‘Come le strisce che lasciano gli aerei’: per gli autori non è: ‘Un libro sereno, ma liberatorio’

LUCCA, 14 novembre – Nello scenario dell’ultima edizione di Lucca Comics and Games, il direttore di XL, Luca Valtorta ha presentato il libro di Vasco Brondi, meglio noto come l’anima de Le Luci della Centrale Elettrica, e l’illustratore e fumettista Andrea Bruno, dal titolo “Come le strisce che lasciano gli aerei”. Un libro che racconta l’ansia di partire che accomuna persone diverse, di Paesi diversi, il senso d’insoddisfazione in una società arida e piena di contraddizioni. Questo intreccio di emozioni e vicissitudini sono stati sapientemente illustrati da Andrea Bruno, che ha già collaborato con Brondi, alla copertina del secondo album Canzoni da spiaggia deturpata.

Luca Valtorta ha aperto la discussione con un suo personale giudizio: “Un libro tosto, che colpisce, drammaticamente molto attuale, dove ognuno si può immedesimare e vivere le vicissitudini dei personaggi, un libro che stende un velo grigio su la crudezza della vita rendendo asfissiante la quotidianità“.

Parere diverso invece quello di Vasco Brondi, pur riconoscendo che non è un “libro sereno“, porta il concetto su un altro livello: “Un libro liberatorio – dice -, perché non è portatore solo di sensazioni d’angoscia, ma anche di una sensazione liberatoria quando ci si trova davanti ad una scelta da fare, o a una decisione da prendere, che può cambiare radicalmente la vita. L’angoscia di una situazione difficile da sopportare e la liberazione nel momento della decisione, che nel bene o nel male, chiarisce una condizione di stallo“.

Interessante la visione diversa delle due interpretazioni, dove le generazioni si confrontano. Quella di Luca Valtorta, con una visione cupa della società, intristito dall’idea che, rispetto agli anni della sua gioventù, le nuove  generazioni non sono riuscite a migliorare se stesse, sia sul piano economico, sia su quello sociale. E poi c’è Vasco Brondi, più positivo, legato alla convinzione dell’importanza dell’arrangiarsi, del riuscire a vivere giorno per giorno in una società con sempre meno opportunità e che considera il “sapersi arrangiare”, come valore fondamentale delle nuove generazioni.

Brondi spiega: “La trama è semplice da raccontare, poiché è talmente sottile da essere quasi inesistente, sappiamo che è successo qualcosa prima e qualcosa dopo, l’incontro di questi tre personaggi, che pur provenendo da storie e paesi diversi, sono accumunate dallo stesso senso d’insoddisfazione e dalla voglia di andarsene, ognuno con la necessità di prendere una decisione importante“.

Condinuando ad analizzare i personaggi Brondi dice:”Nello stato d’animo dei personaggi è come voler trovare risposte geografiche per problemi interiori, dovuto anche alla percezione sbagliata che le generazioni attuali hanno rispetto a quelle precedenti dell’utilizzo della rete come mezzo per conoscere il mondo, accorciando le distanze“.

Della sceneggiatura di Brondi, Andrea Bruno sottolinea: “Il racconto può essere disegnato direttamente, poiché è scritto con la struttura dell’immagine visiva, così ho potuto lavorare in modo naturale, sentendomi libero di poter esprimere me stesso. La stesura originale – continua – è come un embrione di storia a fumetti, da qui la naturalezza della collaborazione, senza forzature e con la possibilità di dare corpo ai personaggi secondo una mia visuale“.

L’apporto dell’esperienza di Bruno è fondamentale per completare questo binomio tra scrittore e illustratore. Difficilmente lo scrittore modifica parti del copione per dare spazio alla visione dell’illustratore. In questo caso è successo, la realizzazione dei personaggi da parte di Andrea Bruno ha dato più carattere e incisività alla storia e ai personaggi stessi.

Musica, arte, fumetto, legati in questo lavoro a doppio filo, in un unico agglomerato di talento, che unito alla passione, all’amore per il proprio lavoro, conduce il lettore attraverso le immagini, in uno spaccato della vita di tutti i giorni.

La graphic novel è stata pubblicata dalla Coconino-Fandango per la collana Music Comics.http://www.fandango.it/highlights.php/it/booktrailer-come-le-strisce-che-lasciano-gli-aerei/677

Guarda la galleria  Vasco Brondi e Andrea Bruno: “Come le strisce che lasciano gli aerei”

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com