Governare Lucca sugli arresti: “Il sindaco è il primo responsabile politico di quanto accaduto”

LUCCA, 15 giugno – Pubblichiamo a seguire integralmente l’intervento del gruppo “Governare Lucca“, il cui leader e fondatore Piero Angelini ha fornito lo spunto, tramite tre esposti, alle indagini che hanno dato il via alle indagini che sono sfociate oggi nell’operazione “Volpe del deserto” e quindi all’arresto dell’assessore comunale Marco Chiari, assieme al dirigente Maurizio Tani, all’imprenditore edile Giovanni Valentini e ad altri due liberi professionisti:

“Governare Lucca, con tutta la sua dirigenza, esprime disagio e forte preoccupazione per l’arresto di politici, funzionari, imprenditori privati, avvenuto oggi a Lucca e Prato, sulle vicende urbanistiche dell’ Amministrazione; vicende che stanno alla base della nostra cacciata dalla maggioranza all’inizio del 2009 e su cui, in questi anni, abbiamo continuato a chiedere al Sindaco comportamenti improntati a trasparenza e rispetto delle regole, che purtroppo sono mancati. Naturalmente le persone arrestate rimangono, per noi, semplici  indagati e dunque innocenti, fino a sentenza definitiva: ma un giudizio politico negativo sulla  gestione amministrativa del Comune lo abbiamo dato da tempo e lo riconfermiamo; come riconfermiamo il giudizio che il primo responsabile politico della gestione dell’urbanistica, da noi criticata,  era e rimane il Sindaco, a cui sono da ricondurre, in ultima istanza, tutte  le scelte contestate.

Non è stato facile per noi promuovere gli esposti che stanno alla base delle inchieste;  se ci siamo sentiti costretti a compiere questo passo , mai prima da noi effettuato, è stato per l’atteggiamento di chiusura, qualche volta addirittura di derisione, verso Governare Lucca, dimostrato dall’Amministrazione nei tanti snodi della vicenda urbanistica: dal falso da noi denunciato nel dicembre 2009, in occasione dell’approvazione della Relazione di Monitoraggio, con l’aumento illegittimo delle quantità insediative residenziali, alla abolizione delle UTOE nelle Varianti al PS e al RU, per permettere, anche, di soddisfare le esigenze del gruppo Valore per il Parco di S. Anna, alla rinuncia al Piano attuativo per la Variante dello Stadio , con la antecedente stipula illegittima, il 25/02/2010, da parte del Sindaco, di un contratto con la Lucchese, che gli assicurava  il diritto di superficie per 99 anni, ecc, ecc.

In queste nostre denunce, ci siamo trovati soli; e non, come era prevedibile, soltanto  sul versante del centro destra, dove la linea del nuovo Gruppo di Forza Lucca, guidato da Dinelli, era addirittura quello di una sfida continua al PDL, per dimostrare alla città di essere i  più fedeli a Favilla e al suo programma; ma anche sul fronte del centro sinistra, che, a nostro avviso, a lungo, ha sottovalutato la situazione, ha deciso comunque  di non affiancarci negli esposti alla Procura, ha visto poi  uomini a lui vicini impegnati  nell’affare della ristrutturazione dello Stadio,  ha perfino difeso pubblicamente la legittimità della Variante per lo Stadio; fino alla penosa interrogazione, in C.C., del buon Tambellini , lunedì 13 u.s., per chiedere a Favilla se l’accordo, da lui stipulato il 25/02/ 2010 con la Lucchese, fosse “un contratto  vero o qualcosa d’altro” e che ha dato la possibilità a Favilla di tentare di ingarbugliare  ancora le carte, che questa volta, però,  non dovrà mostrare a noi , ma alla Procura.

Naturalmente, noidiGovernare Lucca, pur cacciati dalla maggioranza,  non siamo un’ opposizione ideologica, non pensiamo perciò  a facili ritorsioni, ma al bene della città. In questa situazione difficile per tutti, anche per noi, riteniamo nostro dovere di rivolgerci a tutte le forze politiche, di maggioranza e di opposizione, affinché, fatte salve le diverse responsabilità politiche, si affrontino da subito, con urgenza, quantomeno  i nodi della politica urbanistica, decidendo, in primo luogo di accettare le osservazioni della Regione alle Varianti, come da noi indicato in un o.d.g, e di annullare,poi, immediatamente la Variante al R.U. sullo Stadio, come, ancora  da noi, proposto in una mozione”.

– Governare Lucca –

Leggi anche: In carcere la “Volpe del deserto” Marco Chiari. Indagato anche il sindaco di Lucca? e tutti gli interventi degli altri esponenti pubblici nella rubrica “La voce della Politica”.

59 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

59 Commenti

  • Admin
    15 giugno 2011, 16:14

    Al lavoro per il rinnovamento.Maggioranza ed opposizione,chi è senza peccato…..

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 16:39

    angelini scarica su favilla la responsabilità prima dei fatti contestati a chiari e co. Così facendo accusa se stesso, in quanto è solo ‘merito’ suo se nonno Mauro e il centrodestra sono oggi al governo di Lucca. Il fallimento di Favilla è il fallimento di Angelini. Tutti a casa, largo al rinnovamento.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 16:50

    GOVERNARE LUCCA primi colpevoli?
    Ma anche gli UNICI a porre rimedio.
    GOVERNARE LUCCA ha chiesto e qualche uno a risposto PICCHE.
    Ora tutti a dire LO AVEVAMO DETTO
    Ma gli unici ad avere FATTO son loro.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 17:02

    il centrodestra ed il centrosinistra lucchese hanno dato prova in questi 4 anni, nel migliore dei casi, della loro “inesistenza” politica.
    riconosco ad angelini la tenacia con cui ha fatto l’opposizione a Favilla sul tema dello stadio.
    e tutti gli altri? il dinelli, l’UDC …?
    tutti a rompere i ….. su stalli, telecamere, cessi sulle mura e summer festival.
    tutti a spostare l’attenzione dal problema principale. tutti ad infilare sassolini negli occhi della pubblica opinione per non far vedere il masso che ci stava schiacciando.
    buon per chi l’ha capito e si è dissociato dall’operato di questa amministrazione e da quello dei suoi “oppositori”.
    cari concittadini è il momento di “scendere in campo” (mi sia consentito il berlusconismo), basta politici di professione, basta pensionati e giovani inetti a governare. abbiamo bisogno di gente di qualità e di gente onesta che ami la nostra città!

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 17:06

    Chiari non era forse candidato nella lista di Governare Lucca? La lista di Angelini non era forse anche quella di Favilla? Governare Lucca non è la soluzione di questa brutta storia: rappresenta la causa. Tutti a casa: sono cinquant’anni che Angelini e Favilla considerano la città come una cosa loro. Ora basta. Ci sono solo tre cose da fare: cambiare, cambiare, cambiare.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 17:16

    tutto accetto ma che Angelini, il buon vecchio Piero Angelini si metta a dar lezione di morale e di politica lo trovo comico e divertente.
    per i seguenti motivi
    età anagrafica
    passato politico
    scaltrezza politica
    complicità con questa giunta: non a caso marco Chiari era “uomo di Piero” a pienissimo titolo.
    Facile adesso fare i puri e i protestatori.
    Comunque concordo sulla via aperta al rinnovamento della politica lucchese. Ma che sia rinnovamento vero. non i soliti tre furbetti che, cambiando casacca, rientrano dalla finestra dopo essere stati cacciati dalla porta principale.
    Vera novità, che piaccia o che non piaccia.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 17:26

    la forza di governare lucca sta proprio nell’aver ammesso i “propri errori” ed aver cercato al contrario di altri, delle soluzioni che andassero incontro al bene della città e dei cittadini..se tutti l’avessero fatto al momento opportuno questa giunta nn esisterebbe più da tempo!..troppo facile adesso saltare su questo carro…!!!grazie Angelini,grazie GOVERNARE LUCCA!!

