Sigilli a due locali notturni di Torre del Lago: troppo rumore

Sigilli a due locali notturni di Torre del Lago: troppo rumore

VIAREGGIO (Lucca), 22 ottobre – Sigilli ai due locali gay di Torre del Lago, MamaMia e Stupida. Erano stati chiusi per 15 giorni, in seguito ad un’ordinanza del sindaco di Viareggio Luca Lunardini per inquinamento acustico, ed hanno riaperto il 7 ottobre: ma stamani la polizia municipale di Viareggio, su disposizione della magistratura lucchese, ha nuovamente messo i sigilli ai due locali per troppo rumore. Le verifiche riguardavano il livello della musica, il superamento della capienza e il ballo in aree non consentite.

Immediata la reazione del Consorzio Friendly Versilia, che tramite la sua presidente Regina Satariano ha diffuso un comunicato stampa sul provvedimento che riportiamo qua integralmente:

“Il Consorzio Friendly Versilia prende atto con grande livore di questo ennesimo attacco alla realtà della Marina di Torre del Lago dopo il sequestro deciso dalla Procura della Repubblica di Lucca dei due locali da ballo di riferimento, Mamamia e Stupida. Definire ‘criminose’ attività che in questa porzione del territorio sono da sempre esistite (pensiamo solo alla Perla del Bosco) e attività che, sorte nella seconda metà degli anni ’90, da oltre dieci anni esercitano in quel modo, conosciuto a tutti, la loro forma di divertimento, è un colpo al cuore della nostra proposta turistica, culturale e sociale. Chiudere attività conosciute anche a livello internazionale come il Mamamia e lo Stupida (proprio in questo mese, solo il Mamamia ‘esporta’ il proprio prodotto di divertimento in serate regolari a Milano e Padova), è l’ennesimo colpo all’immagine del nostro territorio e della nostra Regione. Se si voleva definitivamente spegnere la nostra esperienza, con un disegno studiato a tavolino che da due anni qualcuno dei nostri aderenti ogni tanto adombra, la strada seguita da quattordici mesi a questa parte ha funzionato: prima il rispetto degli orari (agosto 2010), poi la chiusura delle due terrazze su cui si faceva spettacolo e su cui in diversi hanno fatto campagna elettorale (settembre 2010), quindi il controllo sotto la lente d’ingrandimento delle due licenze da ballo (giugno 2011), la vicenda paradossale del Priscilla, prima chiuso e poi riaperto dopo dieci giorni (agosto 2011), la questione delicata dell’ordine pubblico con la chiusura per 15 giorni (settembre 2011) e infine, oggi, il sequestro penale disposto dalla Procura. Noi non intendiamo demordere, però. Gli imprenditori gay e gay-friendly di Torre del Lago hanno una missione che non è meramente quella di fare business, ma anche di segno diverso (culturale, sociale, politico). La nostra storia, le nostre vite e le nostre idee non possono essere spazzate via da un sequestro penale. E’ per questo che abbiamo chiesto oggi al Presidente della Regione un incontro urgente per chiedergli l’unica soluzione possibile, se davvero quell’Ente vuole salvare non a parole ma nei fatti la nostra esperienza che – va ripetuto allo stremo – è l’unica di questo genere in Italia: far uscire dal Parco la striscia di cemento – e solo quella – della Marina di Torre del Lago, in una operazione di taglia e cuci che se è stata possibile a Tirrenia, non si vede perché non possa esserlo a Viareggio. Alle Istituzioni, Magistratura compresa, non possiamo che far notare come la stessa efficacia e velocità manifestata contro le nostre attività ci sarebbe piaciuta vederla in azione contro spacciatori ed abusivi questa estate – a difesa della legalità e della nostra clientela – e, tanto per andare qualche anno indietro nel tempo, nella vicenda processuale dei fatti del ’99 sul Lago, quando per arrivare alla chiusura delle indagini servirono quattro anni. E, come sempre, ci chiediamo se le nostre attività siano così uniche nei dintorni di Torre del Lago o se non basti qualche chilometro per vederne di simili che non hanno subito il medesimo trattamento ed i medesimi controlli”.

8 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

8 Commenti

  • Admin
    23 ottobre 2011, 09:04

    Che vergogna…

    RISPONDI
  • Admin
    23 ottobre 2011, 14:27

    un plauso alla magistratura! E ridateci il Vanni!

    RISPONDI
  • Admin
    23 ottobre 2011, 19:13

    Oh CITTADINO DIVERSAMENTE GAY,se tu voi usa’la magistratura per combatte la personale battaglia ai gay,mi sa che hai sbagliato buo.

    RISPONDI
  • Admin
    23 ottobre 2011, 21:05

    era l’ora ci è voluto un magistrato? Sarà un magistrato omofobo o forse ogni tanto in Italia la legge è uguale per tutti?

    RISPONDI
  • Admin
    23 ottobre 2011, 23:31

    mah
    questo accanimento verso i locali sulla marina mi lascia perplesso.

    RISPONDI
  • Admin
    23 ottobre 2011, 23:59

    cosaaaa leggo nell’articolo?! Il Consorzio afferma che la loro proposta/missione (e di conseguenza quella delle discoteche) sarebbe di natura CULTURALE E SOCIALE ??? Ma vogliamo scherzareee ???

    RISPONDI
  • Admin
    24 ottobre 2011, 11:24

    l’italia prima in tutto…….vogliono abbattere tutti i pensieri ……per dominare…

    RISPONDI
  • Admin
    24 ottobre 2011, 11:31

    culturale non so
    sociale sicuramente sì.
    perchè i locali di torre del lago sono posti dove si socializza veramente molto, e per i gay (soprattutto giovani)questo è importante.

    RISPONDI

.

Newsletter