Angelini: “Non ci sono motivi politici dietro la mia assenza alla Processione di Santa Croce”

LUCCA, 15 settembre – Come avevo reso noto ad amici e conoscenti, in precedenza, non avrei potuto partecipare, e non  ho partecipato, alla processione della Santa Croce, per motivi personali e familiari insuperabili. Le polemiche successive, al riguardo, mi inducono a  precisare, però, che nessuna motivazione politica avrebbe potuto indurmi ad una scelta di diserzione da una manifestazione, religiosa e civile, che riguarda tutti i lucchesi, indipendentemente dalla loro coscienza civile e politica.

Quanto all’atteggiamento del clero lucchese, poi, formato da sacerdoti, ognuno dei quali ragiona responsabilmente con la propria testa, non mi sento di muovergli alcun rimprovero; dopo che per anni, nell’epoca di Ruini, la Chiesa italiana aveva guardato con atteggiamento benevolo al governo di centrodestra, è stato inevitabile che le vicende degli ultimi anni di Berlusconi, dalla storia della D’Addario alle feste con le olgettine, abbia causato in periferia sconcerto e indignazione tra i sinceri cristiani e il  clero; e ciò è avvenuto particolarmente a Lucca, turbata anche  da pesanti inchieste penali , ancora in corso,  caratterizzate da accuse di corruzione rivolte ai vertici politici dell’amministrazione.

E’ stato dunque inevitabile che una parte del clero e del mondo cattolico, a Lucca, abbia visto , nel centrosinistra, un’alternativa credibile e lo abbia sostenuto, magari qualche volta (come nel caso della “benedizione” di fratel Arturo Paoli a Tambellini) con qualche eccesso; una scelta inevitabile, dunque, ma impropria, perché in Toscana (e dunque anche a Lucca) il centrosinistra è tutto fuorché un raggruppamento di buoni cristiani; è un gruppo di potere, che, da 42 anni frena e vincola la società civile e la sua economia e, talvolta, la corrompe.

Tutto questo sosteniamo da tempo, noi di Governare Lucca, con le nostre battaglie politiche, mirate a dar vita, a Lucca, ad un rassemblement, che, per il suo programma e il suo metodo, costituisca una reale alternativa alla situazione esistente; un dovere politico, portato avanti da tutti noi, molti dei quali cristiani impegnati in politica: il fatto che finora, anche per nostra responsabilità, il risultato non sia stato all’altezza delle nostre aspettative, non ci dispensa dal continuare a lavorare e a testimoniare a tutti, anche al clero lucchese, la genuinità del nostro impegno politico.

Piero Angelini
Governare Lucca 

2 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

2 Commenti

  • Admin
    15 settembre 2012, 19:14

    un ultima cosa ,il sottoscritto lavora 9 ore al giorno per guadagnarsi onestamente la pagnotta e non ha interesse alcuno a difendere il sindaco o qualcun altro ,a differenza di altri che sparano per il proprio tornaconto ….

    RISPONDI
  • Admin
    16 settembre 2012, 12:13

    Ora sono più tranquillo.

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com