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 17:46

    Quando un assessore ed un alto dirigente comunale vengono arrestati non mi pare possibile che la resposnsabilità non possa cadere anche sul sindaco di cui gli assessori sono mandatari di precise responsabilità delegate, E mi pare comico che chi ha denunciato sia tacciabile di alcunchè se non della presa in carico della necessità dell’accusa. Se poi volessimo essere garantisti sino in fondo potremmo certamente rimandare il tutto alle sentenze definitive ma resta la responsabilità politica dalla quale nessuno può sentirsi affrancato, soprattutto per le ricadute gestionali immediate che derivano comunque e quantunque da decisioni che gli stessi possono prendere se restano in carica. Concludendo, dimissioni immediate, ovvero tutti a casa poi vedremo ed il popolo sovrano potrà decidere…

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 17:47

    perlomeno angelini e governare lucca si sono esposti ed hanno tirato fuori i problemi…tutti gli altri politici di questa città cosa hanno fatto???..parole parole e solo parole…nessuno che si sia mai opposto in maniera IMPORTANTE E DECISA verso questa giunta a cui tutto sembrava concesso!giunta che per rispondere ai problemi che venivano posti dai cittadini semplicemente….NON RISPONDEVA!!..quindi ai “nuovi e giovani politi/assessori” che in tutto questo tempo hanno ignorato le problematiche cittadine preferisco una lista civica come governare lucca,che fa dei suoi valori la lealtà ed il bene di lucca…e questa ne è la dimostrazione!!!

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 17:53

    credo proprio che invece di accusare governare lucca sia da fargli un doveroso ringraziamento per la loro correttezza!ed ora tutti a casa e voto!

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 18:02

    come può un sindaco dichiarare di non essere al corrente dei fatti e che si tratta di corruzione privata??ma le concessioni,i permessi e via dicendo li approvava il comune di lucca o il “comune di marcochiari”?d’accordo con angelini:sindaco primo responsabile politico di ciò che è successo e adesso se ne prenda le responsabilità!
    un grazie alla coerenza e correttezza di governare lucca!

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 18:09

    Scusa, ma come si fa a dire che Angelini è il primo colpevole?? E’ vero che è stato lui a proporre a Sindaco nonno Mauro, ma se poi questo gli fa il volta-faccia che avrebbe dovuto fare? Forse inizialmente ha sbagliato nei toni, ma d’altra parte se il tuo migliore amico si vuole buttare giù dal ponte, te che fai? Lo segui? Chiunque farebbe tutto il possibile per fargli cambiare idea ma di fronte all’insistenza ripetuta alla fine lo lasci fare. Questo ha fatto Angelini e gli esposti alla Procura li ha fatti per l’interesse della città, non certo per suo tornaconto! E credo, che per uno che ha passato parecchi anni fra le aule dei Tribunali (uscendone poi completamente assolto) non deve essere stato certamente facile fare quegli esposti, come afferma nell’articolo, sicuramente non li ha fatti a cuor leggero.
    Il centro sinistra ha perso anche stavolta un’altra occasione! E poi si parla di rinnovamento…
    Se lo Stadio non verrà regalato ai privati e se a S.Anna (il quartiere più urbanizzato di Lucca) non ci sarà una nuova inutile colata di cemento il merito sarà solo suo.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 20:13

    Bene che angelini ammetta l’errore di aver appoggiato Favilla e di aver candidato Chiaro. Ha sbagliato. E non mi sembra poco. Vada a casa anche lui, insieme a loro.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 20:46

    Ma perchè nessuno credeva a Governare Lucca? E’ finalmente giunta l’ora di farla finita con queste vicende che buttano fango sulla nostra bella Città. Grazie Piero.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 20:57

    Ed ora è indispensabile porre fine al problema che da anni assilla la nostra città, L’ URBANISTICA! Per quanto riguarda governare Lucca credo che non possiamo far altro che ringraziarli perchè hanno dimostrato di avere a cuore il futuro della nostra Lucca e se pur rimasti soli non si sono fermati. Grazie!

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 21:08

    cara sinistra o pseudo-tale datti da fare, prima di rifare un altra figuretta, e di sprecare l’occasione di dare una svolta vera alla città.

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 21:59

    Credo che sia veramente vergognoso che Angelini possa apparire come il salvatore della città di Lucca.Angelini Santo SUBITO?

    RISPONDI
  • Admin
    15 giugno 2011, 22:50

    Chi conosce la storia di Governare Lucca non può che dire grazie a Piero Angelini e ai suoi due consiglieri comunali.Quattro anni duri senza una minima soddisfazione,ma l’onesta’ paga sempre.

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 00:55

    E’ incredibile… Forse qualcuno ricorda che mentre il comitato, poi associazione, Parco di S.Anna iniziava la dura battaglia
    contro la cementificazione, il prof. Angelini andava a braccetto con l’amico Favilla. Poi iniziò a proporre lievi riduzioni dei volumi e solo dopo essere stato escluso dalla spartizione del potere ha iniziato a lottare. Credo che le persone che hanno avuto un ruolo di primo piano nella lotta sincera per la tutela della città siano altre! Comunque se volete votate nuovamente i vari Fazzi, Favilla o loro surrogati, compagni di giunta e di partito e poi non ci lamentiamo se i problemi rimangono!!!

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 01:10

    CALATI JUNCU CA PASSA A CHINA (piegati giunco,che passa la piena). Così, sull’onda del proverbio siculo – quando Governare Lucca chiedeva come libera forza politica il rispetto del programma elettorale che i cittadini/elettori avevano preferito e contemporaneamente il rispetto delle leggi preposte alla sua approvazione e che per questo veniva cacciata dalla maggioranza –alcuni, molti, tanti, troppi si sono piegati come giunchi nell’attesa che la piena passasse. Convinti, i tapini siculi nostrani, che la piena fosse rappresentata dalla piccola,instancabile,libera (perché indipendente dai partiti) lista civica. La storia ha dimostrato il contrario. Oggi, giorno di eclissi totale di luna, si è verificato un fatto che era facile prevedere perché connaturato nei comportamenti del Palazzo, comportamenti messi in evidenza e censurati da Governare Lucca che ha sempre suggerito, inascoltata, soluzioni alternative chiare e trasparenti e funzionali al bene di tutti.
    Il fatto è rappresentato dall’arresto, ARRESTO, di un assessore del nostro Comune. Non di un assessore qualsiasi come quello “addetto alla casa dei pipistrelli” che poi mi sembra lo stesso che voleva realizzare un bar per cerimonie in cima a torre Guinigi ma dell’assessore all’urbanistica, funzione delicata e importante per gli interessi che la contraddistinguono. A questo punto sorge però spontanea una domanda: i vari predicatori, destrorsi e sinistrorsi di cui il Palazzo è intriso e grondante vane parole, sono per consuetudine ancora piegati come giunchi nell’attesa che la piena passi? E cosa hanno fatto lor signori per evitare a noi cittadini una sofferenza così amara? E il PD con Tambellini ed altri non vengano a raccontarci che LORO è dieci anni che lo dicono; ma non aggiungono “senza ottenere niente”. Solo Governare Lucca ha fatto e fatto bene assumendosi una responsabilità che altri hanno avuto paura ad assumere e per questo non posso che esserle grato ed augurarle, assieme al suo presidente, il successo che merita.

