La comunità senegalese protesta a Firenze: “Siamo dei bersagli per i razzisti”


FIRENZE, 14 dicembre – Ieri nel capoluogo toscano si è svolto un corteo di protesta della comunità senegalese della città, in seguito al duplice omicidio di due connazionali avvenuti nella mattina a Piazza San Lorenzo e Piazza Dalmazia. I protestanti si sono assembrati nelle vie del centro per chiedere giustizia e protezione da parte dello stato italiano.

Visita il sito della fotografa Costanza Mansueti cliccando qua.

97 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

97 Commenti

  • Admin
    14 dicembre 2011, 18:19

    credo che fosse opportuno dedicare qualche riga in più al fatto di Firenze e spiegare ai tanti Lucchesi che nei giorni scorsi non facevano altro che lodare gli iscritti a Casa Pound per le loro iniziative CHE IL LUPO CAMBIA IL PELO MA NO ILO VIZIO:

    RISPONDI
  • Admin
    14 dicembre 2011, 20:56

    Un velo di pietoso silenzio sulla scelta di questo giornale che accenna ai fatti dopo 36 ore per il timore che qualcuno possa mettere in relazione cio’ che solo il questore di Firenze , sembra analizzare. La chiusura di tutta una serie di articoli cui si potevano agganciare commenti (comunque sottoposti come sempre all’accettazione della direzione) in una sorta di autotutela, lascia profondamente colpiti. Questo non è stato un bel giorno per questa testata.

    RISPONDI
  • Admin
    14 dicembre 2011, 22:50

    Allora parliamone di questa 357 magnum. Mi sembra l’articolo giusto senza correre il rischio di andare fuori tema, senza “telefonate silenziose, minacce, ritiri di sponsorizzazioni”.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 06:59

    Cara redazione, paura o pentimento ?

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 09:26

    paura ????

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 10:15

    Caro Direttore,
    lei ogni tanto si dedica a lunghi e interessanti editoriali.
    Perche’ non ce ne regala uno su Casa Pound per far conoscere ai sui lettori che i “fascisti del terzo millennio’, che dicono che son i difensori degli ultimi, altro no sono che i solit fascisti di sempre, che gli agli ultimi vorrebbero fargli fare la fine che abbiamo visto a Firenze.
    Farci sapere chi, tra publico e privato, finanzia Casa Pound a Lucca e magari ricordare a tutti che la nostra Costituzione e’ dichiaratamente antifascita.
    Perche no?
    Grazie

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 11:20

    oh federico a cosa alludi di preciso? son curioso.
    Te pensi che questo matto abbia agito sotto l’influenza di casapound e non a causa della sua insanità mentale?
    Fosse vero più che chiudere circoli si dovrebbero fare dei TSO forzati…

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 11:26

    Casapound e i fascisti del terzo millennio:
    Oggi il sito di Casapound ha in home page l’immagine di una rosa rossa a terra e una scritta: “Nel Dna di Casapound non è contemplata la xenofobia”. È piuttosto vero, credo. In questo momento è forse impopolare quello che dico, ma Casapound è in effetti un’organizzazione diversa dalle altre nel panorama della destra radicale italiana (e loro rifiutano anche di essere collocati all’interno della destra radicale). È un fatto che Gianluca Casseri, lo stragista-suicida di Firenze, fosse un iscritto a Casapound, ma è anche vero che mai Casapound ha lanciato campagne contro l’immigrazione. Nelle varie manifestazioni che rimbalzano da anni in Italia contro i campi nomadi, le bandiere di Casapound non si vedono. Per dirla tutta, sono molto più presenti slogan xenofobi in un partito istituzionale e per anni al governo come la Lega che in un’organizzazione come Casapound. Né tantomeno, dai suoi militanti, si ascoltano deliranti proclami sulla supremazia bianca o sulla difesa della razza.
    È un movimento in forte crescita Casapound, che ha sottratto spazio ad altre organizzazioni di destra ma che va anche a incalzare la sinistra radicale. Casapound si muove su quel terreno, aprendo centri sociali di destra. Le battaglie sono quelle contro Equitalia e per il diritto alla casa, per la sicurezza sul lavoro, contro la riforma Gelmini. Sulla stessa traccia le battaglie culturali: due anni fa assaltarono goliardicamente la sede dove si svolgeva il casting del Grande Fratello. Non nascondono la loro simpatia per Che Guevara o Pier Paolo Pasolini. Hanno messo anche in piedi progetti di solidarietà, in Italia e all’estero. L’idea, più volte enunciata, è quella di un superamento del conflitto destra-sinistra. Anche se poi, con un contraddizione evidente, uno dei giovani dirigenti di Casapound è in carcere, a Roma, con l’accusa di aver aggredito, assieme ad altri, tre militanti del Pd. Si definiscono “fascisti del terzo millennio”, quelli di Casapound, la loro è un’organizzazione laica, dicono di voler andare avanti, di non voler restare legati al passato.
    Gianluca Casseri era però uno che nel passato ci viveva, legato alla più radicata tradizione della destra. Aveva scritto anche un saggio, “Frodo Baggins, l’eroe che non ha fallito”. Parlava di Tolkien ma anche di “dominio ebraico”, con tesi apertamente razziste. Anche questo, l’antisemitismo, è lontano da Casapound. Più facile trovare tesi antisemite in un’altra organizzazione, Forza Nuova, che si trova all’estremo opposto della destra radicale. FN è inquadrata, chiusa, un apparato. Quelli di Forza Nuova sono integralisti cattolici, tutti Dio Patria e Famiglia, radicati nel loro odio contro tutto ciò che è di sinistra. Il loro inno mette i brividi, i loro slogan pure. Si ispirano a Corneliu Codreanu che in Romania, negli anni Trenta, fondò la Guardia di Ferro, paranazista.
    Nei mesi scorsi si parlò anche di scontri fisici, a Milano, tra quelli di Casapound e Forza Nuova. Scontri però smentiti dalle due organizzazioni.
    Non sono certo solo Casapound e Forza Nuova le organizzazioni attive nelle destra estrema. A Roma questa mattina sono stati arrestati cinque militanti di Militia, un gruppo apertamente antisemita. Sono accusati di associazione per delinquere, violazione della legge Mancino, diffusione di idee fondate sull’odio razziale ed etnico, apologia del fascismo, deturpamento di cose altrui, procurato allarme e minacce alle istituzioni e ai loro rappresentanti. C’è poi molto altro, gruppi e gruppuscoli con militanti che passano da un’organizzazione all’altra e che poi magari finiscono nella destra istituzionale: a Milano alcuni giovani dirigenti del Pdl provengono da Forza Nuova e mantengono contatti costanti “elettorali” con la destra radicale.
    È un magma complesso quello dell’estrema destra (per capirci qualcosa c’è il sito di Ugo Maria Tassinari, Fascinazione) in cui Casapound è in forte ascesa e vuole marcare le sue differenze. Certo, quando poi nelle interviste chiedono a Gianluca Iannone, fondatore di Casapound, che cosa pensi di Benito Mussolini, lui risponde che è stato il più grande statista della storia d’Italia. E questo lo dicono anche tutti gli altri militanti della destra radicale italiana (e forse non solo quelli della destra radicale).
    Stefano Nazzi
    Il Post

    Link:
    http://www.ilpost.it/stefanonazzi/2011/12/14/casapound-e-i-fascisti-del-terzo-millennio/

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 12:10

    Cittadino puntiglioso, sia puntiglioso fino in fondo e legga anche alcuni dei commenti all’articolo che riporta, i quali approfondiscono alcuni punti che Nazzi tratta un po’ troppo velocemente.

    Legga anche l’articolo di Gipi. Non c’entra Casapound, ma è uno spaccato del razzismo italiano:

    http://www.ilpost.it/gipi/2011/12/14/due-euro-e-novanta/

    Inoltre, gira anche un video di un’intervista del tg3 linea notte ad un rappresentate della comunità senegalese che dipinge la situazione con una proprietà di linguaggio che molti italiani non hanno:

    http://www.youtube.com/watch?v=6W7fFgzgl2k&feature=share

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 12:12

    post interesante cittadino puntiglioso
    sono andato a vederlo grazie alla tua segnalazione.
    i commenti sono altrettanto interessanti,perchè contestano la ricostruzione dell’autore del blog.vi invito a leggerli.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 12:26

    Bah, mi fanno pena tutti quelli che tirano in ballo la politica per commentare questo fatto: ora vedrai c’è bisogno di casapound o di chissà cosa per essere dei fuori di testa razzisti.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 12:48

    è gravissimo collegare l’episodio a casapound. Se quel pazzo era iscritto non vuol dire proprio un bel niente!
    Non bisogna strumetalizzare per dare in testa alla destra moderata ma decisa che è quella di casapound. casapound rappresenta una destra romantica dove i valori sono affermati sì con forza ma mai con violenza e volgarità. Trovo tutte le iniziative di casapound un esempio di civiltà politica maturità, buon senso e lungimiranza che in nessun schieramento extraparlamentare di sinistra è visibile. Questi ragazzi sono avanti anni luce rispetto alla politica dei giorni d’oggi.. Voler collegare Casseri a Casapound è un evidente tentativo mal riuscito di strumentalizzazione da tutti gli invidiosi di sinistra che non sono in grado di dire qualcosa di nuovo come invece ha fatto Casapound!

