Frattura nel centrosinistra viareggino sulle candidature per il nuovo sindaco

Frattura nel centrosinistra viareggino sulle candidature per il nuovo sindaco

VIAREGGIO – La Sinistra/Arcobaleno viareggina contro il Partito Democratico: salta l’Unione a Viareggio sul nome del candidato sindaco e si prospetta l’ipotesi di due candidati diversi. I nervi sono saltati dopo che il PD ha proposto un nome, a quanto pare “senza consultare gli alleati”.

Il sindaco uscente, Marco Marcucci

Il Coordinamento comunale di La Sinistra/Arcobaleno ha così redatto un comunicato firmato da Alberto Giorgi, segretario Rifondazione Comunista Viareggio, Paolo Puccinelli, segretario Comunisti Italiani Viareggio, Pierangelo Baroni, portavoce Verdi Versilia, Barbara Mangiapane, Giorgio Rocchiccioli, Alfredo Helmann, delegazione Sinistra Democratica Viareggio.

Nel comunicato si percepisce tutta la rabbia e lo sconcerto per una decisione del genere da parte del PD. Si capisce chiaramente anche un’altra cosa: andare con due candidati diversi significa “concretizzare la possibilità di consegnare Viareggio alla destra”.

La Sinistra/arcobaleno fa capire che se il gioco del PD era appunto “imporre” un proprio candidato sicuri che gli alleati, per paura di una sconfitta, lo avrebbero accettato, questa paura non basterà.

“Pur nel rispetto dell’autonomia di ogni partito – si legge nel comunicato – riteniamo che la decisione del Partito Democratico di legare in modo così stretto e vincolante l’elezione degli organismi dirigenti comunali all’individuazione del candidato Sindaco del Partito Democratico, pone le altre forze dell’Unione di fronte a un’unica candidatura preconfezionata e blindata, rendendo di fatto carta straccia i documenti unitari fin qui approvati, con particolare riferimento al documento dell’Unione della scorsa primavera, nel quale le forze politiche dell’Unione avevano stabilito di voler procedere unitariamente all’individuazione di una candidatura condivisa”.

Ancor più grave è la presa di coscienza che l’Unione a Viareggio probabilmente non esiste più: “Prendiamo atto che, stando così le cose e in assenza di novità sostanziali, il Partito Democratico si assume l’esclusiva responsabilità del superamento dell’Unione, esponendo così Viareggio al rischio concreto di un governo delle destre”.

Adesso la Sinistra/Arcobaleno si muoverà quindi alla ricerca di un candidato espressione delle 4 forze politiche, Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Verdi e Sinistra Democratica.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com