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 08:11

    lucchesi, vi rendete conto che state santificando nientemeno che PIERO ANGELINI ????
    all’improvviso ci siamo tutti dimenticati di chi sia?
    perchè non ci chiediamo perchè, all’improvviso, ha girato le spalle al suo “delfino” Favilla? Per amor di correttezza politica e onestà intellettuale?
    la vera battaglia è stata portata avanti dagli abitanti di S.Anna riuniti nel comitato Parco.
    MI RIFIUTO anche solo di immaginare che ci sia qualche lucchese che vorrebbe Angelini come prossimo sindaco.
    Ma non abbiamo ancora imparato nulla dal passato di questa città?

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 08:50

    @junco; ma come l opposizione non sapeva niente? Su un quotidiano di stamani c’è addirittura l intercettazione dei capogruppo della opposizione che parla con il Tambellini per ammorbidirlo, e visti gli scarsi risultati della azione di controllo pare che abbia funzionato. D altra parte si sá , una sonnolenta opposizione in cambio di un dormiente disinteresse e magari di qualche incarichino, son una bella cosa. Per uno che ha campato sempre e solo di chiacchere e politica. Certo una bella figura non la fanno. Anzi direi proprio brutta. c è voluto Angelini per toglierli di torno. Se s aspettava il bimbetto segretario, il maestro dalla penna rossa e il garfagnino sceso a valle stavamo freschi. Ripeto, basta leggere . È tutto scritto e trascritto dalle intercettazioni. Bravi Carabinieri e grazie alla Procura che ha messo alla luce questo marcio condiviso

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 09:09

    grazie angelini!!!

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 09:41

    In tempi non sospetti chiesi, invano, come mai il PD si era astenuto sul voto per lo stadio.
    Oggi su un quotidiano ho avuto la risposta!
    Grande Tambellini che è DIECI anni che dici che c’è qualche cosa che non va!
    Un’occhiatina anche in casa?

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 10:51

    ….. c’è qualcosa di nuovo oggi nell’aria
    anzi d’antico…..

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 11:09

    Insomma, il centro-destra sta trovando il candidato che non aveva nella figura di Piero Angelini!
    Visto che non aveva nessun santo a cui votarsi, ecco la luce nell’oscurità.
    Nessuno nega l’effetto positivo delle azioni di Angelini in questa vicenda, ma andrebbero ben analizzate le cause che lo hanno portato a presentare gli esposti.
    Ma, aldilà di questo, stiamo parlando di una persona che – per età, trascorsi politici e vocazione – rappresenta in fondo lo stesso mondo di Mauro Favilla.
    E per mantenere il potere ad ogni costo il centro-destra lucchese si aggrepperebbe davvero a chi rappresenta il vecchio (per mentalità, casta, centri di potere, ecc.) che più vecchio non si può?
    Per realizzare, in pratica, un Favilla 2?
    Io ci rifletterei.

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 11:15

    Solo ora ho capito: la colpa di tutto l’accaduto è dell’opposizione!
    Scusate ma sono tardo di comprendonio. Chiedo quindi l’immediata scarcerazione degli arrestati e l’arresto immediato del capogruppo e dei vertici PD.
    Grazie a quanti mi hanno illuminato sul fatto che se l’opposizione è colpevole, allora l’amministrazione di centro-destra deve essere innocente.
    Oppure viene fuori il classico teorema del: “I miei sono marci, trasciniamo nel marciume anche gli altri”?

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 11:22

    Se non si fossero sollevati S.Anna e prima ancora S.Concordio, con cittadini al di fuori di ogni schieramento politico, i campi a S.Anna non ci sarebbero più, e lo steccone sarebbe al tetto. Gli esposti hanno un nome e cognome, basta andarlo a leggere. Quello di Angelini,c’è. A S.concordio i cittadini hanno fatto tutto da soli, e l’attenzione della politica ai gravi fatti da essi denunciati e riscontrati dalla magistratura è stata tiepida.

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 11:40

    Nessuno sta santificando Piero Angelini, ma bisogna riconoscergli che se avesse voluto fare il suo interesse avrebbe probabilmente, come hanno fatto altri…, accettato qualche incarico ben retribuito per farsi da parte e non creare problemi!
    Invece per tener fede al programma elettorale e agli interessi della città Governare Lucca è passata dalla maggioranza all’opposizione, unica forza politica non ha approvato le varianti urbanistiche, e ha presentato gli esposti alla Procura che hanno portato alle indagini e agli arresti di ieri.
    Merito certamente anche agli abitanti di S.Anna per la loro battaglia che ha contribuito al risultato, ma come dimostrano altre situazioni questi comitati purtroppo non possono molto di fronte a interessi e lobby di questa portata.
    Per questo penso che se non ci fosse stato Angelini con la sua esperienza amministrativa e la possibilità tramite i consiglieri comunali di avere accesso ai documenti probabilmente il cemento sarebbe già calato sul Parco di S.Anna!

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 11:52

    Non è stato facile per noi promuovere gli esposti che stanno alla base delle inchieste; se ci siamo sentiti costretti a compiere questo passo, mai prima da noi effettuato, è stato per l’atteggiamento di chiusura, qualche volta addirittura di derisione, verso Governare Lucca, dimostrato dall’Amministrazione nei tanti snodi della vicenda urbanistica“.
    Sono l’unico a notare questa frase e rabbrividire? Angelini sembra proprio voler dire che se solo fosse stato incluso nella spartizione anche lui, beh, non avrebbe denunciato alcunché. E chi gliel’avrebbe fatto fare, no?
    Insomma tutto è regolare e sei disposto a turarti il naso, chiudere gli occhi e tapparti le orecchie ma solo se fai “parte del giro”. È questo che intende, sig. Piero Angelini? E ce lo viene a dire così? Che solo se ti escludono dal malaffare allora diventi uno che desidera chiarezza, verità, equità e giustizia. Sennò amen, e tutti a far soldi sporchi in culo ai cittadini, a costruire dove non si può, a fregarsene di tutto e di tutti e delle leggi perché l’unica cosa che conta siete voi stessi. E questo che ci sta dicendo, sig. Piero Angelini? Cos’è, vi divertite a sbatterci in faccia questa continua presa per i fondelli e a sera giù a farsi grasse risate nel salotto buono?

    O forse quella del sig. Piero Angelini era solo una frase infelice?

    Come: “non pensiamo perciò a facili ritorsioni, ma al bene della città“. Che di per sé è pure una bella frase carica di nobili intenti. Ma mettetela in fila alla prima. E ora ditemi cosa ne pensate.

    Già, forse era solo una frase infelice… peccato che il tenore del resto del comunicato sia il medesimo, già. Ci dice la stessa cosa.

    L’opposizione che non fa opposizione perché… beh, perché dovrebbe, se “sta nel giro”?

    Eccetera, a questo punto avete capito cosa intendo. E cosa intende Angelini.

    Ora. Già è drammatico sapere che le cose stanno così per davvero, anche se puoi sempre sperare di essere solo un paranoico, un matto, un cittadino frustrato e pazzo. Ma è ben più drammatico – spaventoso, per certi versi – leggerlo nelle parole scritte e firmate dai diretti interessati. Mi vien voglia di sbattere la testa contro il muro.

    Anzi.

    Mi vien voglia di sbattere contro il muro non solo la mia, ma un sacco di teste.

