Mannocci (Italia Nostra) rispode a Olivati (PD) sulla partecipazione

LUCCA, 25 giugno In data 19.06 abbiamo inviato una breve nota con alcune considerazioni critiche sul tema della PARTECIPAZIONE così come inattuata dall’A.C. di Lucca e di cui avrebbe dovuto essere esplicita testimonianza il convegno culturale titolato PERCORSI DI PARTECIPAZIONE, svoltosi il 21 pomeriggio a villa Bottini.

Precisaiamo che tale nota era indirizzata: al Sindaco di Lucca, a tutti gli Assessori di Lucca, a tutti i Capigruppo Consiliari….. ovvero a tutti coloro che rappresentano i vertici della responsabilità amministrativa comunale e, quindi, anche di quella partecipativa…..

Tutti i destinatari  della nota hanno taciuto, ma allo “sprezzante” contenuto della stessa (che scherzava sui convegni filosofici ed astratti e ribadiva il giudizio di assoluta inutilità di uno specifico assessorato alla Partecipazione) ha risposto il giovane  Gabriele Olivati, responsabile dell’argomento all’interno della segreteria del Partito Democratico.

Apprezzavamo di più  Olivati quando cercava di fare onestamente resoconti giornalistici completi e fedeli per la stampa locale, più che nelle vesti di astratto difensore di astratti principi e di astratti convegni, paladino di altissimi voli pindarici e di vertiginose profondità. A volte nell’alto o nel profondo ci si può perdere o annegare.

Noi chiedevamo che l’Amministrazione di Lucca si confrontasse concretamente con tutti i cittadini sulle proprie scelte, ripetiamo con  tutti i cittadini….

Il Presidente (arch. Roberto Mannocci)

4 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

4 Commenti

  • Admin
    26 giugno 2013, 10:36

    Aggiungo una puntualizzazione alla frase di chiusura
    “….confronto concreto con TUTTI i cittadini sulle proprie scelte, ripetiamo CON TUTTI I CITTADINI….”
    Infatti il confronto questa Amministrazione lo concede non a tutti, ma a chi sceglie Lei!
    Ieri infatti l’Amministrazione è andata a relazionare sul futuro urbanistico del territorio alla Camera di Commercio….; qualche mese addietro accettò e promosse incontri con gli industriali…mentre rifiutava qualsiasi incontro con Associazioni ambientali e comitati per parlare delle scelte territoriali imminenti e future….
    Poi parla di Partecipazione, Pari Opportunità…..tramite inutili Assessorati.

    RISPONDI
  • Admin
    26 giugno 2013, 12:36

    Penso che l’amministrazione debba confrontarsi con tutti i cittadini e associazioni e penso che questi ultimi, debbano esporre problematiche concrete e non faziose, per bloccare processi a volte dolorosi, ma importanti per la vita di tutti (ad es. Assi viari). Non credo che sognare gli OTP come luoghi di partecipazione cittadina sia astratto o un volo pindarico, credo però che certe associazioni, in quanto tali, non vedano più lontano del loro naso e anziché cercare una soluzione che accontenti tutti i cittadini, pensino solo ad accontentare gli interessi dei loro associati. Bloccando così lo sviluppo.

    RISPONDI
  • Admin
    26 giugno 2013, 14:16

    il percorso proposto dal comune era costituito da 2 incontri uno il 21/6 di cui tutti parlano, l’altro più operativo e estremamente aperto a tutte le proposte 8/6/2013 c’erano cittadini e associazioni circa 60 persone. Diverse associazioni tra cui quelle dell’oltreserchio, di S.Concordio e alcune cattoliche hanno avuto modo di presentare loro proposte liberamente sulle c.d. “nuove circoscrizioni. Nessuno di noi (partecipavo per Azione Cattolica) è stato specificamente invitato e tutti potevano partecipare liberamente però non ho visto nessuno di Italia Nostra!! Non credo che il Comune abbia l’obbligo di invitare una specifica associazione, mi sono meravigliato che il consigliere Leone non sia venuto all’incontro dell’8/6/2013 era lì che poteva parlare delle cose che gli stanno a cuore, spero di rivederlo di persona ad altri incontri del genere per potermi confrontare con lui e la sua esperienza non solo sullo Schermo.
    Concludo auspicando che le molte idee emerse possano essere pubblicate e discusse sia in consiglio (magari con una seduta aperta alla cittadinanza) sia via internet, vi assicuro che è emersa una voglia forte e genuina di partecipare e fare cose concrete da parte di molte realtà.

    RISPONDI
  • Admin
    26 giugno 2013, 15:30

    Mannocci ma lei chi rappresenta oltre a sè stesso?
    Quanti associati ha Italia Nostra?
    Che tipo di rilevanza ha sul territorio la sua associazione?

    E – non lo prenda come offensivo – ma non ho MAI una volta udito da voi un intervento che sia risultato diverso da un “NO”. Esprimete sempre e solo puro conservatorismo.

    Penso che l’amministrazione sceglierà i suoi interlocutori per il suo percorso partecipato: se poi la platea è ridotta o non rappresentativa alle prossime elezioni vanno a casa e stop!

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com