perche’ e’ intitolata a un fascista.

    RISPONDI
  • Admin
    11 gennaio 2014, 12:58

    Ti sbagli
    Ci sono dei piccoli partiti che si rifanno esplicitamente al fascismo.per fortuna nessuno li vota.ma ci sono.

    RISPONDI
  • Admin
    11 gennaio 2014, 16:56

    @NICOLA
    Se è così, sarebbero perseguibili. Denunciali!!! ahahahaha

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com