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 13:09

    piccoli appunti per paolo :

    – “Voler collegare Casseri a Casapound” è lui stesso che ci si è collegato (vedi iscrizione e partecipazioni a manifestazioni).
    – “casapound rappresenta una destra romantica dove i valori sono affermati sì con forza ma mai con violenza e volgarità” posso essere anche gentile ed educato, ma se faccio forme di revisionismo ed elogio il fascismo, un po’ di violenza la esterno (e non dirmi che casapound non è così, basta cercare le dichiarazioni che negli anni ha rilasciato il suo presidente e fondatore).

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 14:42

    Vorrei ribadire che la nostra Costituzione e’ dichiaratamente contro il fascismo.
    Ora cosa mi si vorrebbe venire a dire? che a Casapound non sono fascisti?
    Non dico che non si puo essere fascisti. Anzi in Italia ce ne devono essere pure molti. Purtroppo.
    Ma se lo sei sei fuori dalla legge, come i mafiosi.
    Ok.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 15:56

    Voler collegare Casseri a Casapound è un evidente tentativo mal riuscito di strumentalizzazione da tutti gli invidiosi di sinistra che non sono in grado di dire qualcosa di nuovo come invece ha fatto Casapound!

    No, voler collegare Casseri a Casapound è una CONSTATAZIONE DEI FATTI. E non lo “si vuole fare”: il collegamento c’è già, è evidente e documentato.

    Chiaramente ciò non significa che vi siano necessariamente nessi di consequenzialità tra l’essere iscritto a casapound e nel coltivare determinate idee o follie, e ancor meno nel compiere certi atti.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 16:41

    Forse. mario merlino, stefano delle chiaie. l’attuale primo canterino di GPI non facevano parte dello stesso club? Peppe è morto defilato, Iannone no! sempre alla guida. Riciclato alle buone azioni. CPI ha sempre negato e mai esternato tesi razziste o xenofobe e questa è affermazione ricorrente. Le sue azioni un po’ “rudi” sono o difese o goliardate. Sarà poi cos1? Sono mesi che predico insistentemente e noiosamente di allargare il proprio orizzonte conoscitivo servendosi di quanto abbiamo tutti a disposizione (testa e buon senso permettendo) e solo ora si comincia a vedere qualcosa di serio e misurato. Ci volevano i morti per arrivare a considerare con attenzione certe organizzazioni, i profili dei dirigenti,senza bisogno di fare 2+2 ma nemmeno ignorando i loro trascorsi che non mi rassicurano affatto.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 17:31

    Pietrangelo Buttafuoco sui fatti di Firenze.

    Pietrangelo Buttafuoco, scrittore, come si spiega questa tragedia?

    «Partiamo da un dato di carne e sangue, e confrontiamoci con le storie degli uomini ammazzati; senegalesi che attraversano il buio e il mare per arrivare in Italia. Ne parlo anche in “Cabaret Voltaire”; la loro eleganza e la loro fierezza sono quanto di meglio si possa immaginare nel nostro orizzonte di occidentali stanchi, deprivati e perduti di qualsiasi identità. Quindi chissà cos’è successo nella testa di questo squinternato per scegliere proprio loro come bersaglio, con la loro nobilità e il loro senso dell’avventura; tutte cose che si possono trovare nei sogni e negli immaginari jungeriani ed evoliani. C’è un cortocircuito spaventoso. Fa gioco la criminalizzazione e sarebbe devastante privare questo mondo fatto di suggestioni e di simboli e ridurlo al rango di simili pazzie».

    Quindi, secondo lei, la vicinanza a CasaPound non c’entra nulla.

    «CasaPound è una cosa diversa rispetto alle stupidaggini dell’estremismo di destra; se c’è un marchio di identificazione della stupidità, nell’estrema destra ne trovi a bizzeffe. Ma CasaPound non ha il linguaggio nostalgico che invece i giornali vogliono darle. I politici d’accatto e i giornali sono più feroci nel perseguirli di quanto lo sia la stessa polizia. Pensiamo allo stesso simbolo della tartaruga: è creato apposta per non utilizzare un armamentario vecchio e ridicolo».

    Ma in questi centri sociali non rischia di accendersi anche qualche fiammella d’odio?

    «È ovvio che loro devono fare un’operazione di riflessione e ripensamento, come diceva anche Alessandro Giuli, ma non c’è nessuna connessione fra questa storia orrenda e CasaPound; qualsiasi loro sede è aperta a chiunque voglia entrare. A Roma nelle loro cantine trovi batterie e amplificatori con cui suonano, fanno musica e canzoni. Prendiamo anche i manifesti: la grafica ha un linguaggio che non rientra nei canoni di una volta».

    Il razzismo non abita a CasaPound insomma.

    «Se ci sono fosse solo l’ombra o un cenno di razzismo io non ci metterei mai piede. E invece ce lo metto volentieri: è l’unica realtà di destra che non corrisponde ai clichè idioti di razzismo e cecità ideologica cui volentieri si offrono le altre mille sigle della galassia dell’estrema destra. CasaPound ha cercato sempre di utilizzare un linguaggio, un cifrario e uno stile che non corrispondono al nostalgismo. Le loro espressioni tipicamente giovanili — di ragazzi stiamo parlando — sono concentrate nella musica, nelle aggregazioni e nell’attività di solidarietà. C’è una criminalizzazione nei confronti di CasaPound che viene da lontano, perché la sua assenza di nostalgia diventa un motivo accattivante presso l’opinione pubblica. E questo a qualche giornale non piace».

    Buttafuoco, non vedrà mica un complotto dei giornali?

    «Non si tratta di complotto: è un riflesso condizionato, è Pavlov con la scodella per il cane. È accanimento nei confronti di CasaPound, che non corrisponde alle solite caricature. E non c’è niente di peggio del neofascismo idiota e caricaturale di tutti quelli che straparlano senza avere senso del reale e che non vivono in contemporaneità con il proprio tempo. Faccio un esempio: qualche tempo fa c’è a Roma c’è stata una manifestazione dei black bloc e nelle redazioni era circolata ad arte la voce che dietro di loro ci fossero militanti di CasaPound mimetizzati; se fosse stata vera sarebbe successo l’inferno. Ma CasaPound è una struttura aperta, tantissimi ospiti di sinistra sono intervenuti a presentare libri, dalla Concia a Sansonetti. Ed è meschino il calcolo di qualche consigliere comunale del Pd che pensa che CasaPound sia una fabbrica di mostri. Andassero a vederla».

    Ma davvero secondo lei l’azione di Casseri non ha motivazioni politiche?

    «È ovvio che questo squinternato pescasse dentro i propri incubi. È materia pericolosa. Qualsiasi libro diventa incendiario, anche Breivik citava la Bibbia, ma non per questo la Bibbia merita di essere trascinata nella sua follia. Ripeto, dal dopoguerra a oggi c’è stato un processo di mostrificazione della destra. Faccio un esempio schifoso: quando a Roma arrestarono un coordinatore di circolo del Pd nessuno volle — giustamente — accusare il Pd in quella vicenda orrenda. Fosse stato del Pdl avrebbero fatto una puntata in tv sul corpo delle donne nell’era di Berlusconi. La destra in Italia ha fragilità di linguaggio e handicap che agevolano la mostrificazione. E io non mi stanco mai di dire ai ragazzi di CasaPound che se devono trovare un ideale che corrisponde alle loro letture, lo cerchino più volentieri in Oriente, nell’Induismo o nell’Islam che altrove».

    http://bizzeffe.wordpress.com/2011/12/15/la-destra-in-cortocircuito-sui-fieri-ragazzi-di-dakar-intervista-a-buttafuoco/

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 17:39

    “i fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti”.

    (Ennio Flaiano)

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 17:43

    Loro stessi si definiscono fascisti del terzo millennio, quindi che sia destra romantica o meno non cambia nulla, si stanno facendo discorsi a vuoto. Quanto abbia contribuito l’appartenenza a casapound, piuttosto che la follia, al gesto criminale, non lo sapremo mai.

    Sto guardando ora alla TV un esponente delle comunità straniere; raccomanda ai suoi connazionali, in occasione della manifestazione di sabato prossimo, di non lasciarsi strumentalizzare e aggiunge che si augura di non vedere bandiere politiche.
    Spero che presto ci superino in numero e che arrivino ai vertici del comando, avendo molto più buon senso degli italiani “purosangue”, riusciranno senz’altro a governare meglio di tutti i governi che si sono succeduti dall’unità, compreso quest’ultimo.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 18:18

    francamente buttafuoco non mi sembra un testimone attendibile,date le sue posizioni politiche.
    è chiaro che li difende,ma in conseguenza della sua collocazione politica,appunto.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 18:41

    Sara, qui non si parla di politica.
    Non si parla di difendere o meno CasaPound dal punto di vista politico. CasaPound è legittima e legittimata, politicamente.

    Qui si parla di addossare a migliaia di persone (e di famiglie) la responsabilità per il gesto di un pazzo, che s’è bevuto il cervello, e non certo in CPI, dove di razzismo non ne esiste l’ombra. Dove i fatti parlano chiari.
    Quindi qui non ci si divide politicamente.
    Ci si divide umanamente.

    C’è la volontà di impiccare con la corda di un matto migliaia di persone. Che da anni producono cultura, sport, politica, solidarietà.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 18:48

    mi pare di dubbio gusto rigirare la frittata e parlare di impiccare con la corda gli esponenti di cpi,quando uno di loro ha ucciso dei senegalesi.
    ripeto,uno di loro.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 18:57

    Qualcuno può riportarmi almeno un caso documentato in cui Casapound si è resa responsabile di qualsiasi cosa definibile come razzista?
    Sennò stiamo davvero a parlare del nulla.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 19:01

    Sara, se da un lato dici che la matrice è ”politica”, e dall’altro dici che Buttafuoco parla perchè fa parte di quell’area politica, ergo, stai dando dello stragista a Buttafuoco. Sbaglio?
    Spero di sì, perchè il tuo sillogismo sarebbe criminale.
    Invece la matrice del folle, riguarda solo lui, e allora torna perché un uomo della levatura di Buttafuoco si spenda per far chiarezza (applicando la logica).

