Tambellini blocca la riqualificazione del Campo nomadi: «Non ci sono le condizioni tecniche, urbanistiche e finanziarie per proseguire con questo progetto»

LUCCA, 28 dicembreRitengo che sia il momento di sgombrare il campo da tutte le ipotesi più o meno fantasiose che ho letto sugli organi di stampa a proposito del campo di accoglienza, erroneamente definito ‘Campo nomadi’».

A parlare in una nota diffusa alla stampa è il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini. «L’ipotesi di intercettare un finanziamento regionale ad hoc per riqualificare l’area attualmente utilizzata come campo di transito e per dotarla di strutture destinate all’accoglienza provvisoria è stata attentamente vagliata dall’Amministrazione.

Dopo aver appreso tramite gli uffici comunali dell’esistenza di una linea di finanziamento regionale a ciò specificatamente destinata ho dato mandato agli uffici competenti, che ringrazio per l’ottimo lavoro fatto, di esplorare la fattibilità e gli eventuali costi dell’operazione. Questo perché ritengo che la decennale vergogna del grave livello di degrado raggiunto dalle aree sulle quali oggi insistono i campi nomadi del nostro territorio andasse risolta una volta per tutte in modo strutturale. Fino ad oggi, infatti, tutte le Amministrazioni che si sono succedute hanno accuratamente fatto finta di non vedere la situazione presente a due passi dalle mura urbane e nel bel mezzo del parco fluviale.

Per questo motivo, ho ritenuto fosse doveroso studiare la questione per valutare se l’opportunità del finanziamento potesse rappresentare l’occasione giusta per riqualificare l’area. Tuttavia, dalle analisi fatte è emerso che, allo stato, non ci sono le condizioni tecniche, urbanistiche e finanziarie per proseguire con questo progetto.

Ciò detto, non intendo nascondere che resta irrisolto un problema che, comunque non può più continuare ad essere ignorato. Purtroppo, spesso la discussione su questo tema trascende e compaiono toni forti e polemici che raggiungono talvolta il livello della discriminazione, facendo perdere di vista la vera criticità. Tutte le città che hanno affrontato scelte innovative su questi temi hanno impegnato energie e lunghi periodi di sperimentazione, ma è su questo che si qualificano le politiche di inclusione e coesione sociale. Manterremo quindi un confronto aperto su questi temi econclude il primo cittadino – invitiamo la città, in tutte le sue articolazioni, a passare ad un livello propositivo e a collaborare con l’amministrazione per risolvere quello che è un problema di tutti».

@loschermo

24 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

24 Commenti

  • Admin
    28 dicembre 2013, 17:08

    ma ,scusate….si parlano il Sindaco con la sua Vice ?
    una parola sola per definir il tutto.
    INADEGUATI

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 17:15

    Non ho capito.. Cosa vuole fare? Cosa propone? È lei che detiene il potere esecutivo non io. Come vuole includerli?

    ps la vietina voleva fare le casette nel solito punto dove sono le baracche, a 2 metri dalle mura e nel parco fluviale, cosa cambiava?

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 17:20

    mi pare lampante.. uno dice bianco e l’altra dice nero..rimpastatevi un’altra volta forse poi quadrerete il cerchio..

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 17:32

    un passo avanti due indietro un pasticcio di li una casino di la, l’importante è stare li a occupare poltrone senza concludere assolutamente nulla, però sono brave persone!!

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 17:32

    I Nomadi basta che tengano pulita l area e non la lascino al degrado!!!
    In una sola parola in ordine!.

    Se il comune abbassa il capo si va poco lontani nella riqualifica!!!

