Daniele Vanni, il giornalista “omofobo”, smentisce le accuse: “Essere gay non è una malattia”

Daniele Vanni, il giornalista “omofobo”, smentisce le accuse: “Essere gay non è una malattia”

LUCCA, 1 settembre – Non sono omofobo: sono un ex sessantottino, sono sempre stato di sinistra, non mi sognerei mai di dire quelle cose. Per un uomo dovrebbe parlare la sua vita, non una battuta infelice”. Si giustifica così Daniele Vanni, conduttore e direttore del tg Dì Lucca, al centro di una bufera mediatica sulla base di pesanti dichiarazioni – definite omofobe – per esserci quella che lui stesso definisce una “battuta infelice” sugli omosessuali in generale (definiti “diversi”) e, più in particolare, sulla manifestazione “Miss Trans Italia” (di cui si è rifiutato di passare le immagini nel tg).

Come giustifica deontologicamente la scelta di non trasmettere le immagini di “Miss Trans Italia” nonostante abbia lanciato la notizia?

La mia è stata una battuta infelice. In realtà noi quelle immagini non le avevamo”.

Perché non lo ha detto durante la diretta?

Perché per parlare in video sono necessarie delle immagini e in casi del genere si cercano sempre delle scuse. Se volete l’essenza di tutta questa situazione, ve la do: non sono un omofobo. Sono stato ieri sera a cena con i rappresentanti della comunità di Torre del Lago, sono con me tutt’ora mentre stiamo parlando. Sono sempre stato impegnato, sono un ex sessantottino, per anni sono stato l’addetto stampa degli invalidi civili e ho fondato il gruppo dei giornalisti per l’ambiente. È stata solo una battuta infelice”.

Lei però ha definito la situazione di Torre del Lago “un problema di ordine pubblico”…

Perchè lo è. Stanno avvenendo delle azioni pericolose, anche la stessa segretaria della comunità lesbica è stata posta sotto assedio”.

La situazione a cui lei ha fatto riferimento era però contestualizzata alle realtà gay, lesbiche e transgender…

Ho definito pericolosa la situazione in toto. Sono evidenti e conosciuti i problemi di droga e prostituzione presenti nella zona”.

Ci risulta che lei, oltre che giornalista, sia psicologo: definirebbe quindi l’omosessualità come una diversità o una malattia?

“L’omosessualità non è una malattia. Sono uno psicologo e so che non si può definire ‘malato’ un omosessuale, né attaccarlo per la condizione stessa come non si attaccherebbe un soggetto nevrotico o psicotico. Le mie parole sono state travisate. È sbagliato, come ha fatto “Il Tirreno“, dare titoli sensazionalisti, ma probabilmente dietro ci sono motivazioni politiche”.

Le sue parole sono immortalate in un video che sta facendo il giro della rete e adesso c’è già chi chiede un intervento disciplinare dell’Ordine dei giornalisti. Ha altro da aggiungere?

Mi dispiace molto che alla mia età mi debba essere riservato un simile trattamento. Ho seguito rivoluzioni e una certa ideologia politica da sempre, per un uomo dovrebbe parlare la sua vita”.


Leggi anche:

Omosessuali definiti come “diversi” e censura a “Miss Trans”: Tg lucchese accusato di omofobia

46 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

46 Commenti

  • Admin
    1 settembre 2011, 14:51

    Troppo facile caro Vanni. Ora devi “pagare” per le tue azioni compiute e per l’orrendo esempio dato.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 14:52

    e’ un periodo che gente di sinistra dice cose riprese dal video e smenticono poi di averle detto.

    mah

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 15:10

    Un giornalista professionista sa bene che non rientra nei suoi compiti commentare le notizie. Da lui/lei ci si aspetta solo che abbia la capacità di comunicare la notizia nel modo più completo, chiaro e neutrale possibile.
    Se fallisce in questo tutt’al più è un dilettante.
    Ps. Le scuse sono penose.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 15:12

    sì, vabbeh, anche sandro bondi avrà fatto il sessantotto…
    ma via!