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 19:10

    La follia non ha appartenenza. Migliaia di giovani non possono essere affogati nel vomito di un cinquantenne depresso, nè da questo possono essere rappresentati, nè possono pagare colpe che non hanno.

    Uno del PD è uno stupratore seriale, arrestato a Roma. Un’altro pure, in settimana. Uno del PD, candidato nel napoletano, era un noto sicario della camorra. Uno del PD, presidente di provincia, è in galera in Lombardia per tangenti.

    Il Pd è colpevole tutto, perchè “è uno di loro”?.
    Anche negli ultimi fatti citati, la politica c’entra. Perchè la mafia è politica, perchè le tangenti sono un modo di esercitare il potere. E’ possibile sostenere che il PD preveda questo tipo di politica?

    Per tornare al caso specifico, o si è in grado di sostenere che CasaPound preveda come politica il delirio razzista e la prassi dell’omicidio-suicidio, oppure sono tutte chiacchere.
    Ma la prova che chiedo, è impossibile darla, perchè decine di iniziative testimoniano il contrario.
    E fuori dal rumore delle mascelle degli sciacalli, non resterà nulla.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 19:27

    Sono morti due neri per mano di un italiano.Ma si fa finta di non ricordare quanti italiani muoiono per mano di stranieri. Non capisco di cosa si parla come mai in tanti si agitano boh eppure le statistiche ci dicono che i crimini commessi da stanieri sono molto più frequenti.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 19:31

    certo:l’episodio in commento.
    oltre all’ideologia stessa di casapound( stop immigrazione,nessuna mescolanza,ognuno a casa sua ecc..)

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 20:08

    sono becere STRUMENTALIZZAZIONI:
    Non era militante di CasaPound. CasaPound non incita alla violenza, alla xenofobia, all’antisemitismo, ad atti criminali.
    La responsabilità penale è personale, ciò significa che il PD non è responsabile degli stupri commessi da uno dei suoi responsabili a Roma tanto quanto CasaPound non è responsabile della sparatoria compiuta da un suo simpatizzante.
    Questo è quanto.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 20:58

    @sara esprimo tutto il mio dolore a tutti i senegalesi che vivono in italia,questo fatto deve farci riflettere e non alimentare odio contro odio,le pere marcie esistono in tutti i partiti non per questo le persone sono tutte delinquenti,vorrei dire a sara cosa pensa di corrado gabriele mi sembra che sia del pd,allora secondo il suo ragionamento nel pd sono tutti strupatori rifletti ………………

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 21:34

    Arridagli, a quando ripartiamo con la campagna per gli eroi della prima guerra mondiale, del pane politico, del… a tutti ? Tesi stantie come la costituzione antifascista, i fascisti del terzo millennio che fascisti sono ma non sono.
    Il capo riconosciuto è un pregiudicato condannato a quattro anni per violenza nei confronti di un carabiniere. Adinolfi è stato venti anni all’estero aspettando che si elidessero le sue condanne penali. Ho citato contiguità in una associazione disciolta di cui assieme a Iannone, mi sembra ricordare Stefano delle chiaie detto “il caccola”, mario merlino e tanti tanti altri. Cos1 è se vi pare. Seguitare a dire come sono buoni, come sono bravi, mi ha veramente rotto.

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 21:56

    il problema sono le ARMI in mano a chi e’ malato mentale di depressione et similia..chi ha dato il permesso di portare armi o detenerle ??…

    altro che neofascismo

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 21:58

    a VOI non vi importa della morte dei senegalesi uccisi da uno psicopatico..a voi importa che fosse un simpatizzante di cpi e basta..

    vergognatevi

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 22:07

    A leggere questi commenti mi viene un dubbio : ma non sara che quelli dincasapound si sono sbagliati e dovevano chiamarsi invece casa gandhi, casa lutherking, casa guevara? Oh, macche’, si sono chiamati come quel buontempone di ezra pound, si definiscono fascisti del terzo millennio e si fanno comnadare da uno come iannone.
    Allora qua o loro non hanno le idee chiare oppure ci stanno prendendo sapientemente per il culo

    RISPONDI
  • Admin
    15 dicembre 2011, 23:13

    Certo, sono morti. Ma nell’aldilà, sarà per loro di enorme conforto sapere che il paese dove avevano deciso di vivere si divide tra quelli che sono felici di vederli morti perché erano negri e quelli che sono felici di vederli morti perché così possono polemizzare con quelli felici di vederli morti perché erano negri.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 08:13

    ma davvero citare condanne penali di dirigenti di associazioni che fanno tanto bene alla città , non è consentito ? Davvero la condanna penale di Iannone è tabu’ ?
    Davvero le sentenze penali per violenza non possono essere citate ? Davvero le violenze subite sono terribili e quelle praticate vere goliardate. Ma….

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 09:37

    – ECCO I “PACIFINTI” :

    Roma, da centri sociali petardi verso CasaPound, respinti da polizia
    Roma, 14 dic. – (Adnkronos) – Momenti di tensione al corteo degli immigrati senegalesi promosso all’Esquilino per esprimere solidarieta’ ai connazionali uccisi ieri a Firenze. A quanto si apprende, gruppi di inflitrati dei centri sociali, che dopo aver esploso alcuni petardi tentavano di arrivare da piazza Vittorio alla sede di CasaPound, in via Napoleone III, sono stati bloccati dai comparti della polizia. I manifestanti sono stati respinti e dispersi dagli agenti.

    ESQUILINO, GRUPPO CENTRI SOCIALI VERSO SEDE CASAPOUND: PETARDI CONTRO PS -2- (OMNIROMA) Roma, 14 DIC – (SEGUE). Secondo quanto si è appreso, a lanciare sassi contro le forze dell’ordine, nei pressi della sede di Casapound, sono stati alcune decine di giovani vestiti di nero e incappucciati che urlavano slogan «Camerata, basco nero, il tuo posto è al cimitero». In strada, cassonetti rivoltati e numerosi sassi lanciati contro le schieramento di polizia e carabinieri. Nei pressi del palazzo del movimento di destra, presidiato da una decina di camionette delle forze dell’ordine, anche qualche cappellino nero probabilmente perso durante il blitz. Secondo gli investigatori a compiere l’azione sarebbero stati giovani appartenenti ai centri sociali.

    AGGUATO FIRENZE: CORTEO SENEGALESI ROMA,CASAPOUND PRESIDIATA (ANSA) – ROMA, 14 DIC – I momenti di tensione sono iniziati quando un gruppo di ragazzi vestiti di nero, probabilmente militanti dell’ala estrema dei centri sociali e black bloc, si sono staccati dal corteo dei senegalesi e si sono diretti in via Napoleone III verso la sede di CasaPound. Secondo quanto si apprende, il gruppo ha tirato sassi urlando slogan contro il centro sociale di destra. Sono intervenute le forze dell’ordine che li hanno dispersi senza usare lacrimogeni. Un cordone di polizia e carabinieri presidia la sede di CasaPound.(ANSA).

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 10:28

    @ LORETTA:

    complimenti, mettere sullo stesso piano due grandi pacifisti come gandhi e lutherking con il rivoluzionario, sanguinario guevara è proprio da lei….. bella roba!

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 10:28

    il paragone con lo stupratore del pd ,ripetuto fino alla noia anche in tv dagli appartenenti a casapound e dai simpatizzanti, e ripetuto anche qui,non sta in piedi.
    starebbe in piedi se nel pd si teorizzasse la superiorità maschile:a quel punto,sarebbe potuto accadere che una persona debole di carattere e criminale avesse deciso di passare ai fatti, e fatti criminali, imbevuto di quella cultura.
    ma ciò non mi pare avvenga nel pd.
    invece nelle formazioni neofasciste,compresa casapound,vi è un’ideologia razzista che una persona folle come casseri probabilmente ha preso alla lettera ed ha deciso di passare ai fatti.
    chiaro che la responsabilità penale è solo sua,ma quella politica e morale?sopratutto se si è un movimento politico,bisogna stare molto attenti a ciò che si propaganda.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 10:37

    Camillo, non dire stupidaggini. Quali statistiche? Metti un link o la tua rimane solo una panzana.