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 17:39

    Quindi il Sindaco propone a noi di dare a lui una soluzione perché la situazione è difficile e che quindi resta un problema irrisolto e che non può più continuare ad essere ignorato. Bene, Sig. Sindaco come lei saprà vi sono altri insediamenti sul territori, alcuni anche invasivi, dove purtroppo poco si sa di cosa accade in questi luoghi. Perché non fate un bel censimento territoriale dei siti dove vi sono insediamenti, vedere e certificare chi vi soggiorna, ripristinando l’ordine e la legalità.
    Poi individuare sette/otto zone dove realizzare microinsediamenti e togliere questo “problema irrisolto”, magari provando a coinvolgere anche Amministrazioni limitrofe, o queste servono solo per propaganda elettorale e consegne di tessere di Partito?? E finalmente iniziare a far rispettare la legge, pagare le tasse, mandare i figli a scuola senza se e senza ma….. Poi se le andasse bene quanto proposto, le consiglierei di dare le dimissioni e di nominarmi Sindaco per un paio di anni, vedrebbe che non avrei bisogno degli uffici per sapere cosa fare sul territorio di Lucca. Ma lei è Lucchese o di Giuncugnano?

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 19:37

    bella mi dittatura!!!

    si continua a perder tempo prezioso parlando del NULLA e oltretutto con ZERO soluzioni.

    Roba da matti,questi qua vengono eletti da due gatti e che vogliono fare?? Concertare,dialogare,essere aperti e propositivi…. tanto hanno il sedere sulla poltrona e le tasche piene.

    Dovreste essere li per PRENDERE DELLE DECISIONI, giuste o sbagliate non sta a me dirlo,ma caspita, dovete decidere,non parlare a vuoto!

    Poi vi lamentate che la gente non segue la politica,e ci credo: ho il vomito!

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 20:20

    ….mi sa che il Tambella ha sentito odore di centinaia di voti persi….e ha fatto una clamorosa marcia indietro con sputt_____mento della Vietina.
    Siamo alle comiche! peccato che questi signori non sono pagati per fare i comici ma per amministrarci.

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 20:27

    in un paese normale, con gente civile amministrato da persone coerenti, ( tutti cose chiare , no? o il Tambella o la Vietina avrebbero rassegnato le dimissioni; per coerenza.
    Certo, occorre averla.

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 20:37

    in un paese normale prima di proporre ai quattro venti una cosa che fa così discutere e divide, qualsiasi sindaco avrebbe sondato i numeri e gli umori della sua maggioranza per capire se la cosa si riusciva a far passare dal consiglio e poi l’avrebbe comunicata. Ma qui funziona al contrario così adesso c’è da fare retromarcia

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 20:37

    Già … con le precedenti amministrazioni invece andava tutto bene, vero? Fazzi, Favilla hanno gestito bene la situazione e solo Tambellini non sa che pesci prendere.
    Io non vorrei essere nei panni di chi deve affrontare questa patata bollente … Questa retromarcia è anche sicuramente dovuta al malcontento generale e adesso che è avvenuta per voi non va bene, se avessero fatto le case non andava bene e insomma non va bene a priori e a prescindere. Eppure guardate che qualcosa poi bisongerà fare almeno di non ignorare la cosa e lasciare che il campo diventi una discarica ( e forse lo è di nuovo ) oppure lasciare che venga consumata acqua per 100000 Euro come è accaduto in passato.

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 20:51

    Questa è forse una sfiducia implicita del vicesindaco?

    RISPONDI
  • Admin
    28 dicembre 2013, 23:46

    Bla, bla, bla

    Ma ci fosse stato UN giornalista, a chiedergli conto della questione dei contatori, e delle dichiarazioni buoniste del sig. Sensi

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 05:24

    L’area ABUSIVAMENTE occupata dal campo nomadi è l’unico spazio verde che collega il fiume con le Mura. Non ci si può costruire un bel nulla ed è bene che si continui a non poterci costruire (a proposito è orrendo il fabbricatino PIUSS in costruzione sul viale Del Prete). L’area andrebbe sgomberata e risistemata con alberi, sentiero che colleghi il parcheggio del cimitero con il fiume, pista ciclabile ecc. Altrove andrebbe fatto un piazzale decente per i “nomadi” (ma in verità stanziali). Il problema è che NESSUNO, a livello politico, vuol prendersi la responsabilità di decidere un sito alternativo. Questo perché questa gente nessuno la vuole. Ecco qua il vero razzismo. Quello che, ovviamente, la politica non sa come affrontare.