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 12:52

    Ho sentito il ruggito del leone provenire solo da Governare Lucca e l’ho riconosciuto.
    Ho sentito il ruggito della pecora provenire da destra e da sinistra e non mi è piaciuto.

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 23:02

    Risposta di Piero Angelini:

    Cominciamo di fondo. LOGAN critica il fatto che io scriva che non sia stato facile ricorrere alla magistratura, a cui siamo stati costretti “per l’atteggiamento di chiusura, qualche volta addirittura di derisione, verso Governare Lucca, dimostrato dall’Amministrazione” e la interpreta come l’ammissione che il ricorso alla magistratura è stato effettuato solo perché non siamo stati coinvolti “nella spartizione”; caro LOGAN, forse non parliamo la stessa lingua; io ho voluto semplicemente dire che se, per es. nel novembre 2009, all’approvazione della Relazione di monitoraggio, la maggioranza, sulla base delle proposte che solo noi abbiamo fatto, avesse rinunciato a fare un falso in atto pubblico, aumentando stoltamente di 135.000 mq la superficie residenziale, non ci sarebbe stato bisogno di fare la denuncia; cosi nel gennaio 2011, quando, ancora, solo noi di Governare Lucca abbiamo messo in rilievo che la cancellazione delle UTOE dal PS e dal RU era fatto in violazione della legge regionale; se si fosse fatto quello che prevedeva la legge, non ci sarebbe stato l’esposto; così infine per la Variante sullo Stadio: una verità lapalissiana, che ha il riscontro nelle intercettazione, sul punto, di Valentini, a cui rimando; se avessi voluto soltanto partecipare alla spartizione, come suppone Logan, nessuno mi avrebbe negato un incarico (Favilla mi aveva proposto ufficialmente la Presidenza del Clap, a 5.000 euro al mese!); se avessi voluto dei soldi in contante, poi, bastava rivolgersi a Valentini. Mi si può criticare, ma non far passare per quello che non sono.
    Quanto a ROLANDO, che mi critica abitualmente ( ma vedi anche il malevolo DANI), egli scrive che io non sono affatto un santo, il salvatore della città: ha ragione, io però non l’ho mai detto; ho solo pensato di essere una persona perbene, che talvolta sbaglia, ma che sa correggersi; e così è stato per il Parco di S.Anna, in cui, al contrario di quello che dice LUCA, io non sono mai andato a braccetto dell’amico Favilla; fin da subito, io ho capito, proprio dal confronto con il Comitato di S. Anna, che non si poteva accettare il progetto del gruppo Valore, che era stato realizzato contro le prescrizioni della scheda normativa: per esempio, per quanto riguarda il verde, che, al contrario del progetto Valore, doveva essere garantito sul 50% dell’area; nel febbraio 2008, gli 8 consiglieri del Centro, che facevano capo a me, presentarono una mozione (respinta da Favilla), che correggeva il progetto Valore, riportandolo al rispetto della normativa, e abbatteva poi il carico insediativo del 30%; nel marzo 2008, presentai il progetto al Comitato di S. Anna, che non lo gradì; da quel momento, a poco a poco, studiando e pensando, compresi che le ragioni del Comitato di S. Anna erano fondate e le ho, da allora in poi, sempre difese, fino all’esposto in Procura, in cui ho dimostrato che le Varianti erano proprio dirette a favorire in modo illegittimo il gruppo Valore, nel Parco di S.Anna, con i conseguenti provvedimenti giudiziari. Perché dunque contrapporre Governare Lucca al Comitato di S. Anna? perché non lavorare insieme e tirare dalla stessa parte?
    Quanto a SALLUSTIO, che mi critica, perché mi metterei “a dar lezione di morale e di politica”, gli chiedo di citare quando ciò sarebbe avvenuto; le ragioni per cui io, a suo avviso, dovrei star zitto, sono dubbie e da me non riconosciute, in particolare per il mio passato politico, di cui sono orgoglioso e della mia età anagrafica, di cui non mi vergogno affatto.
    Nego soltanto che Chiari, che io, fino al 2007 non conoscevo affatto, sia un mio uomo o un mio amico (“uomo di Piero”); nella lista di Governare Lucca è entrato, presentato da altri, e subito uscito, dopo la prima formazione della giunta, nel luglio 2007; quanto a Favilla, invece, come scrive ANGELINI PRIMO COLPEVOLE, era davvero un mio amico, da tanti anni; un amico che ha tradito la mia fiducia, che ha rinnegato gli impegni elettorali (dall’Ospedale, all’urbanistica, alla gestione delle aziende partecipate, ecc. ecc.), e da cui io ho preso le distanze da tempo e che io voglio mandare a casa al più presto. Però, che io debba star zitto per questo, quando vanno ancora per la maggiore vari personaggi, da un Fini, che non più di dieci anni fa definiva Mussolini il maggiore statista del secolo, a molti esponenti della sinistra che, qualche lustro fa, invitavano a dar fiducia a Breshnev o a gente simile, mi pare discutibile.
    In conclusione, per non farla eccessivamente lunga, mentre ringrazio tutti quelli che sono intervenuti e in particolare chi mi ha rivolto un qualche apprezzamento, ricordo che io non mi sono candidato a niente, tanto meno a Sindaco della città: il quale Sindaco non dovrebbe essere scelto però dalle tifoserie, ma da gente che pensa e riflette bene. Chi parla di un ricambio qual che sia, chi invoca i giovani, parla bene; anche noi siamo stati giovani e abbiamo dovuto lavorare e sudare per emergere; a questo punto, però, bisognerebbe, però, che non si limitasse a dire soltanto: via i vecchi; bisognerebbe che si cominciasse a fare anche qualche nome e cognome, ricordandosi poi che non bisogna soltanto essere giovani, per essere buoni candidati, ma per esempio (nell’attuale clima della città) anche onesti, anche informati, anche con un lavoro che, soltanto, garantisce libertà e indipendenza; mi ha procurato meraviglia e sorpresa che nel sondaggio improvvisato per la candidatura a Sindaco, fatta dalla Nazione, ci fosse anche qualche giovane che vive soltanto di politica; per me, un finto ricambio.

    – Piero Angelini –

    RISPONDI
  • Admin
    16 giugno 2011, 23:40

    quello che credo è che in questi giorni sia arrivato il terremoto ma lo tsunami deve ancora arrivare.
    Vedremo, per il momento un grazie al comitato parco di S.Anna e a governare Lucca.

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 08:59

    @piero angelini.Io la ringrazio di quello che ha fatto e la ringrazio di cuore, non ascolti chi cerca di fare di tutta un erba un fascio e coinvolgere anche chi ha avuto il coraggio e si preso la responsabilità di denunciare quanto stava avvenendo.Le chiedo solo una cosa,Lei dice che vuole liberarci(intendo in senso politico)di Favilla ed io non aspetto altro da anni, da quando ho avuto la maledetta idea di votarlo,quello che le domando è.Cosa si puo’ fare per costringere questo individuo a dimettersi?In consiglio comunale ci sono le forze per sfiduciarlo?si puo’ chiedere al Prefetto di intervenire?La prego ci aiuti perchè Lucca non ne puo’ piu’ di questo individuo.

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 09:17

    “Angelini il puro”… leggete i giornali di stamattina, e venite a ridirlo qui, se avete il coraggio. Fate giusto ridere. Favilla, Chiari, Angelini, Pierami, Tagliasacchi: for de ball… tutti quanti, nessuno escluso!