    @Cittadino Puntiglioso, sei ammirevole per questa tua arrampicata sugli specchi, ma più che puntiglioso sei piuttosto un mistificatore.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 10:39

    ESQUILINO, GRUPPO CENTRI SOCIALI VERSO SEDE CASAPOUND: PETARDI CONTRO PS -2- (OMNIROMA) Roma, 14 DIC –
    Secondo quanto si è appreso, a lanciare sassi contro le forze dell’ordine, nei pressi della sede di Casapound, sono stati alcune decine di giovani vestiti di nero e incappucciati che urlavano slogan «Camerata, basco nero, il tuo posto è al cimitero». In strada, cassonetti rivoltati e numerosi sassi lanciati contro le schieramento di polizia e carabinieri. Nei pressi del palazzo del movimento di destra, presidiato da una decina di camionette delle forze dell’ordine, anche qualche cappellino nero probabilmente perso durante il blitz. Secondo gli investigatori a compiere l’azione sarebbero stati giovani appartenenti ai centri sociali.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 10:42

    Chi diceva: “i fascisti sono di due tipi, i fascisti e gli antifascisti”? Pochi come costui hanno inquadrato bene la situazione del popolo italiano a cui, con vergogna, purtroppo appartengo. I commenti su questo fatto, qua e in giro per la rete, sono agghiaccianti. Mi fa schifo chi approfitta di questa tragedia per attaccare chi la pensa diversamente da lui, mi fa ribrezzo chi strumentalizza questi ragazzi uccisi per cogliere l’occasione di sfuggire al contraddittorio ideologico e soprattutto mi spaventa la mediocrità etico intellettuale di questa gente che ha l’arroganza di considerarsi depositaria della verità assoluta e che pur di tentare di evangelizzare il mondo calpesta e sciacalla il cadavere di due poveri giovani partiti dal loro paese in cerca di un sogno e finiti sgretolati dalla follia di un pazzo: è ovvio che a far scegliere a casseri due neri senegalesi sia stata la sua aberrante cultura razzista. Che l’avesse appresa a dottrina, negli scritti di himmler o a casapound importa poco, quello che non capite è che questa cultura ha inciso solo nella scelta dei bersagli, perchè è la sua testa marcia che l’ha fatto sbarellare, e se non fosse stato razzista ma ugualmente depresso e sociopatico avrebbe sbarellato lo stesso, magari uccidendo due bambini invece che due senegalesi, o due vecchi o due donne o due uomini o due cani o due barboni o due meretrici, diventando soltanto un folle menomato mentale buono per gli articoli di oggi, le inchieste di gente e le trasmissioni di giletti. Sarebbero state comunque vite buttate via dalla pazzia, ma questi servi sciocchi non si sarebbero certo mossi ad indignados, anzi, magari avrebbero voltato le spalle perchè loro sono superiori a questi fattucci di cronaca buoni giusto per far passare le serate a qualche vecchia zitella rincoglionita. Mi fate schifo.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 11:00

    per la redazione:
    riguardo al commento di attanasio, è gisuto che contenga offese verso gli altri utenti?

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 11:59

    Ecco, ci mancava giusto Camillo!
    Hei, sveglia!
    qua non si parla di morti per regolamento di conti, rapine etc. si parla di 3 disgraziati ammazzati solo perché di colore (o negri, come piace dire a qualcuno) da un imbecille che frequentava covi di imbecilli.

    Per gli altri, siete in grado argomentare senza copiare pari pari (peraltro violando il copyright) scritti di altri?

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 12:38

    se uno è un pazzo non esiste bandiera può essere verde rosso nero viola è inutile accusare il partito di provenienza che non centra niente se uno è un matto è matto basta.solidarietà hai familiari delle vittime che hanno avuto la solo colpa di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato di fronte a un pazzo.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 12:56

    Avrei mille cose da scrivere… Potrei riportare innumerevoli articoli di giornalisti che incitano all’olio e scrivono le più criminali menzogne.
    Potrei invitare come tante volte abbiamo fatto ad un confronto pubblico chi nell’anonimato vomita bugie criminali nei miei e nostri confronti.
    Non lo farò perchè tutto é già stato detto e poco c’è da aggiungere.

    Mi limiterò a continuare a leggere e ad inorridirmi di fronte a ciò che scrive qualcuno qui sopra.

    Considererò un solo intervento fin qui apparso; perchè degno di nota, perchè onesto, perchè scritto da un uomo libero. Ovvero quello di Attanasio Cavallo Vanesio.
    Perchè di uomini liberi, purtroppo, se ne trovano pochi, e questi commenti ne sono una dimostrazione.

    Quello che è successo fa schifo.
    Tutto ciò sta facendo schifo, ma la cosa più triste e umanamente brutta siete voi sciacalli, voi fomentatori d’odio, voi piccole persone.

    Prima o poi farete i conti con la vostra coscienza, se mai ne avrete una.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 13:20

    @marco

    Deduco che tu conosca quelli di CasaPound. Vero?
    Deduco tu sia stato ad un loro incontro o ad il loro dibattito nella loro sede, giusto?
    Deduco tu abbia parlato dal vivo almeno una volta con loro, no?

    Ti prego dimmi di si.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 13:25

    @Sara
    Al contrario di tanti, Attanasio Cavallo Vanesio è, prima ancora che educato, troppo intelligente per lasciarsi andare a offese. Ha semplicemente espressso un sentimento che certi commenti li suscitavano: schifo.

    @Attanasio Cavallo Vanesio
    Certi interventi come il suo mi fanno ancora sperare, malgrado tutto, nel genere umano. Già una volta commentai un suo post dicendomi piacevolmente sorpreso, visti i tempi, della sua onestà intellettuale. Non posso che ripetermi-

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 13:35

    Stiamo giocando ai quattro cantoni. I fatti sono noti, la scheda dell’assassino anche. Di cosa parlava nelle sue visite in sede CPI. Chi ascoltava se in disaccordo gli avrebbe potuto indicare la porta. Allora, in una associazione politica se si accetta tutti, anche gli individui che scrivono e , penso, esprimono tesi in profonda antitesi con i programmi e lo spirito della propria associazione, se si ascolta e gli senza prendere provvedimenti , si da a certe tesi cittadinanza. Ispirazione, connivenza, istigazione? Niente di tutto ciò ! Ma allora quanti sono quelli che trovano un uditorio nell’ambito dell’associazione ? Perchè non allontanarli subito ? . A MENO CHE ….

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 14:34

    “invece nelle formazioni neofasciste,compresa casapound,vi è un’ideologia razzista che una persona folle come casseri probabilmente ha preso alla lettera ed ha deciso di passare ai fatti.”

    Sara dov’è l’ideologia razzista in CasaPound? puoi citare qualche episodio per dare valore alla tua tesi oppure le tue sono solo illazioni perseguibili penalmente?

    Resto sempre più esterefatto di come esistano sciacalli pronti a banchettare su dei morti innocenti per colmare i propri vuoti esistenziali.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 14:35

    @Lo Spratico

    a tutte le tue risposte: sì

    Parlo con cognizione, io.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 15:44

    Attanasio, tralasciando il fatto che ti ergi a giudicare “mediocri” certi commenti mentre definisci “arroganti” coloro cheli hanno scritti (un non-sense da oscar), non sapevo tu fossi laureato in psichiatria. Se lo sei, complimenti per l’analisi del personaggio fatta senza averlo visitato. Se invece non lo sei, da dove cogli che era pazzo?
    Sono curioso.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 15:53

    fabio barsanti
    avrai anche mille cose da dire
    ma le uniche cose che hai detto sono offese a chi esprime un punto di vista evidentemente diverso dal tuo.
    contento tu…

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 16:57

    che palle con questi senegalesi ,fossero questi i problemi degli italiani. basta!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 17:25

    @alberto : Internet è bello proprio per questo. una volte erano solo parole che il vento portava via, ora di tutto rimane traccia. Bravo.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 17:27

    @marco

    Benissimo.
    Io ci ho messo la faccia, come sono solito fare.
    Te no. E questo è il primo dato di fatto.
    Dunque dovrei conoscerti… Giusto?
    Visto che hai parlato di CasaPound come un covo di imbecilli, farlo dall’anonimato mi pare quantomeno non elegante.
    Vorrei sapere qual è questa cognizione di causa di cui parli…

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 17:34

    volete un esempio:facilissimo.
    le occupazioni a scopo abitativo di casapound:per essere accolti,bisogna essere italiani.
    e questo non è razzismo?
    è un fatto,non un’illazione perseguibile penalmente…
    p.s. attenzione anche alle querele fatte a caso,matteo giordano è stato assolto,ad es.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 17:44

    Mentite sapendo di mentire.
    Su questo sito io e altri di CPI abbiamo sempre scritto senza mai trovare un confronto degno di questo nome.
    Solo accuse, falsità e altro.
    I pochi che hanno postato contenuti, hanno sempre trovato risposta.

    Su questo articolo non vi sono contenuti ai quali rispondere; vi sono solamente conclusioni basate su foto, articoli di una stampa trasparente come la melma, e accuse senza mai un nome e cognome da parte di chi le fa e una sottrazione costante dal confronto più volte da noi cercato.
    Il voler tapparci la bocca, il chiedere la chiusura delle nostre sedi non è esprimere un’opinione diversa dalla mia. Questo mi sembra chiaro.

    Se voi aveste il coraggio di firmarvi com nome e cognome, vi inviterei ad un pubblico dibattito e dovreste rispondere di quello che dite.
    Ma a quanto pare sono il solo a mettere la faccia, e sicuramente nessuno di voi anonimi accetterebbe mai.
    D’altra parte, sui contenuti e sulle nostre battaglie, avete sempre tappato. Altrimenti non vi fondereste come sciacalli adesso.
    Chi ha cervello per pensare con la propria testa tirerà le proprie conclusioni, come sempre.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 17:58

    Marco, in che occasione hai parlato con noi?
    Di cosa abbiamo parlato?
    Grazie.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 18:05

    LE TESI RAZZISTE CE L’HA SOPRATTUTTO LA LEGA NORD ALLORA CHIUDIAMO LE SEDI DELLA LEGA NORD…perche’ deve averle prese da CASAPOUND QUESTE IDEE L’ASSASSINO?

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 18:42

    come mai nessun commento riguardo alle “azioni” di militanti dei CENTRI SOCIALI contro le sedi di casapound??? Come mai, come mai???

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 19:08

    @alberto, l’anonimo n. 3

    Si, sono io quello nella foto, e non ho nessuna difficoltà ad ammetterlo. A differenza vostra, io sono qui con nome e cognome. Lo ripeto perchè è un dettaglio fondamentale per dare credibilità a difesa o accusa.