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 10:45

    Non avrei mai pensato di dover rimpiangere Favilla! Sempre peggio, di questo passo ci ritroveremo Mario Sonsodo sindaco.

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 12:47

    Ecco Cuordileone che non ci pensa 2 volte a cercare di salvare se stesso. A volte chiede “scusa” pensando che basti, altre sputtana tutti quelli che gli stanno d’intorno. Non dico che andava bene il villaggio ufficiale Rom lì sul fiume (anzi….quello deve essere parco e basta)…ma una soluzione definitiva occorre. Fazzi Favilla Tambellini non hanno osato trovare un’area idonea perché tutti questi democristiani di fondo sanno che tutti i ‘credenti’ lucchesi (magari compresa la Vietina) un campo Rom prossimo alla propria casetta non lo vorrebbe nessuno. Il posto va trovato…..ma un popò più in là…In padule forse….Bisogna sentì Porcari, magari regalandogli qualcosa…

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 14:09

    E ora mandate a casa sant’Ilaria (Vietina) protettrice dei Rom!!!!!!!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 14:15

    Ubi mair minor cessat.

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 18:26

    Sindaco Tambellini se le parole hanno un senso :”area utilizzata come campo di transito e per dotarla di strutture destinate all’accoglienza provvisoria ”
    transito non vuol dire permanenza, accoglienza provvisoria significa per un tempo limitato. quindi di “campi nomadi” non deve esserci traccia, meno che mai dietro al cimitero urbano. Le piazzole di sosta delle autostrade diventano forse campi permanenti per gli automobilisti senza fissa dimora?per quanto riguarda i sinti del fiume, è un parco fluviale, in un parco pubblico possono starci accampamenti?
    colgo l’occasione per chiedere se dopo aver collocato i contatori dell’acqua e l’emissione di bollette da parte della Geal, i fruitori del servizio idrico, hanno provveduto a pagare il dovuto , onde evitare per l’ennesima volta , che il Comune, cioè i cittadini lucchesi, paghino i debiti degli zingari….stesso discorso ovviamente vale per la raccolta dei rifiuti…..ops ma loro la fanno la raccolta? ad occhio e croce vedendo il campo direi di no….attendo notizie in merito.

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 19:07

    commenti della professorina Vietina? ancora nulla?

    RISPONDI
  • Admin
    29 dicembre 2013, 19:48

    @Lido Fava…… ahahahahahah spero vivamente non sia lei, ma un suo nemico.
    Lei è pure professore….. ubi MAIOR minor cessat.
    Mair le un bel Mair.
    Ma via, ma giù, gnurant.

    RISPONDI
  • Admin
    30 dicembre 2013, 14:38

    Giusto lei che faceva parte della maggioranza di destra che ha creato questo problema. Vergognatevi tutti.

    RISPONDI
  • Admin
    30 dicembre 2013, 16:40

    @lido fava

    ..a parte che voglio vedere chi ha creato il problema….

    ma caro Lido, il tuo bel sindaco di centrosinistra l’unico modo che ha per risolvere i problemi è quello di imboscarli, minimizzarli o come in questo caso delegarli agli altri!!

    Complimenti, a te ed al tuo caro sindaco….

    ora et labora
    maiorem non habet.

    RISPONDI
  • Admin
    3 gennaio 2014, 15:51

    considerata la cultura dell’illegalità che regna sovrana nelle popolazioni nomadi e la loro avversità all’integrazione di regole e leggi, siamo fortemente contrari all’iniziativa di riqaulificare il campo nomadi in qualsiasi forma si voglia, giacchè il nomadismo prevede il doversi continuamente spostare, il sindaco deve dimostrare con i fatti quanto detto a parole, da parte nostra siamo fortemente dubbiosi che questo accada.

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com