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 10:05

    Come è possibile accettare e sentire un o degli esponenti della ex balena bianca DC che ha considerato Lucca cosa sua, venire a dare lezioni e parlare di rinnovamento?
    Angelini, Baccelli, Favilla…

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 10:25

    A me non interessa cosa ha fatto Angelini nel passato.A me risulta che sia stato sempre assolto e io non dico che è puro.Dico solo che se non era per lui questa gente continuava a truffare e ad agire alle spalle e sulle spalle di tutti noi, di destra di sinistra e di centro.Io in questa situazione mi sento solo di essergli grato eppure lo ho criticato molte volte in passato ma di questi esposti gli sono solo riconoscente.Punto.

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 11:55

    Condivisibile la posizione di Roberto.

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 12:36

    Nel 2007 Piero Angelini e Mauro Favilla fecero un’operazione molto intelligente e prepararono un programma elettorale in discontinuità con la politica dei dieci anni prima e in particolare di Pietro Fazzi. Addirittura Mauro Favila si presentava come il sindaco che avrebbe fermato il cemento a Lucca e avrebbe sviluppa potiche trasparenti e ambientali.
    Dopo due anni Mauro Favilla ha tradito il suo programa ellettorale, i suoi elettori e il suo caro amico Angelini, che lo aveva portato lì, e la sua politica urbanistica si è rivelata peggiore del predecessore Fazzi, compromettendo per molti anni il futuro di Lucca.
    Per questo Mauro Favilla è il responsabile politico di quello che sta avvenendo oggi e responsabili sono tutti coloro che lo hanno sostenuto in questa politica dannosa.
    Per questo, secondo me, vanno ringraziati quei partiti e quei consiglieri, che a vario modo, hanno combattuto lealmente una battaglia a volte impopolare: per questo ringrazio Piero Angelini e il suo gruppo, Alessandro Tambellini e i suoi consiglieri, il Partito Democratico comunale, Antonio Sichi e tutti coloro, che pur non essendo in consiglio comunale, lottano per una città migliore…

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 15:02

    ALLEGO L’INTERVENTO FATTO DURANTE IL CONSIGLIO COMUNALE DI IERI A NOME DI GRUPPI FEDERATIO LIBERTAS-2010-GOVERNARE LUCCA:

