Fine dei campionati, solo la Nottolini gioisce

Fine dei campionati, solo la Nottolini gioisce

LUCCA, 6 maggio – Con il superamento della ventiseiesima giornata si sono conclusi i campionati nazionali di B1 e B2, e quelli di serie C, che vedono le squadre di Lucca direttamente coinvolte.

Purtroppo per la maggior parte delle squadre lucchesi questa conclusione è amara e difficile da digerire. Per 4 squadre su 5 la parola “retrocessione” non è più una chimera da tenere lontana, ma una realtà da accettare e sulla quale lavorare per il prossimo anno, ognuno nel modo che gli è più congeniale. Unica “sopravvissuta” la Nottolini, alla quale vanno i complimenti più vivi.

Partendo dall’alto, in B1, la Delta Luk ha accumulato una nuova sconfitta per 0 a 3 (20;25 / 14;25 / 18;25) contro il Saugella Team Monza, seconda forza del girone. Con questo risultato, ma non grazie a questo, la Delta chiude la sua avventura con l’ultimo posto in classifica, immeritato viste le capacità delle ragazze. La squadra lucchese ha infatti mantenuto l’occhio puntato sul primo posto utile per la salvezza fino ad oltre la metà campionato, forte anche dell’aiuto dell’attacco dirompente di Martha Zamora Gil, arrivata alla dodicesima giornata. Poco dopo il giro di boa le prestazioni hanno iniziato a calare, le difficoltà sono aumentate e la Delta non è riuscita a tenervi testa, lasciandosi sfuggire le redini del gioco; questo ha costretto la squadra ad ammettere la sconfitta totale con 5 giornate d’anticipo e a concludere malamente la stagione con l’esonero dell’allenatore Andrea Marselli a due giornate dalla fine e un ultimo posto, ancora una volta, immeritato.

Scendendo di poco, in B2 vediamo le due facce della stessa medaglia: chi festeggia, come la Nottolini, per la salvezza ottenuta con sei giornate di anticipo e chi si dispera, come la Tis, per essere arrivato così vicino alla salvezza e averci creduto fino in fondo, vedendo poi sfumare l’occasione all’ultima giornata.

Certo non dipendeva solo dalla Tis Pallavolo Lucca il proprio destino, e questa è la situazione più odiata dagli sportivi in generale: quando le dirette avversarie devono perdere non ci sono certezze. Così non è stato sufficiente vincere a Bologna contro il Geatech US Altedo 3 a 0 (19;25 / 20;25 / 23;25) per accedere alla zona salvezza, ma lo è stata la vittoria del Pediatrica Livorno contro il Ghizzani Carrozzeria Castelfiorentino. Il destino non sempre è magnanimo e ha voluto che fosse proprio il Livorno a battere le lucchesi, lo stesso Livorno dalla quale proviene l’attuale capitano della squadra Federica Castellano, anche lei arrivata alla tredicesima giornata. Un peccato per la squadra di Stefano Orti, che dopo un inizio traballante a metà campionato aveva iniziato ad ottenere buonissimi risultati, dimostrando di cosa era capace: forse ancora un po’ di incertezza o qualche paura di troppo sono state le cause scatenanti dell’incapacità di essere incisive quando era necessario, così punti importanti sono fuggiti via per non tornare mai più. La prima posizione in zona salvezza era uno scoglio al quale la Tis si è mantenuta avvinghiata quasi fino alla fine del campionato, senza però riuscire a resistere ai due cicloni che l’hanno travolta sul finale, Grosseto e, soprattutto, Livorno.

Abbiamo visto però che non tutti piangono in questa giornata uggiosa: la Nottolini, vincente anche in questa giornata per 3 a 0 (29-31 25-15 25-18 25-19) contro l’MT Motori Bologna, non può che essere soddisfatta di questo campionato, che ha approcciato nel migliore dei modi, lasciando tutti a bocca aperta. Le ragazze di Sandro Becheroni fin da subito hanno chiarito di cosa erano capaci, e hanno mantenuto la metà della classifica per tutto il corso del campionato, arrivando alla salvezza matematica con 6 giornate d’anticipo. Un gruppo ormai assodato, che lo scorso anno ha vinto la serie C, solamente rinforzato, che ha saputo gestire anche le situazioni più difficili e superare gli scivoloni umani nei quali era incorso. Ancora complimenti alle ragazze quindi, che hanno saputo conquistarsi il sogno della salvezza e tenerselo stretto.

Scendendo ancora di un gradino, in C, la situazione torna a prendere sfumature scure, ma non completamente.

La Delta Luk, per il campionato femminile, è stata sconfitta dalla Pallavolo Certaldo per 1 a 3 (25;15 / 12;25 / 15;25 / 11;25), e conclude il suo campionato con l’ultima posizione, in solitaria, e solo 3 punti conquistati. Da sottolineare che la squadra è quasi interamente composta da ragazze che giocano anche nell’Under 18, e alcune delle quali hanno anche aiutato la prima squadra in momenti di mancanza di giocatrici: uno campionato difficile, forse al di sopra delle loro possibilità, che è servito loro per misurarsi e sicuramente per migliorarsi.

Anche la Pallavolo Villaggio, per il maschile, ha ottenuto lo stesso risultato ieri sera, perdendo per 1 a 3 contro la Zona Market Vvf Mazzoni (25;22 / 16;25 / 20;25 / 16;25), e come la Delta si colloca all’ultimo posto della classifica del girone, nettamente distanziato dagli altri. Anche in questo caso una squadra è composta per la maggior parte da ragazzi giovani, ed ha utilizzato questo campionato per fare esperienza e mettersi alla prova.

1 commento

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

1 Commento

  • Admin
    7 maggio 2012, 22:05

    Alla fine di questo anno di volley un “brava” ad Arianna che è riuscita a fare sempre cronaca sportiva corretta e sincera ma soprattutto non “tendenziosa” come invece a volte si legge sui siti delle varie società. Lo sport bisogna valutarlo senza cadere, o meglio scadere, in commenti inopportuni e di parte. Meglio essere estimatori che tifosi così non si perde mai il lume della ragione.
    Arrivederci al prossimo anno.

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com