Premio Società dei Lettori: venerdì la proclamazione del vincitore

Premio Società dei Lettori: venerdì la proclamazione del vincitore

LUCCA, 27 giugno – Sarà proclamato venerdì 29 giugno, a Villa Rossi di Gattaiola, il vincitore della 24esima edizione  del “Premio della Società Lucchese dei Lettori”. I tre finalisti: Pietrangelo Buttafuoco con il romanzo “Il lupo e la luna” (Bompiani), Giovanni D’Alessandro con “Soli” (Edizioni San Paolo) e Mimmo Gangemi con “La signora di Ellis Island” (Einaudi) si contenderanno quindi la vittoria che sarà sancita dal voto dei soci, tutti lettori abituali senza addetti ai lavori o appartenenti al mondo dell’editoria, durante la consueta cena di gala.

Pietrangelo Buttafuoco(Catania, 2 settembre 1963) è un giornalista e scrittore italiano, autore di “Fogli consanguinei” (Ar, 2001), “Le Uova del Drago” (Mondadori, 2005), “L’Ultima del Diavolo” (Mondadori, 2008), “Cabaret Voltaire” (Bompiani, 2008) e “Fimmini” (Mondadori, 2009).

Il lupo e la luna”è una storia in forma di “cuntu‘, l’antica forma di narrazione della Sicilia, e racconta le vicissitudini e le peregrinazioni del messinese Scipione il Cicalazadè. Giovane vigoroso e intelligente, viene sottratto dodicenne dai pirati al padre, il Visconte Cicala, portato in dono al Sultano e educato alla sua corte, fino a divenire, in qualità di Prescelto, il comandante degli eserciti Ottomani di terra e di mare. Il suo destino è fatto di battaglie, conquiste, bottini, ma anche di nostalgia per la sua terra d’origine e per sua madre, donna Lucrezia. Una storia che ha insieme il fascino di un Mediterraneo favoloso, la forza poetica delle narrazioni rinascimentali e l’aura di un’epopea popolare in cui Oriente e Occidente si misurano in una guerra di idee, amore e rinascita.

Giovanni D’Alessandronasce nel 1955, laureato in legge e vive e lavora a Pescara. Ha pubblicato tre romanzi tra cui “Se un Dio pietoso” (Donzelli, 1996) e “I fuochi dei kelt” (Mondadori, 2004), segnati da una lusinghiera accoglienza di pubblico e critica, da numerosi premi e da traduzioni con i maggiori editori europei.

Soli” trasmette tutto l’amore dell’autore per l’arte medioevale e tratteggia una tenera e forte storia d’amore che colpisce nel profondo. Nello sperduto Monastero abruzzese di Monte Monaco una coppia di giovani ricercatori si ritrova a studiare gli enigmatici affreschi di uno sconosciuto pittore medioevale (detti della Madonna triste). Per una serie di sfortunate coincidenze, il custode li chiude dentro credendo che se ne siano già andati. Da quel momento inizia il loro calvario, fatto di fame e di sete, fino a quando, dopo una settimana di prigionia, vengono ritrovati in fin di vita.

Mimmo Gangemi nasce nel 1950 a Santa Cristina d’Aspromonte ed è un ingegnere. Ha pubblicato altri romanzi tra cui “Il giudice meschino” (2009) con Einaudi, “Pietre nel levante” (La città del sole) e “25 Nero” (Pellegrini editore), “Il passo del cordaio”.

La signora di Ellis Island” è ambientata nel 1902 quando molti italiani partono a cercare fortuna in America. Anche Giuseppe, all’età di ventuno anni, figlio maggiore di una famiglia contadina dell’Aspromonte, lascia tutto quello che ha e attraversa l’oceano con la promessa di tornare. Sbarcato a Ellis Island, non supera le visite di controllo e viene isolato in attesa di essere rispedito indietro. Ma gli appare una signora vestita d’azzurro e con un bimbo in braccio che gli spalanca le porte dell’America. Dopo cinque anni nell’aria viziata delle miniere e delle fonderie, Giuseppe torna in Calabria. La convinzione di aver ricevuto un miracolo lo scorta per l’intera vita e guida ogni sua decisione. L’incontro con la signora di Ellis Island cambia inaspettatamente le sorti di tutta la famiglia.

La Società Lucchese dei Lettori è nata nel 1988 su impulso della scrittrice lucchese Francesca Duranti. Il proposito era quello di organizzare degli incontri letterari in cui a riunirsi in occasione della presentazione di un libro non fossero persone che non sapevano niente del libro in questione ma lettori abituali che avevano il piacere di conoscere l’autore di un testo che avevano già letto, capovolgendo di fatto il meccanismo convenzionale di tali incontri.

Il premioletterario, che quest’anno giunge alla 24esima edizione, è nato di conseguenza, come conclusione naturale di ogni ciclo annuale di incontri. Composta esclusivamente dai soci, quindi da lettori abituali, la giuria agisce nel modo più libero e disinteressato: in base al proprio gradimento.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com