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 15:35

    La verità è che in questa società perbenista, se una persona vuole lavorare o mantenere una posizione in vista, deve nascondere le proprie idee. Perché se una persona è omosessuale deve essere orgogliosa di esserlo ma se una persona ritiene l’omosessualità una cosa contro natura non può dirlo per paura di esporsi a critiche e magari avere conseguenze sul lavoro?

    Quanto siamo ipocriti. Per quanto mi riguarda meglio essere sinceramente omofobi o razzisti che falsamente tolleranti, e di questi ce ne sono a carrettate in italia.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 15:40

    caro vanni il tuo posto non è fare il giornalista, ma l’operaio alla sca….cosi impari a fa il comunista per davvero…altro che 68…devi pagare cosi è troppo facile…

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 15:54

    Daniele Vanni non si è rifiutato di mandare le immagini. Non le aveva.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 16:11

    Un servizio disgustoso.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 16:19

    Prima almeno ascolta il video invece di dar fiato alla bocca.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 16:28

    @Daniele: ma veramente, nel XXI secolo, c’è ancora da spiegare alla gente che l’omofobia e il razzismo sono discriminazioni infondate? Ma siamo seri, su…

    E visto che parli di ipocrisia da una parte e di sincerità delle idee dall’altra: se un pedofilo (non uno stupratore, ma un pedofilo, bada bene la differenza) venisse a dirlo in televisione, così come Vanni, a difendere la pedofilia – a te andrebbe bene? Starebbe comunicando le proprie inclinazioni, mica starebbe compiendo reati.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 16:32

    siamo di fronte all’ ennesima dimostrazione che questo paese ha un grosso problema di democrazia: la stampa e i giornalisti pronti in molti casi a darci in pasto una loro esclusiva verità. Ciò che è grave non tanto il fatto che Vanni ha lasciato intravedere una sua opinione sui gay, condivisibile o meno, ma il fatto che abbia mentito sul possesso delle immagini che di fatto non aveva… il massimo della stupidità!!

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 16:57

    la superficialità per un giornalista è una colpa grave.
    Se il conduttore di un tg, nell’era di internet ancora di più, commenta in modo così pacchiano e volgare, come ha fatto il signor vanni, non può certo meravigliarsi della reazione. O se si meraviglia, fa meglio a cambiare mestiere. Si potrebbe dire, è la stampa, bellezza..

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 17:12

    l’importante e’ che comunque le immagini non siano andate in onda questo conta.
    grazie VANNI

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 18:58

    menomale che è un ex sessantottino… se fosse stato di estrema destra cosa avrebbe detto? “Al rogo i f***i”?

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 19:00

    La veemenza di tanti in questo quotidiano un po’ mi spaventa. Espressioni come “la deve pagare” mi richiamano alla mente scenari del peggior estremismo di destra e di sinistra. Le persone sbagliano. Probabilmente ci saranno in questo quotidiano tanti perfettissimi. Personalmente, per mio carattere, rifuggo sempre dai linciaggi mediatici: purtroppo, invece, che qui se ne compie praticamente uno alla settimana.
    Ex ass. Chiari (pure senza ragione)
    Lilio Giannecchini (adesso passerà subito di moda)
    Daniele Vanni (il nuovo linciato della settimana).

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 19:35

    secondo me chi ha paura delle immagini di manifestazioni innocue come miss trans o mister gay ha qualche problemino di ordine psicologico
    inutile dire che un giornalista deve informare mantenendosi assolutamente neutrale non rientra nei suoi compiti elargire sermoni.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 21:42

    Questo personaggio dovrebbe essere radiato dall’ordine dei giornalisti e a seguire da quello degli psicologi. Ha gravemente infangato la serietà del giornalismo e della psicologia…

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 22:08

    Paragonare una persona omosessuale a una persona nevrotica o psicotica? con tutto il rispetto, ma la laurea in psicologia è servita veramente poco al caro sig. Vanni.

    Io mi vergognerei in quanto essere umano che DISPEREZZA un altro essere umano.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 22:25

    Paragonare l’omosessualità alla psicosi o alla nevrosi vuol dire che non ha capito un tubo della psicologia..quanto giornalista stendiamo un velo pietoso, si dovrebbe proprio vergognare.

