Torre del Lago: domani il debutto di ‘Traviata’

Torre del Lago: domani il debutto di ‘Traviata’

VIAREGGIO (Lucca) 27 luglio –  Sabato 28 luglio  il Gran Teatro all’aperto di Torre del Lago propone uno dei titoli più amati del repertorio verdiano: La Traviata. Sul podio Fabrizio Maria Carminati, nel ruolo di Violetta il soprano vicentino Silvia Dalla Benetta mentre Alfredo sarà un beniaminio del pubblico di Torre del Lago il tenore Massimiliano Pisapia e suo padre Giorgio Stefano Antonucci. La regia di Paolo Trevisi

È la prima volta che il Festival di Torre del Lago propone al proprio pubblico  un titolo del repertorio verdiano: La Traviata,  un  omaggio al grande compositore di Busseto, nell’anno che precede le celebrazioni verdiane.Un’operazione culturale di grande significato perché l’allestimento è anche  il primo atto di  una forte collaborazione tra i Teatri della Toscana: Verdi di Pisa, Goldoni di Livorno e Giglio di Lucca che,uniti, possono creare un grandissimo sistema devoto a Puccini, ma anche ad altri compositori ed  altri grandi autori del Verismo.

La Traviata è il titolo di Verdi che più anticipa le grandi tematiche pucciniane riferendosi ad un personaggio quale Violetta che non è più il tipico personaggio astratto  del romanticismo, ma guarda al futuro al mondo del decadentismo e che presagisce i personaggi pucciniani che sarà interpretato da Silvia Dalla Benetta “ Essere nella casa di Puccini con l’opera che amo di più, La traviata, è come cantare Verdi tra le braccia di Puccini. È impossibile non essere emozionata! Torno al Festival di Torre del Lago dopo qualche anno, dove la prima volta, cantando il ruolo di Musetta ne La Bohème, mi sono commossa”

Una “Traviata” di taglio tradizionale sia nel racconto, nell’epoca  e nell’interpretazione degli artisti, aiutato anche dai meravigliosi  costumi creati daFloridia Benedettini e Diego Fiorini per la Fondazione Cerratelli, le scene realizzate da  Poppi Ranchetti.

Così il regista Paolo Trevisipresenta questo suo lavoro a Torre del Lago “E’ un grande impegno, un evento importante e l’occasione per aprire la porta al bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi del prossimo 2013, compleanno che festeggerà assieme al suo coetaneo Wagner. Ma è anche l’occasione per il “Festival” di iniziare ad integrare la sua programmazione con l’apporto di qualche altro compositore, fermo restando il predominio  di Giacomo Puccini. Ma dobbiamo anche tener presente che La Traviata, assieme a Madama Butterfly, sono le due opere più rappresentate nel mondo, quindi la scelta è stata ben ponderata e l’idea di una cordata collaborativa di teatri toscani capitanati da Pisa, assieme a Lucca, Livorno e con il Maggio Formazione di Firenze che dà un valore aggiunto a questa iniziativa.

Il progetto OPERA FUTURA

L’allestimento di La Traviata è frutto del progetto OPERA FUTURA, finanziato dalla Regione Toscana attraverso i Fondi Sociali Europei. Maggio Formazione ha  realizzato questo progetto come capofila di un’associazione temporanea di scopo con il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Il Festival Puccini di Torre del Lago, il Teatro Verdi di Pisa, ed il Teatro Goldoni di Livorno. Un progetto che si articola in diversi percorsi formativi che abbracciano tutte le professioni tradizionali e innovative per la messa in scena dell’opera lirica e la sua produzione audio video: cantanti lirici, registi audio-video per il teatro lirico, cameramen per il teatro, lighting designer e direttori alla fotografia, costumisti realizzatori, scenografi realizzatori, scenografi virtuali, macchinisti informatici, tecnici per la registrazione del suono. L’elemento di maggiore originalità di questo progetto è costituito dall’obiettivo di formare un bacino di nuove professionalità altamente specializzate nella realizzazione di messe in scena di opere liriche  e di audiovisivi di opera lirica.  Questo allestimento di La Traviata vede la partecipazione, nel cast dei cantanti, di numerosi giovani del corso di “Perfezionamento stilistico nei ruoli vocali dell’opera lirica”, corso inserito nell’ambito del progetto OPERA FUTURA.

Una “Traviata” di taglio tradizionale sia nel racconto, nell’epoca  e nell’interpretazione degli artisti, aiutato anche dai meravigliosi  costumi creati daFloridia Benedettini e Diego Fiorini per la Fondazione Cerratelli, le scene realizzate da  Poppi Ranchetti.


Giorgio Germont sarà  Stefano Antonucci. Sul podio di Orchestra e Coro del Festival Puccini Fabrizio Maria Carminati, completano il cast Sandra Buongrazio (Flora)Emanuela Grassi (Annina) Eduardo Hurtado Rampoldi (Gastone) Italo Proferisce (il Barone) Salvatore Grigoli (il marchese) le coreografie sono di Walter Matteini  e il Corpo di Ballo Imperfect Dancers. Maestro del Coro Stefano Visconti.

Inizio spettacolo ore 21,15

Per acquisto biglietti  0584 359322 – 0584 427201www.puccinifestival.it

Repliche 4-11-18 agosto

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com