    Quella foto, nella quale io sono quello con gli occhiali e il giubbotto verde proprio accanto al Casseri, risale a quando facemmo un’iniziativa pubblica per denunciare lo stato di abbandono del carcere di Veneri. Eravamo molte persone, tra cui lui. Se vuoi che io neghi di averlo conosciuto o di averlo visto, mi spiace, ma non l’ho mai fatto nemmeno nelle prime interviste prima che uscissero le foto.
    L’ho conosciuto, perchè alle nostre iniziative principali su Pistoia si presentava sempre e perchè non avremmo avuto motivo, nè io nè i ragazzi di Pistoia, di allontanarlo o di non farlo entrare o di non parlarci ecc. Questo mi sembra ovvio, dal momento che chiunque si può presentare alle nostre iniziative. La pensava diversamente da noi? Vero, perchè apparteneva ad un mondo culturale dal quale Casapound ha ormai da tempo preso le distanze in tanti sensi: sia per le posizioni politiche, sia per l’immaginario fallimentare e anti politico che certe fascinazioni si sono sempre portate dietro (Tolkien, un certo esoterismo ecc). Ma CasaPound, che ovunque ospita anche persone lontanissime politicamente come ex BR, presidenti di ArciGay, Comunità Cinese ecc, non deve rendere conto a nessuno della presenza del Casseri alle proprie iniziative. Soprattutto quando questa persona non ha mai dato segni n’è di razzismo, n’è tantomeno di violenza.
    Questo mi pare talmente scontato che parlando con una persona onesta nemmeno dovrebbe esserci il bisogno di specificarlo.
    Rimane, però, il fatto che fosse un semplice simpatizzante, estraneo al nucleo o alla comunità sia di Pistoia sia della Toscana, che si presentava spesso perchè, come avete anche potuto leggere dai giornali, non aveva granché da fare a giornate e, perchè, CasaPound è comunque l’unica realtà di un certo tipo presente a Pistoia e sul erritorio in generale.

    Mi dispiace per Sara, ma l’esempio del PD è calzante eccome. Un coordinatore del partito di Roma si scopre essere un molestatore seriale, un altro consigliere regionale viene condannato per abusi sui figli; ebbene, noi a differenza vostra, non oseremmo mai teorizzare complicità all’interno del partito.
    Le posizioni politiche di CasaPound sono ormai da anni chiare e sotto la luce del sole. Da sempre ci spendiamo contro omofobia e razzismo, tanto da essere dileggiati ed infamati proprio da quella galassia di estrema destra che vede in noi degli specie di traditori o chissà cosa.
    Ma voi tutto questo non volete vederlo, perchè vi fa troppo comodo non vederlo.

    Riguardo al link dove si cita una fantasiosa e fantomatica frase di quella bella persona di Saverio Ferrari, riportata sul Manifesto di ieri, due parole da spendere ci sono.

    Quella frase è palesemente falsa, e nei confronti di Saverio Ferrari sono già partite le doverose querele.
    Quella comunicazione, e lo dico da dirigente di CasaPound, non è mai stata recapitata a nessun dirigente ed è totalmente e assolutamente frutto della volontà criminale del soggetto in questione. Se amate la verità, chiedete al signor Ferrari, che domani sarà ospite a Lucca, le fonti di quella frase.
    Ma voglio che mi pubblichiate le fonti però, non che vi accontentiate di ciò che scrive un tale su un foglio in assoluta libertà.
    Perchè il soggetto in questione non è nuovo ad inventarsi cose di sana pianta. Quindi mi verrebbe da chiedermi intanto come avrebbe fatto ad avere una comunicazione interna alla nostra associazione. Seconda cosa metto a disposizione anche della magistratura cellulare, hard disk e tutto ciò che possa aver lasciato una traccia di quella comunicazione, che non è mai esistita e che chi la tira fuori deve avere, quantomeno, l’onere della prova.

    Saverio Ferrari, personaggio ambiguo e implicato negli anni ’70 nelle vicende dell’archivio di viale Bligny dove fu trovato un vero e proprio dossier con tanto di indirizzi di giovani militanti di destra e che fu poi collegato alla morte di Sergio Ramelli (ucciso a sprangate da ragazzi di Autonomia Operaia), è l’ultima, ma proprio l’ultima persona a poter parlare. Una persona che archivia giovani, che li sbatte in pasto all’antifascismo militante, che diffonde menzogne con la volontà di diffonderle.
    E la cosa grave, molto grave, è che questo sabato, in un luogo recuperato e che doveva essere fruibile da tutti quale l’ex ostello ora Cantiere, si presenterà proprio un libro alla presenza dello stesso Ferrari. Cioè si invita in un logo pubblico un fomentatore di odio e menzogne.

    C’è un brutto clima. Un clima già visto, un clima da caccia alle streghe fomentato da persone che, probabilmente , nemmeno si rendono conto di ciò che potrebbero innescare.

    Per questo considero alcuni che hanno scritto delle piccole persone; perchè si stanno dimostrando dei profittatori, incapaci di batterci sul piano dei contenuti e pronti a diffamare a suon di menzogne, il tutto senza nemmeno prendersi le responsabilità attraverso un nome e cognome.

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 20:53

    Seguito noisamente ad indicare i precedenti penali del sig. Iannone che cadono irrimediabilmente nel vuoto. Cerco di segnalare con elementi concreti o con accostamenti di nomi (mai contestati) i precedenti di certi individui perseguiti per i loro “fatti” e non per le loro idee. Poi dobbiamo sentire l’improntitudine di chi afferma solennemente che di fronte a fatti concreti noi non ci siamo mai tirati indietro.
    MA CI FACCI IL PIACERE

    RISPONDI
  • Admin
    16 dicembre 2011, 21:50

    mi fate ridere..
    ci sono matti che ammazzano figlioli.
    matti che stuprano e ammazzano bambini.
    matti bianchi che ammazzano neri e matti neri che ammazzano bianchi.
    matti,gente che va’ fuori di testa e compie gesti inconsulti e imprevedibili.
    le cronache sono piene di questi fatti,stiamo qui’ a giudicare un associazione perche’ un matto suo simpatizzante ha’ ucciso?
    cioe’ mi vorreste dire che associazioni come casapound,oppure associazioni di sinistra,fomentano il razzismo o l’odio politico e gli omicidi? cosi’ come la chiesa fomenta e istiga alla pedofilia?
    ma fatevi vedere da uno bravo date retta!!!!!!!!!!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 00:46

    al di là di tutto,mi fa veramente specie il vittimismo e l’assenza di ogni autocritica nei commenti degli esponenti di casapound.
    anche questo non è un buon segno.
    possibile che non sbagliate mai,che siete sempre dalla parte della ragione,che subite la violenza e non la praticate mai?
    questo mi sembra poco credibile,non commentare con pseudomini o nomi veri.
    p.s. vorrei proprio sapere in che modo casapound combatterebbe il razzismo…
    lottando contro la mescolanza delle etnie?sostenendo che le diverse etnie non possono convivere insieme e che ognuno deve stare a casa propria?
    p.s.s. sono d’accordo con sara,il paragone con il segretario del pd non c’entra proprio nulla.

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 00:50

    l’incontro con saverio ferrari cmq è saltato,ma invito tutti a vedere i suoi video su youtube,purtroppo sono molto veri .particolarmente interessante è quello sulle foibe,guardatelo, che merita.
    naturalmente ferrari è stato minacciato per questi video.

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 10:08

    @fabio barsanti
    tutto perfetto, bravo
    però quello che dici, tutta questa fierezza e serietà nel dire ‘si lo conosco di vista ma non per questo vuol dire fosse qualcuno’ non torna con il comportamento ufficiale che casapound ha tenuto

    vera o no la mail che indicava di stare zitti e lasciar parlare chi autorizzato sulla questione e che costoro dovevano negare ogni conoscenza con casseri?
    Con una mail del genere inviata quanta credibilità può rimanere di quanto poco fa hai scritto?
    E ancora..come mai sul sito di casapound sono spariti i riferimenti a casseri?
    parlo di questo

    http://www.senzasoste.it/images/stories/casseri_casa_pound.jpg

    che qui non c’è più
    http://www.ideodromocasapound.org/?author=17

    se uno è sicuro e coerente per le proprie azioni perchè poi si comporta così?
    te lo chiedo perchè dimostri di non nasconderti e voler rispondere 🙂

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 13:29

    non c’è nessun pericolo di deriva razzista in italia, tanto meno casapound dovrebbe essere chiusa perchè uno dei tanti psicopatici che vi gira in torno a sbroccato un attimo.
    quello che mi fa ridere della questione è che nonostante gli enormi sforzi del moimento-associazione di rendersi accettabile e pulita all’occhio dell’opinione pubblica, il destino gli è avverso e gli sbatte comunque la realtà in faccia.
    fa schifo lucrare e strumentalizzare i morti, d’accordo vanesio attanasio, però la politica è fatto pure di questo, e infatti casapound sull’immagine ci punta più che su qualsiasi altra cosa, e puntualmente l’immagine tanto pura della sua propaganda viene insudiciata dagli accidenti della propria essenza. e questo appunto al di là dei moralismi giusti e ingiusti è una marchio politico ben preciso e poco positivo, prima di tutto per i loro progetti.

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 19:39

    quando un membro di casapound invece si comporta bene , studia , lavora fa politica e solidarieta’ allo stesso modo perche’ non si dice che cpi e’ fatta di gente perbene ?..

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 20:39

    semplice perchè non sono comunisti.

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 21:37

    Posto un comunicato della comunità somala di Bari, che ha manifestato con la onlus Solidaritè-indentitè, legata a CasaPound.
    Controle strumentalizzazioni, la gente si sta svegliando. Sciacalletti, anche a sto giro rimarrete digiuni.