    Come abbiamo già detto ieri, pubblicamente, nelle nostre dichiarazioni, i gruppi consiliari di Governare Lucca e di Libertas 2010, esprimono grande disagio e forte preoccupazione per l’arresto di politici , funzionari, imprenditori privati, professionisti ( tra cui il figlio del Presidente del Tribunale, che dà il sigillo di serietà ad un’ inchiesta, che non guarda in faccia a nessuno!): arresti avvenuti ieri a Lucca e Prato e basati, come confermato oggi ampiamente sui giornali, sulle vicende urbanistiche dell’ Amministrazione; non ci fanno mai piacere gli arresti , tanto meno in questa circostanza, in cui si tratta di persone che ben conosciamo: fa male vedere gente che finisce in galera, anche se noi, al contrario di altri ( che hanno lucrato, in potere e carriere, sulla loro acquiescenza ai voleri del Sindaco), abbiamo sempre cercato di convincere, Favilla e i consiglieri di maggioranza, ad evitare atti e comportamenti che potessero recare danno a loro e all’Amministrazione e compromettere, poi, il nome della città.
    Naturalmente le persone arrestate rimangono, per noi, semplici indagati e dunque innocenti, fino a sentenza definitiva: ma un giudizio politico negativo sulla gestione amministrativa del Comune lo abbiamo dato da tempo e lo riconfermiamo; come riconfermiamo il giudizio che il primo responsabile politico della gestione dell’urbanistica, da noi criticata, era e rimane il Sindaco, che per quattro anni ha voluto tenere per sé la delega all’urbanistica e a cui, a nostro giudizio, sono da ricondurre politicamente, in ultima istanza, tutte le scelte contestate.
    Le vicende urbanistiche, che stanno alla base degli arresti, sono le stesse che ( in verità insieme ad altre), furono sollevate dal Sindaco e dai partiti che lo sostenevano, per cacciarci dalla maggioranza, all’inizio del 2009 e su cui, in questi anni, abbiamo continuato a chiedere al Sindaco comportamenti improntati a trasparenza e rispetto delle regole, che purtroppo sono mancati.
    Non è stato facile per noi promuovere gli esposti che stanno alla base delle inchieste; se ci siamo sentiti costretti a compiere questo passo , mai prima da noi effettuato, è stato per l’atteggiamento di totale chiusura, qualche volta addirittura di derisione, verso Governare Lucca, dimostrato dall’Amministrazione nei tanti snodi della vicenda urbanistica, sia per quanto riguarda i dati e le informazioni richieste, sia per quanto attiene alle decisioni da prendere.
    Quando, per es., nel dicembre 2009, in occasione dell’approvazione della Relazione di monitoraggio, chiedemmo all’Amministrazione dal rinunciare ad aumentare, in maniera illegittima, le quantità insediative residenziali, di 135.000 mq e ci appellammo pubblicamente al Sindaco, mettendolo in guardia contro possibili rischi di compiere reati di falso in atto pubblico, il Sindaco ci rise in faccia; e questa decisione illegittima, voluta dal Sindaco e dal responsabile dell’Urbanistica, e approvata con allegria dalla maggioranza compatta, costituisce, dopo il nostro esposto, uno dei fondamenti dell’inchiesta.
    Quando, poi, nell’ottobre 2010, in occasione dell’adozione della Variante sullo Stadio, presentammo un emendamento per realizzare l’intervento, a norma della L.R. 1/2005, tramite un Piano attuativo, dovemmo lottare contro un parere di Tani che lo giudicava inammissibile; quando chiedemmo, ancora, di stralciare quantomeno dalla Variante il richiamo alla delibera di G.M. n.550, del 24/11/2009, che recepiva master plan e bozza di accordo con la Società Lucchese Libertas, premessa della stipula dell’identico contratto firmato dal Sindaco e dal Presidente della Lucchese, il 25/02/2010, non ci fu data risposta alcuna, né mostrata una qualche considerazione.
    E quando, prima del Natale 2010, il Sindaco e l’Amministrazione, con un colpo di mano , imposero al Consiglio di votare due Varianti al P.S. e al R.U. chiaramente illegittime, perché prive delle UTOE, prescritte dalla L.R. 1/2005, cercammo in tutti i modi, anche con l’ostruzionismo, di convincere l’Amministrazione a desistere da tale enormità: invano! Con molti, anche qualcuno del centro sinistra, che ci consideravano dei donchisciotte dilettanti, dal momento, si diceva, che le due Varianti erano del tutto “inemendabili”: perché darsi dunque tanto da fare ? Noi, con la nostra battaglia di verità, abbiamo spiegato e dimostrato alla Procura, che le due Varianti erano strutturate ed orientate unicamente per favorire il gruppo Valore, sia nel Parco di S.Anna, che nel caso dello Stadio. E a proposito del Parco di S.Anna, non abbiamo difficoltà ad ammettere che la nostra posizione iniziale, di modifica seppure importante del progetto ( neppure essa accettata dal Sindaco), si è modificato nel tempo sulla base del rapporto importante e delle lotte portate avanti dal Comitato di S. Anna, a cui va dato un giusto riconoscimento; e riteniamo un merito, un nostro merito, di uomini liberi e non dipendenti da alcun gruppo di potere, aver la capacità di modificare e correggere in meglio le nostre posizioni politiche, quando le ragioni della gente, che sempre ascoltiamo, ci convincono, come in questo caso,
    I giornali, oggi ci citano, contro voglia, perché abbiamo fatto una battaglia a dispetto di tutti, con qualche giornale, per di più, che non ha mai spiegato, fino in fondo, ai suoi lettori, i contenuti delle nostre battaglie, retrocesse a scontri di puro dispetto personale; i quali lettori, allora, riescono difficilmente a comprendere, oggi, come una Amministrazione, guidata da una maggioranza che ogni settimana esce rafforzata dai suoi momentanei bisticci, guidata per di più, con forza e saggezza dal Sindaco, improvvisamente, non per un evento naturale, ma per vicende di mala politica, sia a rischio di implosione.
    Ma per quanto riguarda la nostra battaglia, ricordate, sulle Varianti al PS e al RU, da noi contestate con un pesante ostruzionismo, prima, nel dicembre 2010, con un ricorso al TAR, poi, che non ci ha concesso la sospensiva, ma che ci ha permesso di conoscere le Osservazioni della Regione, che ci erano state nascoste da questa Amministrazione, vogliamo riportare la intercettazione della conversazione dell’arch. Valentini, riportata soltanto dal Tirreno (non dalla Nazione, del che francamente ci spiace !?!), che, con franchezza e brutalità, chiarisce la situazione, dando ragione pienamente all’on. Angelini: “ Questa variante che tu vedi quando è partita 11 mesi fa era così e oggi è diversa. Lo sai perché ? Tant’è vero che lui (Angelini) dice questo!!! Lui dice …è stata fatta appositamente per la Valore!!! E ti devo dire la verità? Ha anche ragione. Ci sono anche venti piani attuativi, ma sono tutti piccoli. Perché loro…-continua Valentini-lo sai che hanno fatto questi qua (cioè il Comune)? Ed è stato geniale devo dire! Tu ( riferito ad un socio…) sai cosa sono le UTOE. Il Comune ne ha fatto un’unica grande UTOE e gliel’hanno messa nel c(..) ( ad Angelini). Perché in questa maniera avendoci un’unica grande UTOE, non esiste più il contingentamento della residenza. La residenza che aveva Antraccoli può andare a S.Anna!!! Mentre se rimanevamo le UTOE i conteggi li dovevi fare su una singola UTOE…ecco perché lui ( cioè Angelini) ti dice che è stata fatta ad hoc per un grande gruppo…è vero. E ti posso garantire se noi non avevamo la Lucchese il viale Einaudi non andava in porto”.
    Bene. Siamo costretti a citare l’arch.Valentini, per ricordare, con la sua sincera brutalità, il significato della nostra battaglia sulle UTOE nelle Varianti al P.S. e al R.U., che nessun giornale, invece, ha mai chiarito, fino in fondo alla città, con nostro profondo rammarico. E questo costituisce il contenuto del secondo nostro esposto alla Procura, che è divenuto, a quanto pare, un fondamento dell’inchiesta. Il terzo nostro esposto ha riguardato la Variante alla Stadio, su cui intendiamo soffermarci, quando il Consiglio comunale, come anche da noi richiesto, ridiscuterà a fondo del problema.
    In conclusione, la via dei tre esposti alla Procura è stata per noi una strada obbligata; in cui, come abbiamo detto ieri, pubblicamente, ci siamo trovati soli; e non, come era prevedibile, soltanto sul versante del centro destra, dove la linea del nuovo Gruppo di Forza Lucca, guidato da Dinelli, è stata addirittura quella di una sfida continua al PDL, per dimostrare alla città di essere i più fedeli al Sindaco e al suo programma, con contenuti che non avevano più niente a che fare con il programma votato dagli elettori: basta pensare che nel Programma di fine mandato, accettato da Forza Lucca, era contenuta perfino l’autorizzazione, richiesta dal Sindaco, di riportare in Consiglio, per la sua rapida approvazione, il Piano attuativo del Parco di S.Anna, adottato dal Commissario, nel 2006, ma decaduto da 18 mesi!
    Ci siamo sentiti soli , però, anche sul fronte del centro sinistra, che ha deciso comunque, da subito, di non affiancarci negli esposti alla Procura, ha visto poi uomini a lui vicini impegnati nell’affare della ristrutturazione dello Stadio ( basta pensare alla posizione tenuta dalla cooperativa Uomini e Terra e dal suo presidente) , ha perfino difeso pubblicamente la legittimità della Variante per lo Stadio, sulla cui approvazione, in precedenza, si era astenuta; leggere oggi sulla stampa, tramite le intercettazioni riportate, che un tale voto di astensione era frutto , secondo l’Ing. Giurlani, dirigente della società Lucchese e Presidente di una società partecipata, del suo lavorio e che l’arch.Valentini era impegnato ad ammorbidire, tramite eventuali incarichi professionali, il consigliere Tagliasacchi , ecc. ecc. , non ci ha fatto certo piacere. Non è escluso, certamente, che l’Ing. Giurlani, al riguardo, semplicemente millantasse; però l’invito, sempre conosciuto tramite intercettazione, del consigliere Tagliasacchi al consigliere Tambellini di star attento a quel voto sulla Variante per lo Stadio, che altrimenti “…un si va da nessuna parte”, seppur non concreta alcuna responsabilità, né giuridica né politica, esprime considerazioni e parole, lo confessiamo, che non avremmo voluto ascoltare da chi pare averle pronunciate.
    Per quanto ci riguarda, però, ci ha fatto piacere il constatare che l’Ing. Giurlani non ha mai pensato di avvicinarci e chel’arch.Valentini ci ha sempre trattato, noi di Libertas 2010 e noi di Governare Lucca, a partire dal nostro Presidente Angelini, come avversari irriducibili, come infatti lo siamo stati e rimaniamo su questo punto.
    Avevamo infatti compreso, fin dall’inizio, cioè fin dalla battaglia contro la precedente Amministrazione Fazzi e poi con il programma elettorale della nuova Amministrazione Favilla, che se Lucca voleva divenire davvero un laboratorio politico, nella Regione, doveva innanzitutto affrancarsi dai condizionamenti dei poteri economici che si erano radicati nel territorio, sotto l’Amministrazione Fazzi, a cominciare dal gruppo Valore, presente nella Polis, nella Metro, nel Polo Fiere e impegnato in progetti di grande impatto ambientale; doveva restituire alla politica la sua autonomia e la sua indipendenza. La nostra rottura col Sindaco data dall’ottobre 2007, quando il nostro Presidente Angelini, invitato dal Sindaco, si è rifiutato di incontrare l’arch.Valentini in un incontro privato; quando abbiamo capito che il Sindaco aveva deciso di percorrere la vecchia strada dei compromessi di potere che non condividevamo. Una persona, quella dell’arch. Valentini, che non solo non abbiamo mai incontrato, ma che ci siamo sempre rifiutati di incontrare se non nelle sedi istituzionali per esempio di Commissione.
    Dunque lo diciamo, con umiltà, senza orgoglio alcuno: se non ci fossimo stati noi, di Governare Lucca, con le nostra idea della politica, con la nostra resistenza morale, tutto sarebbe rimasto come prima; magari con un disagio profondo della città, che avrebbe marcato le distanze da un’Amministrazione che, come era sotto l’occhio di tutti, non perseguiva sicuramente l’interesse pubblico; e con un’opposizione che l’avrebbe però tollerata, come la soluzione anche più idonea a determinare un ricambio, nel segno di un’alternanza stanca, ma sicura. Naturalmente non vogliamo rivendicare primogenitura alcuna; anche se ci sorprendono non poco le affermazioni , in questi giorni, di personaggi, che si sono interessati poco del contenuto delle vicende lucchesi, e che si intestano il risultato di battaglie urbanistiche a cui poco o nulla hanno dato.
    Noi, del resto, abbiamo fatto una battaglia, che è troppo riduttivo ricondurre semplicemente alla politica urbanistica. Era infatti una battaglia, che, per esempio, nei casi citati, prima della Polis, della Metro e del Polo Fiere, poi della vicenda del Parco di S. Anna e dello Stadio, metteva in discussione il rapporto tra la politica e potere economico, in particolare il rapporto con i gruppi economici presenti sul territorio, di cui il gruppo Valore era soltanto il più grande e il più significativo.
    Ed allora, ricordiamo, noi abbiamo fatto spesso e facciamo di nuovo una domanda: se è vero che questo gruppo economico, “senza volto e senza radicamento sociale”, come lo abbiamo spesso qualificato, sempre e soltanto rappresentato dell’arch. Valentini, lasciava in ombra i veri proprietari del gruppo, da nessuno conosciuti; se è vero che un tale gruppo ha influenzato pesantemente le scelte politiche della nostra città ed ha condizionato le istituzioni e le persone che le rappresentano; se è vero che l’arch.Valentini, intercettato, dice di essere “il tangentaro impegnato a pagare tutti, a corrompere e a farmi corrompere”, come si vanta; è possibile che tutto ciò emerga soltanto a Lucca, è possibile che questi metodi di infiltrazione e pressione sulla politica siano praticati soltanto nella nostra città e non invece anche in tutte le aree in cui questo ed altri gruppi consimili operano ed hanno operato, da Massa a Pisa , da Pistoia a Prato: insomma in tutta la Toscana, dove una classe politica, meno attenta di noi, guardando più ai capitali che alla loro trasparenza, non ha posto le domande e fatto le battaglie che noi invece a Lucca abbiamo fatto.
    E’ per questi motivi che non intendiamo seguire, in alcun modo, in questa vicenda, una interpretazione per così dire improntata soltanto alla logica dei due poli; fermo restando, naturalmente, che le responsabilità politiche per cosa succede a Lucca riguardano essenzialmente il centro destra, non ci sentiamo di concludere che tutto si aggiusta con il trasferimento della responsabilità politica al centro sinistra, se non si compiono, prima, scelte radicali nella gestione del potere e, in particolare, nel rapporto della politica con i più potenti gruppi economici; naturalmente, a destra, ci rifiutiamo di mettere tutti i consiglieri del centro destra nella stesso calderone e sotto la stessa responsabilità politica; ma chiediamo parimenti ai consiglieri di centro sinistra di fare della battaglia per la pulizia e il rinnovamento una battaglia non solo locale; di allargare una tale battaglia di pulizia, al di là dei nostri confini, come è necessario e opportuno. Ma di tutto questo ci sarà tempo di parlare e di riflettere, come noi vogliamo fare, occupandoci fin da subito del programma delle futura Amministrazione, un programma da elaborare anche alla luce delle vicende di oggi ( proposta già da noi avanzata, in verità, subito dopo le elezioni amministrative, e che andrebbe meglio valutata).
    Naturalmente, mentre noi siamo molto aperti ad un rapporto con chiunque manifesti buona volontà, anche nella maggioranza, siamo invece molto duri nel giudizio politico nei confronti del Sindaco, che, a differenza di altri, noi riteniamo il vero responsabile politico delle scelte contestate di questa Amministrazione, l’uomo che ha stravolto il mandato elettorale, che ha accettato (se confermato) una forte dipendenza dal potere economico, che ha stretto legami sbagliati con i gruppi di potere che hanno condizionato le scelte di questa Amministrazione, che ha ridotto forse l’ autonomia dei suoi funzionari, che ha fatto le scelte sbagliate da noi contestate. Le responsabilità politiche del Sindaco sono evidenti e a lui spetta in ultima istanza, in questa fase, trarre le dovute conseguenze dalla situazione in atto.
    Noi non abbiamo nessuno strumento per costringerlo alle dimissioni; ma diciamo con chiarezza che riteniamo deboli e inconsistenti i suoi tentativi di ridurre, a fatto privato, le imputazioni degli indagati, se sono quelle di aver accettato denaro per venir meno ai loro doveri di ufficio: e palesamente inaccettabile la sua giustificazione per la firma del contratto con la Lucchese, del 25/02/2010, con cui si é attribuito alla società il diritto di superficie per 99 anni, come una semplice linea di indirizzo operativo, come da lui affermato lunedì scorso in Consiglio!
    Prendiamo atto, comunque, della sua affermazione di essere e sentirsi, in coscienza, tranquillo; anche se le sue parole, in tante occasioni , non sono state sincere nei nostri confronti. Noi abbiamo fiducia, non sempre e comunque, ma in questo caso, sì, nella Procura di Lucca e, in particolare, nel procuratore dr. Cicala e nel suo sostituto dr. Origlio; che, con i loro atti, hanno dimostrato di non guardare in faccia a nessuno e che sapranno sicuramente individuare, valutare e giudicare tutto quanto è avvenuto.
    Attendiamo con serenità e fiducia.
    Nel frattempo, come abbiamo annunciato tramite interventi pubblici e come ripetiamo ancor oggi in questa aula, sarebbe opportuno che il consiglio comunale, soprattutto nella sua maggioranza politica, in un soprassalto di responsabilità, ponesse mano quanto meno alla urgente necessità di tagliare alla radice le cause politiche che hanno dato origine alle inchieste giudiziarie in corso, decidendo, in primo luogo, di accettare le osservazioni della Regione alle Varianti, come da noi indicato in un o.d.g, da noi presentato e che anche qui riproponiamo; e soprattutto, con maggiore urgenza, di annullare immediatamente la Variante al R.U. sullo Stadio, come, ancora da noi, proposto in una mozione, che ancora oggi noi riproponiamo; permettendo al consiglio di affrontare il problema dello Stadio, su cui da parte nostra non abbiamo mai posto pregiudiziali insuperabili, con la dovuta calma e ponderazione; e soprattutto con rispetto delle regole e delle leggi urbanistiche.

