Forte dei Marmi, Buratti risponde all’opposizione: il Comune non svende

Forte dei Marmi, Buratti risponde all’opposizione: il Comune non svende

FORTE DEI MARMI (Lucca), 14 luglio – Il sindaco respinge seccamente l’ennesimo attacco dell’opposizione e rilancia: “Trovo inutile – attacca Buratti–  dover ripetere quello che tutti hanno compreso, tranne il consigliere Popper: con gli  utili ricavati dalle aree verdi messe all’asta, con vincolo a verde, abbiamo finanziato importanti opere pubbliche, come il completamento della ciclabile sul viale mare dalla Capannina al confine con Marina di Pietrasanta, il campo sintetico di via Versilia, il primo lotto della ristrutturazione di Palazzo Quartieri,  la completa sistemazione del verde di piazza Dante, il recupero del viale Morin, fognature bianche e  nere, opere di urbanizzazione primaria e secondaria, nonché altri interventi sugli immobili, per un totale di oltre quattro milioni e trecento ottantacinque mila euro, esattamente quanto ricavato dalle vendite dei terreni. 

Ma non è finita qui. La vendita, inoltre, ci ha permesso di liberare l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione per operazioni che hanno consentito l’estinzione di alcuni mutui, facendo risparmiare al comune, a decorrere dall’esercizio 2011, oneri per rate di ammortamento mutui pari a 412.367,60 euro. Le scelte sulla politica di bilancio dimostrano la serietà e l’impegno che la mia amministrazione ha portato avanti in questi anni. Del resto, la manovra del Governo  va in questa direzione. Chiudo, infine, smentendo l’ultima menzogna di Popper a proposito del presunto esproprio dei terreni venduti.

Il consigliere sa bene che l’articolo 58  del Piano di alienazione dispone la destinazione di ogni singolo immobile da dismettere, determinando l’assegnazione dei terreni  a verde privato anche dal punto di vista urbanistico. Come, del resto, nel giugno dello scorso anno e alla presenza del consigliere Popper, è stato approvato dal consiglio comunale, che nel regolamento specifico, ha chiaramente inserito il riferimento alla norma del  Piano delle alienazioni”.

 “Quanto al ‘tesoretto verde’ – conclude –  stia tranquillo il consigliere perché, grazie al Piano complesso di intervento, andremo ad acquisire oltre centoventimila metri quadrati di aree verdi, che si aggiungeranno alle altre di proprietà pubblica”.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com