    Per Alberto, ti è stato già risposto che la mail citata da Ferrari è un falso. E del resto il personaggio è abituato a mentire. Ti posto quanto scritto sull’ideodromo di CasaPound, e sul perchè sia stato tolto il riferimento a Casseri. Questo chiude le tue elucubrazioni, spero.

    http://www.ideodromocasapound.org/?p=994

    Bari 16 Dicembre – La Comunità Somala di Bari esprime il proprio sdegno e sgomento di fronte alla follia omicida di Firenze, con l’uccisione di due cittadini- fratelli senegalesi. ” Noi siamo contro qualsiasi tipo di politica e lottiamo per la giustizia e i diritti. Crediamo in ogni forma di solidarietà e sostegno in Italia – sostiene il Presidente della Comunità Somala di Bari Mohammed Abdi Nasir – vivendo nella pace civile con tutti ! . Domani 17 Dicembre aderiamo all’evento organizzato dall’ Associazione Onlus Solidarité – Identités, a noi vicina, per il sotegno da essi ricevuto per alcune famiglie e per una futura ancora più stretta collaborazione. Saremo felici di partecipare al raccoglimento per le vittime della strage di Firenze. Saremo ugualmente pertecipi al corteo pacifico di domani sera.”

    La Comunità Somala in Bari chiede che siano eliminate ogni forma di razzismo o miopia culturale e invita tutti a partecipare ad iniziative di supporto per i popoli immigrati e non rispettati in Puglia. Non permettiamo di incrementare l’odio attraverso strumentalizzazioni di partiti e chiediamo di non creare altra violenza.

    TUTTI I POPOLI DEVONO VIVERE NEL RISPETTO E NELL’AMORE

    Il Presidente della Comunità Somala di Bari

    Mohammed Abdi Nasir

    RISPONDI
  • Admin
    17 dicembre 2011, 21:39

    articolo del 18 aprile scorso :

    Solidarietà: missione CasaPound Italia in Africa, formazione e laboratori artigianali per gli orfani del Kenya.

    Roma, 18 aprile – Dopo l’impegno per i Karen in Birmania e per la minoranza etnica serba in Kosovo, CasaPound Italia sta portando avanti un altro progetto di solidarietà internazionale, questa volta a favore dei bambini del Kenya. Per questa prima missione umanitaria in Africa, una delegazione di Cpi, guidata dal presidente Gianluca Iannone, insieme a ”Solidarité – Identités”, la onlus costituita da CasaPound in Francia, ha visitato alcuni orfanotrofi nel paese africano, offrendo il proprio contributo in termini di cibo, libri e medicine, ma soprattutto verificando la possibilità di avviare rapporti di cooperazione finalizzati alla creazione di laboratori artigianali e di altre microstrutture utili a favorire lo sviluppo economico di queste piccole realtà.

    RISPONDI
  • Admin
    18 dicembre 2011, 06:32

    Perché nell’elenco dei presenti alla manifestazione fiorentina non sono stati citati i rappresentanti dei fascisti del terzo millennio e della lega nord la cui presenza alla manifestazione è senz’altro sfuggita ai giornalisti distratti ?

    RISPONDI
  • Admin
    18 dicembre 2011, 10:04

    @cittadino puntiglioso. Ho citato due grandi pacifisti e guevara perche lo aveva fatto un commento precedente al mio dicendo che casa pound e’ vicina a queste posizioni. Rileggere pliz.
    A casa pound dico che se fosse successa in casa mia una cosa del genere quantomeno mi sarei interrogata sulle eventuali responsabilita’. Se siete i bravi ragazzi che dite certamente avrete gia fatto un incontro, naturalmemte aperto a tutti, dove vi ponete delle domande politiche sulla vostra linea, su iannone, su quello che cantate, sul messaggio che anche in modo subliminale puo passare tra i vostri ….ops camerata…un po’ di contraddittorio, di autocritica per essere sempre migliori e piu grandi..ma niente di tutto questo e’ trapelato dai vostri discorsi.
    Perche tutti sono contro di voi? Perche vi chiamiamo razzisti? Sara per quella tartaruga inquietante? Sara perche vichiamate fascisti del terzo millennio e il fascismo sa tanto di leggi razziali? Sara’ perche nessuno piu chiama i propri amici “camerata”…sara’ perche fabio e’ una persona tanto civile ed educata ma sembra sempre che ci prenda per i fondelli? Via ragazzi, non fate le vittime, datevi una sbiancata, togliete le faccine di quella triste figura dai vostri siti e gadget, comportatevi in modo meno arrogante e poi ne riparliamo. Cominciate a dire chiaramente non solo che non avete nostalgia del ventennio ma che sono stati 20 anni vergognosi per l’italia che si e’ macchiata di crimini intollerabili. Condannate i fascisti che indicarono la strada di stazzema agli SS, dichiarate che la x mas fu un manipolo di delinquenti, che i repubblichi eranonquanto meno dei fanatici che appoggiavano degli assassini, che la strage di piazza fontana fu una strage fascista, toglietevi la camicia nera e smettete di andare a predappio e forse sarete un po’ piu credibili. Ma allora chi vi seguirebbe? Eh gia e’ proprio qui il fatto. I ragazzotti che vengono alle vostre riunioni hanno bisogno della coreografia, del duce, degli slogan, altrimenti per un po’ di beneficienza e qualche ideale tanto vale andare al bar.
    Tengo a precisare: Fermo restando che certi gruppi “antifa” sono da condannare, non ne condivido ne idee ne metodi, ne slogan di cui hanno bisogno proprio come voi dei vostri.

    RISPONDI
  • Admin
    18 dicembre 2011, 13:51

    in un paese civile si dovrebbe anche ricordare il CASSERI che e’ morto suicida..era malato e abbandonato dalle istituzioni psichiatriche e sociali vittima anche lui di un sistema malato

    RISPONDI
  • Admin
    18 dicembre 2011, 14:29

    sottoscrivo ogni parola del commento di loretta.

    RISPONDI
  • Admin
    18 dicembre 2011, 15:04

    @ LORETTA: mi direbbe a quale commento si riferisce? Ma sò già che non mi potrà rispondere, eh…eh… perché l’unico commento parla di guevara e pasolini, ma non dei due pacifisti…

    RISPONDI
  • Admin
    18 dicembre 2011, 16:45

    @loretta dici che fabio vi prende per i fondelli,ma dicci qualcosa di concreto,mi sembra che in più occasioni ci ha messo la sua faccia,cosa che purtroppo voi dell’altra sponda non sapete nemmeno cosa vuol dire,cosa deve fare una persona più di cosi?secondo me è da ammirare perchè non si nasconde dietro false ideologie,certo cè la foto con cassieri,ma dimmi se puoi immaginare che tutti quelli che frequentano qualsiasi associazioni,circoli partiti centri sociali siano persone sicuramente sane ,io non credo poteva succedere anche che fosse un iscritto del pd,allora che facciamo ,tutti quelli con la tessera della proèpria squadra allo stadio siamo sicuri che siano sani di mente?avete la certezza che queste persone siano sicure’io non credo,l’unica cosa che mi domando è come mai con la sua crisi depressiva da anni aveva ancora il porto d’armi?è qui che bisogna riflettere.

    RISPONDI
  • Admin
    18 dicembre 2011, 20:21

    io ero presente alla commemorazione di morti senegalesi e sono di destra radicale.

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 00:42

    zanni
    non ci vedo nulla di strano nella tua presenza alla commemorazione.
    io conosco moltissime persone di destra che non sono assolutamente razziste.
    il problema infatti non è chi è di destra,ma ma chi è fascista.destra e fascismo non sono la stessa cosa.per fortuna.

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 10:01

    PER FRANCO FERRETTI – Mi ripeto , come è naturale per gli anziani. Prendere le distanze . è arte difficile. Capire con chi stiamo parlando anche. Quando però a Pistoia , ci viene a trovare una persona nota in città come propugnatore accanito di certi concetti, persona di ottima famiglia, conosciuta in città, agiata (famiglia di imprenditori edili), insomma non un signor nessuno spuntato da sotto un cavolo, ma un individuo con precisi riferimenti. Quando lo accettiamo, lo ascoltiamo, lo inquadriamo e forse lo coccoliamo,e non lo mettiamo alla porta in quanto contrario a nostri “sacri” principi, allora non possiamo poi minimizzare dicendo che era pazzo e che era uno come tanti che venivano in sede per passare qualche ora discutendo di sport. La violenza, a partire da Iannone e poi proseguire non dovrebbe essere una barriera insormontabile per il vostro modo di concepire i rapporti.
    Girala come vuoi ……

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 11:52

    Su Saverio Ferrari vi ha risposto Sebastiano…
    Quella frase riportata è palesemente falsa, e la cosa grave, lo ripeto, è che l’autore si prenda la libertà di riportata senza citare fonti. questo modo di fare giornalismo è criminale, è soffiare sl fuoco, è infamare per il gusto di infamare laddove non si riesce a contrastare politicamente qualcuno.
    Ma il nostro Ferrari appartiene a quel mondo che tradizionalmente porta avanti questo modus operandi, nella totale impunità e, soprattutto, nella condivisione di chi come qualcuno qua sopra lo invita addirittura a parlare (per francamaria, visto che ti diletti a cercare i precedenti penali, potresti cercare informazioni sul tale di cui sopra).