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 15:13

    @nicola padrini; ma lei ha voglia di scherzar vero? Ringraziare chi NON ha mosso un dito, non ha fatto niente di niente, addirittura leggendo le intercettazioni ci sarebbe da capire bene …. Ringraziare chi è stato solo pronto a presentarsi alla gogna mediatica della conferenza stampa, ( a proposito, visto che era una conferenza stampa, mi sa precisare a quale testata giornalistica è iscritto il Tambellini? , altrimenti a che titolo era, appunto, alla conferenza stampa ? BELLA FIGURA) e lei vorrebbe ringraziarli? Di cosa? se non denunciava il tutto Angelini ad oggi, ripeto ad oggi eravamo come quattro giorni fa: la banda bassotti a dividere e spartire gli affari alla spalle dei cittadini e tutta l’opposizioni a far….NIENTE ! e dovremmo ringraziarli? Signor Pardini DECENZA prego.
    questa vicenda è già abbastanza squallida, richiede almeno eleganza e signorilità; non aggiunga allo squallore anche la miserabilità. Non ce n’è bisogno. E’ già schifosa di suo. Per molte persone , per altre a venire.
    alcuni anche del Suo schieramento, come si legge stamani, anche a livelli molto alti…. per cui, non cavalchi questa tigre; la disarcionerà.