    RISPONDI
  • Admin
    1 settembre 2011, 22:27

    Sono anch’io ex-sessantottina e purtroppo personaggi che si spacciano tali senza aver capito nulla del ’68 e della spinta verso la libertà sessuale di quegli anni ce ne sono fin troppi, caro Vanni…

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 01:09

    Complimenti per la bella doppia figura che hai fatto, prima in diretta tv e poi con queste scuse fasulle e raffazzonate! E tu saresti un giornalista? Addirittura PROFESSIONISTA??? Non ci credo neanche se mi fai vedere il tesserino… Per non parlare poi del fatto che sei psicologo, per me se bugiardo così come quando hai mentito dicendo di avere le immagini (che non avevi) ma facendo la scelta di non passarle (che sarebbe potuta essere al massimo anche una scelta condivisibile)… eri tu il direttore.
    Comunque VERGOGNA! E ora paga!!!

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 08:57

    Vergognoso.

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 09:17

    Si dovrebbe vergognare più per la marcia indietro che per altro: un conto è se certe cose le pensi, legittimamente, un’altra è prostituzione intellettuale (in questo caso perché non sapeva come giustificare la mancanza del servizio…).

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 09:46

    IL PAPA e altre religioni come EBREI ed ISLAM condannano l’omosessualita’.

    Ma nessuno censura la BIBBIA o i vari rappresentanti di queste religioni per essere sfavorevoli ai gay ,lesbiche e trans..

    LA CENSURA e’ vergognosa…uno deve poter dire le proprie idee essere criticato ma s enon agisce con violenza non deve essere messo alla GOGNA come il giornalista in questione.

    In AMERICA paese considerato da tanti come esempio di democrazia e liberta’ alcune cliniche CURANO o pensano di poter GUARIRE i GAY..sono criticate da molti ma possono agire senza essere censurate o chiuse per omofobia…

    In Italia invece tutti possono parlare male del PAPA delle religioni..ma se parli dei GAY O DEI TRANS O LESBICHE in maniera critica sei messo alla berlina e impossibilitato a lavorare…

    E’ VERAMENTE RIDICOLO…

    ART 21.

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 09:51

    E perchè se io penso che la mia mamma sia la migliore del mondo lo posso dire, mentre se credo che tua mamma sia una c…… debbo tacere? Questa cosa si chiama “rispetto” e “civile convivenza”. Alla prossima.

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 10:00

    Vanni, solo questo…
    Riguardati il video con cui NON lanci il servizio… e guardati allo specchio…

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 10:18

    Fabry ma la censura dove sarebbe? Questo tizio stava svolgendo una professione e nell’ambito della sua professione è venuto meno alla deontologia che la regola e che ne garantisce l’autorevolezza.
    Guarda che non è uguale poter dire qualsiasi cosa su un media e poterlo dire al bar, il rapporto media- ascoltatore è fortemente antidemocratico poichè manca il contraddittorio, è per questo che il giornalista (sempre meno a dire il vero) è chiamato a svolgere il suo lavoro con una professionalità che dovrebbe essere impeccabile.
    Peraltro finiamola con questa solfa che si può parlare male di tutto perchè c’è l’articolo 21: se vai su un media e parli male del papa sei finito, così come nessuno che abbia opinioni critiche nei confronti della religione cattolica o della chiesa è mai chiamato a parlare sui media.
    al bar invece si può dire tutto senza alcuna deontologia, anzi, lo si dovrebbe dire perchè lo sfoggio di ignoranza e razzismo fanno sempre bene al prossimo per valutare chi inquina la specie.

