Fiom-Cgil: ‘Positivo il contratto di rete tra le aziende produttrici di macchinari per la carta’

LUCCA, 31 ottobre – Ci fa piacere che le aziende metalmeccaniche produttrici di macchine per carta della zona abbiano dato vita  ad un nuovo contratto di rete e creato un’importante sinergia volta a valorizzare l’importanza e la capacità produttiva del settore.Seppur con anni di ritardo, la scelta di mettersi in rete tra aziende anche concorrenti, rappresenta sicuramente un buon viatico per provare a promuovere e valorizzare le imprese locali.
Ne fanno parte tutte le più importanti aziende del Tissue: Perini, PCMC, Toscotec, Futura, Celli, Gambini ed altre.
Come Fiom Cgil avevamo promosso un convegno e fatto una apposita ricerca sulla situazione della concorrenza tra le aziende della zona di questa rilevante parte di industria locale a gennaio 2008 alla presenza delle Istituzioni, mettendo in evidenza i rischi futuri per la tenuta del sistema. Alcune imprese alle quali domandammo di provare a studiare come poter risolvere il problema della concorrenza tra le imprese locali, che tuttora permane, ci guardarono sbalorditi, come se avessimo detto una cosa fuori dal mondo.
I ritardi anche culturali della stessa Associazione Industriali di Lucca hanno fatto il resto. Probabilmente la fase di crisi ha fatto fare riflessioni diverse alle stesse imprese, a cominciare dalle più importanti.
Speriamo che questo sia l’inizio di un nuovo scenario che possa man mano arrivare a determinare un possibile percorso più “regolato” e volto  a “fare sistema” , con possibilità di creare eventuali sinergie, pur nell’autonomia e diversità delle singole imprese, perché vi è il rischio concreto che vi possano essere problemi concreti per il futuro di alcune aziende locali del settore, anche importanti.
E’ sempre più necessario analizzare le condizioni dei settori industriali locali in modo da contribuire al mantenimento dei suoi fattori, il radicamento nella zona, gli investimenti e l’occupazione, anche perché, come era evidente, il mercato da solo non regola tutto.
Noi siamo aperti, come sempre, a questa discussione e ad aprire appositi momenti di analisi con tutte le imprese, come in parte stiamo già facendo, ben sapendo che nessun cambiamento “evolutivo” può essere definito senza il contributo fondamentale delle lavoratrici ed i lavoratori e di chi li rappresenta.

Massimo Braccini,
Segretario Generale Fiom Cgil Lucca

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com