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 22:44

    @ vincenzo giorgi

    g r a z i e

    RISPONDI
  • Admin
    17 giugno 2011, 23:19

    @antonio nardini: dal suo intervento mi sono reso conto di non aver ringraziato l’unica associazione che dal 2007 ha cominciato a denunciare irregolarità in viale Einaudi: l’associazione Parco di S. Anna, che ha sempre sostenuto che quel progetto non convinceva e hanno cominciato a organizzarsi e a produrre documentazione adatta all’esposto in procura che hanno presentato. Anche Governare Lucca, fino al 2009, non era così contraria, poi ha capito quale era il gioco che ci stava dietro e infatti furono espulsi dalla maggiornaza. Se poi lei vuole mettere tutti sullo stesso piano dopo aver letto gli stralci di alcune intercettazioni è nelle sue facoltà, ma come le ho già ricordato la magistratura accerterà tutta la verità e non farà sconti a nessuno, ma politicamente le responsabilità sulle questioni urbanistiche del comune di Lucca sono chiare e non sono di chi è all’opposizione dal 1998. Comunque attendiamo gli sviluppi…

    RISPONDI
  • Admin
    18 giugno 2011, 09:16

    @Nicola. In effetti mancano Mario son sodo e la Frusa. Ma se non era per Angelini, nonostante tutte queste cime di opposizione, le cose oggi erano come 5 giorni fa. Cioê niente, le chiacchere nonnina farina. E voi di chiacchere ….

    RISPONDI
  • Admin
    18 giugno 2011, 10:46

    @antonio e nicola

    …..res non verba……………………………………

    RISPONDI
  • Admin
    18 giugno 2011, 11:13

    FAVILLA DIMISSIONI SUBITO.

    RISPONDI
  • Admin
    18 giugno 2011, 13:04

    Piero sei veramente vergognoso per il passato e per il futuro!!!!!!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    18 giugno 2011, 17:05

    eh no caro Rolando, per me sei tu la persona vergognosa. Tu che rinunci a ragionare con la tua testa perchè travolto da antiche illusioni e delusioni.
    Purtroppo qui siamo in presenza dei peggiori ladri che esistano e cioè i LADRI DI VERITA’. Tambellini& C non possono appropriarsi di una azione ideata, partorita e gestita da Governare Lucca, e quindi da Piero Angelini,sbandierando il furto come cosa propria.I lucchesi che ragionano e che hanno voglia di mantenersi informati lo sanno bene.
    Pertanto ringrazio Piero Angelini per la sua voglia di rigenerarsi ed il suo impegno nel voler lasciare una città(Lucca)più pulita e seriamente pronta a ripartire. Auguri di buon lavoro, Piero, il successo non mancherà.

    RISPONDI
  • Admin
    18 giugno 2011, 21:06

    Ho scritto che risulta che Angelini abbia detto a doversi imprenditori
    immobilari nel 2007 che a Lucca se volevano
    fare operazioni dovevano passare da lui e da Chiari. Per questo credo che dopo che e’ stato ‘scaricato’ a causa della sua arroganza si sia voluto presentare come il soggetto che denuncia il malaffare vendicandosi da Favilla e tutelandosi dalla magistratura. E’ un gioco sporco. Non so perché questa opinione non venga pubblicata da Lo Schermo.

    RISPONDI
  • Admin
    19 giugno 2011, 08:43

    oh rolando, ma se lei ha la capacità di vedere il futuro sa già come andranno le cose e che cosa verrà scritto nella pagina nuova…………ma, soprattutto, lei sa già chi volterà questa benedetta pagina……………………….

    io preferisco aspettare…….
    nel frattempo mi dedicherò a scrivere una canzone

    (tormentone?) dal titolo “voltiamo pagina”……………..

    RISPONDI
  • Admin
    2 luglio 2011, 16:52

    c’è differenza tra giustizia e vendetta.
    c’è differenza tra persone giuste e persone vendicative.

    RISPONDI
  • Admin
    2 maggio 2012, 14:26

    Ma poi come è finito tutto?

    RISPONDI
  • Admin
    2 maggio 2012, 15:07

    Non è ancora finito ……

    RISPONDI
  • Admin
    2 maggio 2012, 15:32

    Che significa?

    RISPONDI
  • Admin
    3 maggio 2012, 14:48

    Ma il sindaco che responsabilità ha avuto?

    RISPONDI
  • Admin
    3 maggio 2012, 15:40

    e tambellini con tagliasacchi?

    RISPONDI
  • Admin
    3 maggio 2012, 16:03

    La “porca” vicenda è chiara, anzi chiarissima. Solo chi è o vuole essere cieco continua a negarla. Siamo comunque alla fine del grande corso elettorale e, sempre più convinti che il sindaco FAVILLA sia ormai un USATO DA ROTTAMARE, rivolgiamo le nostre speranze a un Sindaco che Sindaco non è mai stato cioè a Piero Angelini e alla sua Governare Lucca.

    RISPONDI
  • Admin
    3 maggio 2012, 16:29

    Io voto Daniela Rosellini non per la sua esperienza nè per la sua dialettica : troppi politici dalla onnivora presenza e troppo esperti ho visto passare esperti di tutto, politici e dirigenti che improvvisano decisioni solo sulla base della loro alterigia ed estrema presunzione che credono di sapere solo perchè occupano un posto . Io voto Daniela Rosellini perchè sa ascoltare , mi fido di lei perchè umilmente come farei io si metterà a studiare attentamente i problemi e cercherà il confronto con noi cittadini che non abbiamo piu nessuno disposto ad ascoltare. Diffido di chi ha da sempre la soluzione “giusta ” ai problemi …decisionisti della domenica che da anni promettono di cambiare tutto…per non cambiare mai niente. Voto Daniela Rosellini perchè il mio voto è un voto di sinistra , quella che fino ad ora non vedevo piu’. Voto Daniela perchè questi candidati sindaci li ho già visti ricoprire ogni possibile carica perchè loro vogliono solo i posti…e noi abbiamo un disperato bisogno di cambiamento perchè come troppi parlano di dare spazio ai giovani e, ottantenni, sono sempre li a chiedere affamati. Forza Daniela .

    RISPONDI
  • Admin
    3 maggio 2012, 19:17

    @ Linda
    Non discuto delle capacità personali di Daniela Rosellini che peraltro non conosco, nè polemizzo sul riferimento agli ottantenni che se ancora in buona forma di cervello possono dare un discreto vantaggio a tanti giovani nell’attuale corsa elettorale ( e poi Grillo, patriarca come Noè, quanti anni ha? ).
    Per amor di verità sono invece costretto a contestarle l’ultima frase del suo intervento e cioè che troppi ottantenni dicono di voler dare spazio ai giovani mentre, in realtà, sono solo AFFAMATI di cariche da ricoprire. A prescindere dal fatto che io credo che in politica un giovane o meno giovane possa farsi spazio solo se in continuità si occupa nell’impegno civile della “res publica”, nella ricerca costante della verità, nella denuncia delle brutture e delle malformazioni del malgoverno, nella difesa dell’etica pubblica.
    Mi sono letto tutti i programmi degli aspiranti Sindaci e solo Piero Angelini di Governare Lucca ho trovato AFFAMATO di giustizia e di verità, fame che si porta dietro da anni stando continuamente in trincea quando altri stavano beatamente a pensare ai fatti propri.
    Sono queste pertanto le ragioni per cui darò il mio voto a Piero Angelini ed a Governare Lucca

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com