ArcAnthea Pallacanestro Lucca cede nel finale. Omegna vince e la raggiunge in classifica

OMEGNA (Verbano-Cusio-Ossola), 13 aprile – L’ArcAnthea esce sconfitta dalla sfida contro Omegna,nella quattordicesima di ritorno. Non basta un grande Santarossa per tenere a galla i lucchesi che nel finale subiscono il prepotente ritorno di Picazio e compagni. Paffoni che ribalta anche la differenza canestri dell’andata e si proietta anch’essa nella corsa ai posti playoff. 

Protagoniste le difese in un match molto spigoloso e dal basso punteggio. Punto a punto fino al terzo quarto, quando Lucca sembra poter uscire dal pantano creato dalla retroguardia locale; ma la Paffoni nell’ultima frazione ha trovato ottime percentuali al tiro, sfoderando un parziale di 20 a 8 che ha messo ko i biancorossi. Tornare a casa con i due punti non era semplice, sul parquet della miglior difesa fra le mura amiche del campionato. L’ArcAnthea ci ha provato, anche se i tiratori biancorossi stavolta non sono riusciti ad incidere come avrebbero voluto (28% al tiro), mentre Omegna dopo un terzo parziale difficile è risorta portando a casa una vittoria molto pesante. La corsa alle posizioni che contano è forse più complicata adesso per Lucca ma, aspettando tutti i risultati di giornata (Treviglio riposa, occhio a Castelletto-Agrigento e Casalpusterlengo-Bari), siamo sicuri che la truppa biancorossa non mollerà fino alla fine, perchè il traguardo è ancora a portata di mano (e con 3 sfide casalinghe su 5 gare da qua alla fine).

Lucchesi arrivati a Verbania senza Sorrentino, rimasto a casa per un virus influenzale dell’ultima ora e con Casagrande in non perfette condizioni fisiche. Coach Russo sceglie quindi di lanciare Negri in quintetto ma l’avvio è tutto dei padroni di casa che aprono le danze con tre triple consecutive (Masciadri e poi due di Saccaggi). L’Arcanthea però è presente perché coach Russo ordina la zona e l’inerzia cambia progressivamente grazie all’innesto di Casagrande. E’ lui a siglare la tripla del -5 (14-9) mentre Barsanti sulla sirena del primo quarto mette un piazzato da sei metri e mezzo che dimostra quanto sia in partita.

Il secondo e il terzo periodo però sono da incorniciare per l’Arcanthea che, dopo aver subito il 21-14, ritorna in partita (25-24). La scelta di utilizzare la zona schierando un quintetto atipico con il solo Santarossa a giocare da centro si dimostra azzeccata; tantissima difesa con Santarossa a guidare tutti e una tripla di Barsanti che dà il 27-34 che si trasforma in 32-40 a 30 secondi dalla fine del periodo. L’inerzia è tutta per i biancorossi ma la pausa tra i quarti permette ai padroni di casa di rifiatare con Saccaggi che segna subito da tre punti e Masciadri che dalla lunetta segna il 41-40 che in appena un minuto e mezzo ribalta l’incontro e lancia la Paffoni che sigla un 11-2 di parziale. L’Arcanthea tiene il passo fino al 45-45 ma poi sono Picazio e Masciadri a spaccare l’incontro (52-45 a 4 minuti dalla fine). La risposta arriva subito con un gioco da tre punti di Santarossa, poi però l’Arcanthea arriva con il fiato corto e non riesce più a segnare mentre la Paffoni trova anche il canestro del +6 che le permette di ribaltare anche la differenza canestri e di andare in vantaggio negli scontri diretti.

Roberto Russo: “Sono orgoglioso dei miei giocatori che hanno fatto una buona partita. E nel complesso la squadra ha fatto molto bene tenendo Omegna a 54 punti dimostrando di avere energia e voglia. Devo dire che è un rammarico perché siamo sempre stati molto vicini nel punteggio e abbiamo dominato il terzo quarto, poi purtroppo abbiamo sprecato qualche collaborazione di troppo e creato tiri aperti che poi non sono andati a buon  frutto. Ci tengo a ribadire che sono orgoglioso di quello che abbiamo fatto e so che la squadra darà tutto per provare a entrare nelle prime quattro”.

La differenza canestri non mi interessa, guardo ad altre cose e ho visto un gruppo preparato per affrontare al meglio le ultime partite. Casagrande ha fatto una buona partita riuscendo a sfruttare le buone collaborazioni dei compagni. E’ stato bravo perché si è fatto trovare pronto nonostante abbia passato una settimana difficile a causa di un contrattempo muscolare”.

Il tabellino:

Paffoni Omegna – Arcanthea Lucca 54-48 (17-12, 25-24, 34-40)

PAFFONI: Farioli 4, Mariani 4, Picazio 11, Villani 7, Aralossi ne, Touré 2, Jovancic, Masciadri 11, Metreveli 2, Saccaggi 13. All. Di Lorenzo

ARCANTHEA: Bottioni, Crotta, Barsanti 9, Santarossa 13, Casagrande 14, Zanotti ne, Vincenzini ne, Banti 4, Negri 2, Parente 6. All. Russo

ARBITRI: Capurro di Reggio Calabria e Volpe di La Spezia

NOTE: Spettatori 700 circa.

Claudio Calderoni
@cloud679

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com