    Per il resto, vorrei riportare una cosa molto curiosa.
    CPI a Bari ha avuto contatto con la comunità senegalese che, almeno li, non si è fatta strumentalizzare.
    Adesso invece vorrei che leggeste questo articolo, che è del 2009, e dove parla anche Pape Diaw, rappresentante della comunità senegalese che, ad un nostro invito per un incontro e un dialogo, ha risposto “CasaPound va chiusa”.
    Leggete l’articolo, ditemi cosa trovate di interessante riguardo a questo senegalese e domandatevi perchè, ala nostro invito, è stato risposto così.

    Crisi in Medio Oriente, Pieri, Nocentini, Diaw e De Zordo: «Approvata, anche se in grave ritardo, la risoluzione sull’escalation militare»

    Questo il testo dell’intervento di Leonardo Pieri, Anna Nocentini, Pape Diaw (Rifondazione Comunista), Ornella De Zordo(Unaltracittà/Uunaltromondo): «Finalmente, dopo un percorso particolarmente difficile durato quasi un mese, il consiglio comunale ha approvato una risoluzione sulla precipitazione degli eventi in Medio Oriente, elaborata a più riprese in sede di commissione. La risoluzione, che per noi costituisce un punto di equilibrio e di mediazione fra le forze politiche che si riferiscono all’Unione, valuta positivamente le iniziative del governo italiano sia sulla convocazione della conferenza internazionale che si terrà a Roma mercoledì prossimo sia sulle iniziative prese in sede Europea per lo sblocco dei finanziamenti UE all’Autorità Nazionale Palestinese. Con questo atto il consiglio comunale esprime una posizione di equivicinanza rispetto alle parti coinvolte nel conflitto e la necessità di riattivare una diplomazia che mette al bando la violenza che ancora si accanisce ancora una volta sulle popolazioni inermi. Il testo, inoltre, impegna il sindaco a promuovere tutte le iniziative possibili per il cessate il fuoco e la ripresa dei negoziati politici e a promuovere relazioni diplomatiche fra la città di Firenze e i territori palestinesi, considerando che esiste già un gemellaggio con la città israeliana di Nazareth. Chiederemo che l’amministrazione attivi canali di intervento e relazioni per rompere il sostanziale embargo a cui sono sottoposte le popolazioni palestinese e libanese e la crisi umanitaria incombente, anche coinvolgendo le scuole fiorentine e valorizzando il grande bagaglio storico-culturale di Firenze. Ci vuole più coraggio e attenzione per il tema della pace per essere all’altezza del ruolo internazionale della nostra città, famosa nel mondo come città operatrice di pace e promotrice del dialogo anche nelle situazioni più difficili e controverse e per corrispondere alle aspettative della città; va in questo senso l’iniziativa del comitato cittadino Fermiamo la guerra, alla quale aderiamo convintamente, che ha lanciato una veglia di pace che inizierà stasera stessa con una veglia in piazza del Duomo che continuerà per tutta la settimana».

    Per concludere:

    – Sono solito riportare le fonti di quanto si afferma, quindi questo è il link dell’articolo:

    http://press.comune.fi.it/hcm/hcm5353-3_2_4937-Crisi+in+Medio+Oriente,+Pieri,+Nocentini,+Diaw+e+D.html?cm_id_details=42372&id_padre=4473

    – rimane il fatto che il sottoscritto, qui in palese ruolo difensivo, scrive con nome e cognome. Tra gli “accusatori”, per ora, non vedo la stessa cosa. Per me vuol dire tanto, come mi auguro per chi legge. E questo, lo ripeto, è un fatto.

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 13:06

    il fascismo non e’ razzista in tutte le sue componenti lo e’ il nazismo ..sono piu’ razzisti la LEGA che i fascisti in ITALIA..la LEGA fa razzismo anhe fra italiani di nor e sud

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 17:00

    @francomariama non hai risposto alla mia domanda ,come mai il cassieri aveva il porto d’armi con una patologia così grave?forse il porto d’armi lo ha rilasciato casapound,perchè secondo voi potremo arrivare anche a questo o sbaglio?allora io dico che le peresone non si imparano mai a conoscere,ma le leggi si chi ha rinnovato un porto d’armi ad una persona del genere,cinque anni di depressione non sono pochi,se qualcuno avesse fatto il proprio dovere con seriertà ed umiltà forse si poteve evitare……………….

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 17:31

    FRANCOFERRETTI: ti do io una probabile risposta: “chi ha rilasciato/rinnovato il passaporto era sicuramente un estremista di destra e dunque simpatizzante di CPI….”. Chi ragiona non con la testa ma con preconcetti/pregiudizi non è in grado di dare/pensare risposte diverse…

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 18:07

    Per chi se lo fosse dimenticato, vorrei ricordare che l’11 ottobre del 2009 la sede di CasaPound Pistoia fu oggetto di un’irruzione violenta di tale portata:

    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/10/12/pistoia-irruzione-botte-casapound.html

    Vorrei ricordare che furono arrestate persone, riconosciute e smascherate, e anche condannate in primo grado Il 31 gennaio del 2011 dal Tribunale di Pistoia.

    Ecco, questa è la differenza tra una forzatura di stampo diffamatorio come quella che in questi giorni un certo ambiente di sinistra sta portando avanti, e tra l’attenersi a dei fatti, in questo caso confermati da una sentenza di un tribunale (seppur di primo grado).
    Qui vi è la distinzione tra le congetture di stampo inquisitorio che state facendo in questi giorni e i fatti.
    Questa è l’eterna differenza tra i fatti e le chiacchiere.

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 18:27

    La domanda su chi avesse consentito (se ce lo aveva) di detenere un’arma da fuoco , nell’ipotesi affermativa, l’organo competente. Sull’opportunità o meno ho una mia idea e tale resta. Non mi compete certamente. Per quanto attiene la qualifica di “violento” con condanna penale di Iannone, capisco come sia imbarazzante confermare. Meglio dire che anche altri…. Ma che modo di ragionare…. Caro sig. Ferretti, ho indicato altri dettagli dello sparatore ed altre ipotesi di contiguità che vengono contestate con la solita solfa del ” pane a prezzo politico”. Potete imbambolare quelli che la pensano come voi, glissando sempre . rispondendo con altre domande, dicendo che anche noi siamo stati …. Purtroppo i fatti restano come macigni e certamente che altri abbiano , pure loro altre responsabilità in altri fatti, non sposta di una virgola il mio ragionamento.

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 20:23

    CASAPOUND nel panorama delle cosiddette destre radicali in ITALIA e’ l’unica che si dichiara contro il razzismo contro l’omofobia..gli altri partitelli fascisti concorrenti la apostrofano a disprezzo amica dei negri e dei gay.

    informatevi.

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 21:13

    Dopo la tragedia di Firenze è stata diffusa la notizia che l’assassino era stato identificato nel corso di una manifestazione organizzata da Casa Pound. E’partita immediatamente una campagna di criminalizzazione che assomiglia molto a quelle che abbiamo subito in tutti questi anni di islamofobia militante di certa stampa e politica. Ci dividono da Casa Pound molte cose, alcune altre ci accomunano e, comunque, abbiamo ritenuto doveroso dare la parola a Gianluca Iannone responsabile nazionale di quella associazione. Qui di seguito la nostra intervista.

    Abbiamo preso atto con piacere delle dichiarazioni di Casa Pound in merito alla strage di Firenze e siamo certi che siano sincere. Tuttavia, come musulmani che hanno patito la demonizzazione politico-mediatica per molti anni, e che ancora la subiscono, vogliamo fare la massima chiarezza

    sulle possibili contiguità della vostra area antagonista con gli ambienti xenofobi e razzisti.

    D. Credi che una malintesa difesa dell’identità culturale e ideologica possa degenerare in fenomeni di rigetto violento nei confronti di persone di altra razza e altra cultura? Se sì cosa sta facendo Casa Pound per contenere e soprattutto evitare che ciò avvenga?

    R. Premesso che il razzismo non fa parte del nostro dna politico e del nostro bagaglio culturale, crediamo che la difesa della propria identità non comporti un rigetto dell’identità altrui, ma anzi una sua valorizzazione. La risposta ai tragici fatti di Firenze non sta nell’annullamento delle differenze, ma in un loro confronto franco e sereno, senza pregiudizi ma anche senza riuffianerie. Lo abbiamo fatto a Bari con la comunità senegalese, lo facciamo a Roma con la comunità cinese. Credo che questo atteggiamento rappresenti la risposta migliore per la seconda parte della domanda.

    D. Non vogliamo fare generalizzazioni improprie ma è innegabile che la contiguità di cui sopra, getta un’ombra su tutta l’area. In frangenti come questi le strumentalizzazioni sono facili per quanto ingiuste…

    R. La ricerca della “contiguità” (termine vago e fumoso, buono per indicare tutto e niente) ha tratti pesantemente orwelliani: tutti possono essere contigui a tutto, con un po’ di fantasia. E la fantasia, a certi forcaioli, non manca mai.

    La verità è che negli ultimi anni le parole più pesantemente xenofobe non sono state scritte sul nostro sito culturale, l’Ideodromo, ma sul Corriere della Sera, a firma Oriana Fallaci. È di questo brodo culturale, per esempio, che si nutriva Breivik, l’assassino di Oslo. Che era anche un grande ammiratore di Churchill, il difensore della democrazia contro il fascismo. Come vedi, di contiguità in contiguità si scoprono cose interessanti.

    D. Pensi che siamo alla vigilia di una nuova stagione di “opposti estremismi” creata ad arte e tesa a distrarre l’opinione pubblica dal contesto politico-economico e spingere l’opinione pubblica ad accettare qualsiasi cosa pur di evitare disordine e insicurezza ?