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 10:30

    Fabry non diciamo sciocchezze. Qua si parla di onestà intellettuale e di serietà professionale. Altro che censura! Questo personaggio presunto giornalista dovrebbe andare a lavorare in Iran: probabilmente gli darebbero la direzione di qualche bel notiziario locale…

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 10:42

    Una frase sbagliata di un giornalista di “lungo corso”, una telecronaca scombinata e pasticciona, seguita da pochi telespettatori, un giornalista che fa le sue scuse in modo goffo ma sincero; una emittente che si dissocia dal suo conduttore ed arriva persino a chiedergli il licenziamento; una denuncia delle stesse associazioni, ribadita dal Vanni, in ordine a problematiche di ordine pubblico per le persone che vogliono frequentare liberamente e serenamente Torre del lago. Ed è questo il vero problema. Per il resto tanto rumore per nulla. In tanti vogliono montare un caso che non esiste!!

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 11:29

    ha detto che il GAY PRIDE e’ eccessivo..nulla di altro..sentite bene le sue parole…

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 11:41

    Vi soffermate sulla questione gay pride, ma vedete un pò di ascoltare bene quando parla del ragazzo che ha vinto mr gay e ha dedicato la vittoria ai genitori, lo scherno e il razzismo insiti in quel tono sono disgustosi, e cmq rimane il fatto che non avete idea di cosa sia la libertà di espressione, nè la responsabilità che dovrebbe regolare sempre i comportamenti di chi ha il privilegio o duro compito di poter parlare a una moltitudine senza contraddittorio.

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 12:44

    Complimenti Vanni, bella figuretta.

    RISPONDI
  • Admin
    2 settembre 2011, 15:13

    I VERI PROBLEMI….
    TORRE DEL LAGO – Un tunisino di 30 anni ed un marocchino di 35 si sono affrontati a colpi di coltello in pieno centro a Torre del Lago, riportando ferite comunque non gravi. L’episodio e’ avvenuto in mattinata.

    Secondo una ricostruzione fatta da Carabinieri e Polizia, intervenuti sul posto per separare i due uomini, alla base della lite ci sarebbero questioni sentimentali, ma gli inquirenti non escludono neppure un regolamento di conti legato allo spaccio di droga.

    RISPONDI
  • Admin
    3 settembre 2011, 00:47

    Un altro pretesto per le persone che conosco in Italia e nel mondo, di prendermi in giro per il posto in cui vivo e di chiedermi come possa pensare un domani di crescere un figlio in questa città, chiusa come le proprie mura su tanti eventi ormai che han fatto famosa la nostra città (i servizi delle Iene su Italia Uno, le dichiarazioni sui Kebab del Sindaco, ora anche questo oltre ai noti processi a carico di rappresentanti di estrema destra e sinistra e altre storie di aggressioni e delitti).

    RISPONDI
  • Admin
    3 settembre 2011, 00:48

    Io spero che a Miss Trans ci vada il figlio di qualche ipocrita sinistroide che ha commentato sopra. Auguri!

    RISPONDI
  • Admin
    3 settembre 2011, 09:51

    Mister Gay sì e i Trans no? Come mai?

    Nel Video del TG del Vanni egli dice che come ha fatto in precedenza con la manifestazione dei Gay, quando non aveva passato le immagini, così faceva anche con la manifestazione dei Trans, passando solo le notizie.
    Allora io mi domando, come mai la Proprietà dell’emittente e la redazione non si dissociarono da quanto fatto dal Vanni che giorni prima non mandò in onda il video dei Gay?
    Perchè non si scandalizzarono, come invece hanno fatto adesso per questa nuova omissione? Perchè non chiesero già allora le sue dimissioni?
    Come mai hanno usato due pesi e due misure?
    Perchè per la proprietà e per la redazione dell’emittente il video dei Gay poteva tranquillamente non essere mandato in onda mentre quello dei Tran doveva essere per forza mandato in onda?
    C’è qualcosa che non quadra.

    RISPONDI
  • Admin
    3 settembre 2011, 14:23

    Hai ragione: giusto ieri un mio amico del Bronx mi chiedeva come faccio a vivere a Lucca! Infatti, ho deciso di trasferirmi a Caracas, mi ospiterà un carissimo amico narcotrafficante. Questi sì che sono posti dove crescere un figlio, mica la terribile Lucca, conosciuta in tutto il mondo come la Gotham City del Serchio.

    Ma fatemi il piacere!!!

    Daniele Vanni avrà anche sbagliato, ma ora si esagera davvero!

