“Habemus Papam”: La leggenda del Pontefice che abolì il Vaticano

GENOVA, 20 Giugno“Habemus Papam. La leggenda del Papa che abolì il Vaticano” è il titolo dell’ultimo libro di Paolo Farinella, presentato ieri a Genova a Palazzo Ducale durante l’incontro Riformare il papato, ispirandosi a San Francesco d’Assisi. Un romanzo storico-teologico che s’immagina un Papato modellato sulla figura di San Francesco D’Assisi, un Papato diverso, riformato completamente, un ritorno alla struttura delle origini, com’è stata nei primi mille anni, abolendo il superfluo, la ricchezza faraonica, tutto ciò che è pagano, per ridare alla figura del Papa il vero significato, quello di un padre. Don Paolo Farinella porta avanti la sua battaglia da molti anni  e dichiara apertamente che non si fermerà e che ci sono solo due possibilità: che lo facciano Papa o che lo facciano fuori. L’incontro è stato introdotto da Franco Monteverde, caporedattore di La Repubblica.  Ha partecipato anche Don Andrea Gallo, amico solidale in questa battaglia di cambiamento.

Visita il sito internet del fotografo Guido Mencari

5 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

5 Commenti

  • Admin
    20 giugno 2012, 19:20

    LA REALTà , A VOLTE PRECORRE CERTE LEGGENDE, il Vaticano non sarà abolito, per ora, anche se non sarà eterno, quello che è cambiato, da tempo cambia sempre di più è la tipologia di religione che il Vaticano rappresenta, non più monoteistica, non più di un solo dio, almeno biteistica, un dio ed una Madonna, in rapida evoluzione, però, verso il monoteismo mariano, io non sono evangelico, ma solo gli evangelici, mi pare restano fedeli al cristianesimo originario

    RISPONDI
  • Admin
    20 giugno 2012, 21:04

    Da credente, vorrei che molti preti e cristiani che condividono il pensiero di Farinella facessero sentire la loro voce.
    Italo

    RISPONDI
  • Admin
    21 giugno 2012, 11:07

    Lo stato del Vaticano è un piccolo Stato indipendente dell’Europa: è il più piccolo stato del mondo. E’ una realtà consolidata del diritto internazionale. Consente alla Chiesa Cattolica di avere oltre centocinquanta nunzi apostolici e quindi di essere presente negli organismi di pace internazionali ed in ogni parte del mondo a favore dell’uomo e della sua dignità. Per questo non sorprende l’attacco volgare e violento della cultura laicista e di quella delle altre religioni contro la Chiesa cattolica. Don Farinella si sopravvaluta come persona e come cristiano: le sue sono tesi politiche e non religiose. Quando si vuole, come Don Farinella e Don Gallo, trasformare la profezia in una linea politica i guasti ed il “martirio” degli altri sono assicurati!

    RISPONDI
  • Admin
    21 giugno 2012, 11:34

    il Vaticano è una monarchia assoluta da riformare in toto.
    se mai fosse possibile si dovrebbe tornare alle origini del cristianesimo cominciando dalla rinuncia di tutti i privilegi di cui immoralmente gode non ultimo l’esenzione dall’imu, dal pagamento delle diverse tasse, dell’acqua, etc.etc. 8% 1000, 5%1000 sino all’infinito ….
    pensate che le scuole cattoliche ci costano ogni anno milioni di euro, gli insegnanti di religione cattolica ci costano centinaia di milioni di euro e così andare come per i cosiddetti stipendi del clero.
    Nessun cittadino italiano gode di questi privilegi ecclesiastici e credo sia ora, vista l’enorme crisi che sconvolge l’Italia di rivedere i Patti Lateranensi.

    RISPONDI
  • Admin
    21 giugno 2012, 13:04

    La superbia perversamente imita Dio. Odia infatti di compartire coi compagni una medesima condizione sotto di lui, ma piuttosto si ripropone d’imporre agli altri il proprio dominio in vece sua.
    (Sant’Agostino d’Ippona, De civitate Dei, XIX, 12)

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com