    R. Dovremmo chiederlo a coloro che in questi giorni strumentalizzano il dramma della comunità senegalese per assaltare le nostre sedi e soprattutto agli ambienti istituzionali (penso al Pd, all’Idv, ai sindaci Emiliano, Pisapia, De Magistris) che queste azioni le legittimano. Che il colpo di stato tecnocratico si rafforzi grazie a questi reazionari rossi è sicuro. È la loro specialità, fin dal ’43. Noi, da parte nostra, abbiamo da tempo evidenziato il ritorno dell’antifascismo militante, intollerante e coccolato.

    D. Di fronte alla nuova dittatura dei banchieri si sta animando un’area diffusa, seppure incoerente e confusionaria, di persone che la rifiutano. Noi musulmani siano dottrinalmente e moralmente contrari all’usura,e sappiamo esserlo anche voi. Ci puoi assicurare che non c’è ostilità da parte vostra nei confronti della nostra comunità spirituale e umana?

    R. Noi abbiamo avuto sempre grande rispetto per l’Islam, religione peraltro valorizzata da giganti della cultura a noi cari come Nietzsche, Evola, dallo stesso Pound e ovviamente da Mussolini. Il dialogo su questi temi è quindi non solo auspicabile, ma direi doveroso, anche per rigettare le idiozie sul conflitto di civiltà.

    L’islamofascismo è un incubo ricorrente di certi studiosi antifascisti anglosassoni, lasciamolo nelle ossessioni di questi paranoici e preoccupiamoci piuttosto di discutere concretamente di come impedire il banchetto che si sta consumando sul corpo di una nazione strangolata.

    A nome di tutta la Comunità politica e umana di CasaPound Italia che io rappresento esprimo la nostra solidarietà alle famiglie e agli amici di Diop Mor e Modou Samb e degli altri ragazzi feriti.

    http://www.islam-online.it/2011/12/strage-di-firenze-nostra-intervista-a-iannone-di-casa-pound/

    RISPONDI
  • Admin
    19 dicembre 2011, 22:14

    @barsanti: inizio col dire che mi stupisce di come accusi la gente che non posta con nome e cognome.
    Casapound è, bisogna rendergliene atto, molto brava a usare giustamente al meglio i mezzi di informazione
    e casa pound sa bene che quando ci si mette in gioco su internet si affrontano gli attacchi e le creitiche anche anonime, difendersi quando torna comodo dicendo che la gente non ha coraggio..è questo si vile secondo me
    risponda come sempre ha risposto su internet, che fosse contesto di polemica o meno.
    se mai volesse agire penalmente contro qualcuno che dice qualcosa di diffamatorio in caso di denuncia le autorità competenti sapranno risalire, nel caso sia ritenuto necessario, a chi ha calunniato.

    detto questo spero che sta manfrina del “non avete coraggio non mettete nome e cognone” finisca… perchè nel 2011 leggerla ancora su internet riferita ai commenti ad un articolo sa tanto di persona che usa itnernet solo da quando c’è facebook. Molte denuncie, video, foto o altro su internet sono potute venire fuori proprio grazie a questo anonimato. se si è a posto con la coscienza e con i concetti si risponde e via se non vi sono estremi legali per intervenire…

    passando al merito della questione:
    va detto che a mio modesto avviso vedo un comportamento vittimistico incredibile da parte vostra
    questo per voi mezzo-‘sconosciuto’ casseri ha partecipato a tutte le udienze del processo che tu citi sui fatti di pistoia. Confermi?
    Non è quantomeno quindi curioso che nonostante tutto, questo personaggio, (a cui si sommano le coincidenze o le ‘cosette da nulla’ elencate finora nei commenti che vi collegano a lui, foto, pagine sul sito ecc..) si faccia tutte le udienze e nessuno dei dirigenmti praticamente lo conosca? direte che ci andava per interesse personale e non raccontava o faceva ‘rapporto’ a nessuno..certo scriveva un libro magari…
    ok ditelo ma a me personalmente sembra un arrampicarsi sugli specchi e non crederò che un iscritto a casapound che partecipava ogni volta alle udienze che non lo riguardavano direttamente non fosse praticamente collegato con casapound ma fosse ‘uno dei tanti’.

    ma non è nemmeno questo il punto a cui voglio arrivare.

    mi avvicino a quanto voglio dire sottolieando un altra ‘coincidenza’ e cioè che la pagina cancellata su facebook dove si inneggiava a lui, ora cancellata, abbia indicato come pagine ‘gradite’ pagine di casapound oltre ad avere messo immagini recanti il vostro logo
    http://www.firenzetoday.it/~media/base/53978963435302/gianluca-casseri-2-2-2.jpg

    anche qui direte: è chi ha creato la pagina che ha fatto queste scelte.
    vero, anzi verissimo, e magari volete dire anche che non è uno di casapound? ok perfetto..sarà uno che agogna ad entrarci ma non si sa perchè non ci entra…

    però non si capisce che io non voglio minimamente dire che queste sono pistole fumanti…
    ma sono solo esempi del fatto che è impossibile che ci convinciate che questo ‘pensiero’ che in casseri ha raggiu nto questo tragico estremo, sia un pensiero del tutto estraneo alla maggioranza dei militanti di casapound.

    è su questo punto che io insisto, per il resto non sono qui a fare processi, ci penserà la magistratura (e sicuramente penso casapound non abbia colpe collegabili ai delitti fatti da casseri che vigliaccamente e senza un minimo di coraggio ha ucciso delle persone).

    ma leggere che questo tizio per voi era uno sconosciuto e che non ha nulla a che fare con la vostra base e il loro modi di pensare mi colpisce perchè vi facevo più onesti intellettualmente

    poi venite voi a dire a chi commenta qui se ha una coscienza…
    e io modestamente penso che chi è a capo di un movimento, che volente o nolente era visto con così tanta simpatia da uno come casseri, e da tanta gente che apprezza il suo gesto.. dovrebbe farsi qualche domanda
    delle due l’una: forse il progetto non va dove dovrebbe, non viene capito…
    o forse si sta facendo di tutto per far credere che sia qualcosa di diverso da quello che è…

    (ovviamente per me questo vale anche per la sinistra estrema! quindi non mi rispondete parlando di sinistra perchè non mi frega nulla e sono pronto a criticare ugualmente associazioni o gruppi, come ce ne sono, estreme che maturano in seno personaggi violenti..muovendo le stesse accuse).

    quindi la mia domanda è semplice fabio:
    veramente pensi che la base di casapound non simpatizzi per niente col gesto di casseri? che di tutti quei mi piace su facebook pochissimi (=un numero irrisorio in percentuale) venissero da gente di casapound? veramente pensi che sia tutto un complotto dell’informazione contro di voi? non vi fa tanto ‘silvio’ questa posizione?

    RISPONDI
  • Admin
    20 dicembre 2011, 12:47

    @alberto
    “veramente pensi che la base di casapound non simpatizzi per niente col gesto di casseri? che di tutti quei mi piace su facebook pochissimi (=un numero irrisorio in percentuale) venissero da gente di casapound? veramente pensi che sia tutto un complotto dell’informazione contro di voi? non vi fa tanto ‘silvio’ questa posizione?”
    Non sono Fabio Barsanti ma dico lo comunque la mia:

    -La base di CasaPound schifa il gesto di casseri.
    Chi è in CasaPound ha un’impostazione diametralmente opposta rispetto a chi potrebbe osannare il gesto in questione.
    E per questo parlano i fatti e non le opinioni di chi nemmeno ha mai parlato con un militante di CPI.

    -Per quanto riguarda le pagine facebook non ho il minimo dubbio nell’affermare che sono opera di un antifascista.
    Gli eccessivi riferimenti a CPI, i grotteschi errori di ortografia e lo stile inusuale per la suddetta associazione dovrebbero far subito capire a uno che conosce un minimo quello di cui sta parlando che le pegine in questione sono tutta una bufala.
    Comunque sia sfido chiunque a trovare un militante di CPI che ha messo “mi piace” su queste pagine.

    -La disinformazione di questi giorni non è un complotto, è semplicemnte la malafede di alcuni e l’ingoranza di altri.

    RISPONDI
  • Admin
    20 dicembre 2011, 14:26

    solidale con i senegalesi vittima di un folle

    destra radicale

    RISPONDI
  • Admin
    20 dicembre 2011, 16:52

    Solidale con i senegalesi e con Casa Pound!

    RISPONDI
  • Admin
    20 dicembre 2011, 17:23

    prendo atto del commento di enzo.
    ma mi ripeto:il problema non è chi è di destra (destra = razzismo è un’equazione sbagliata) ma chi è fascista.
    p.s. più che folle,io lo chiamerei assassino.non vorrei che chiamandolo folle tutti noi ce ne tirassimo fuori,risolvendo la questione così banalmente, invece di chiederci cosa sta diventando la nostra società.

    RISPONDI
  • Admin
    20 dicembre 2011, 18:48

    rimane il fatto che due persone sono morte,cosa c…o ce ne frega se era di casapound?poteve essere di qualsiasi partito il resto e sono demagogia,comunque nessuno ne parla piu ora sono tutti concentrati su doni e company ma rimangono due famiglie distrutte altro che casapound fatela finite e rispettate almeno i morti non lucrate su queste disgrazie per favore

    RISPONDI
  • Admin
    20 dicembre 2011, 18:49

    la destra radicale odia questi elementi e queste criminalita’ ..che oltre al crimine verso uno o piu’ individui scredita i movimenti identitari di destra e li rende soggetto di persecuzione..solo un ipodotato puo’ credere che questi gesti siano voluti ed ammirati dai militanti di partiti o movimenti identitari italiani..

    onore e rispetto per le vittime del crimine e per i familiari

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com