    RISPONDI
  • Admin
    3 settembre 2011, 15:32

    @AnonimoGenio che scrive:
    “Hai ragione: giusto ieri un mio amico del Bronx mi chiedeva come faccio a vivere a Lucca! Infatti, ho deciso di trasferirmi a Caracas, mi ospiterà un carissimo amico narcotrafficante. Questi sì che sono posti dove crescere un figlio, mica la terribile Lucca, conosciuta in tutto il mondo come la Gotham City del Serchio.

    Ma fatemi il piacere!!!

    Daniele Vanni avrà anche sbagliato, ma ora si esagera davvero!”.

    Che paragone ridicolo. Di questo passo potrebbe andare da un abitante del Bronx a dire di non esagerare, che a Caracas si sta peggio (giusto per usare i due luoghi da lei citati).
    Un tempo insegnavano a leggere, riflettere e solo dopo rispondere. Il post di Andrea è estremamente condivisibile e la invito a mettere il naso fuori dalla porta per rendersene conto.

    RISPONDI
  • Admin
    3 settembre 2011, 16:26

    ma che omofobo il succo delle sue parole e’ che il GAY PRIDE e’ eccessivo e basta..non ha parlato male dei gay o trans…

    qui’ si e’ voluto solo creare un caso.

    RISPONDI
  • Admin
    3 settembre 2011, 18:24

    Sa a che cosa servono queste discussioni???
    A gettare altra m…a sulla città di Lucca, sport preferito dai sinistrorsi lucchesi da ormai una quindicina di anni.
    E sullo Schermo, fra lettori e giornalisti, di radicalchic col maglioncino, che non esitano mai a criticare e sparare a zero sulla realtà di Lucca, ce ne sono a decine.

    RISPONDI
  • Admin
    5 settembre 2011, 03:22

    L’omofobia può essere sia di destra che sinistra che di centro, certe volte bastano poche frasi per capire come una persona la pensa veramente e inutile poi cercare di rimediare con delle scuse che oltrettutto non fanno altro che riconfermare il suo pensiero omofobo “non si può definire ‘malato’ un omosessuale, né attaccarlo per la condizione stessa come non si attaccherebbe un soggetto nevrotico o psicotico”, beh… bel paragone. Io più che lo psicologo o il giornalista, gli consiglierei di andare a raccogliere i pomodori sperando che non debba mai incappare in un pomodoro trans-genico.

    RISPONDI
  • Admin
    13 settembre 2011, 13:53

    io adoro la mia città non vivrei in altro posto che torre del lago è invivibile da quel punto di vista è vero droga e prostituzione le vede anche un ignorante ma tutti fanno finta di niente vuol dire che deve essere cosi ci saranno interessi dietro ovvio…se volessere avrebbere già debellato il problema da tempo ma la capitale del “utto si può″non va toccata…e tutti lo sappiamo tutti chi non è mai passata dalla costanza o da migliarino di notte in macchina.

    RISPONDI
  • Admin
    11 maggio 2012, 19:35

    VANNI E’ UN GRANDE UOMO

    RISPONDI
  • Admin
    11 maggio 2012, 22:15

    Da quello che ha detto e fatto, non direi proprio.
    Lo stesso vale per chi lo giustifica anche a distanza di così tanto tempo.

    RISPONDI
  • Admin
    12 maggio 2012, 10:34

    Vanni sta pagando moralmente ha perso il lavoro per una Ester azione magari non polittcal correct ma un uomo non si giudica e si licenzia per un eventuale errore..lo hanno massacrato moralmente e dal punto di vista lavorativo vergignatevi..forza vanno..

    RISPONDI
  • Admin
    12 maggio 2012, 20:08

    il signor VANNI e’sempre stata una persona corretta e ha pagato purtroppo per l’acredine di chi si crede democratico ma non lascia scampo a chi esterna giudizi non in linea..

    Purtoppo questa volta il bravo giornalista ha perso il posto di lavoro senza nemmeno la solidarieta’ dei suoi colleghi ed ha passato un brutto periodo e lo sta passando.

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com