Perché a Lucca stanno morendo i piccioni? Il grido di allarme della Lav

Perché a Lucca stanno morendo i piccioni? Il grido di allarme della Lav

LUCCA, 09 maggio – Cosa sta accadendo a Lucca? Perché la Lega Antivivisezione sta ricevendo così tante segnalazioni di colombi morti e falcidiati da macchinari? Perché questa strage? La Lav di Lucca ha scritto alla nostra redazione segnalandoci quello che nella comunità colombide di Lucca viene già chiamata come ‘la strage di maggio‘. 

«La nostra associazione riceve oramai da qualche giorno – dicono alla Lav – numerose segnalazioni di cittadini a causa di repentine e ‘inspiegabili’ morie di numerosi esemplari di piccioni, in diverse zone della città». I volontari della Lega antivivisezione segnalano che qualche giorno fa era successo sugli spalti di fronte al San Frediano dove «sono stati rinvenute diverse decine di pennuti i cui corpi sono stati anche straziati da macchinari per il taglio dell’erba».

Ma la ‘strage di maggio’ non si arresta: come era corsa voce stamani in piazza San Michele, anche alla Lav risulta che un fatto analogo sia accaduto oggi in piazzale Togliatti a Sant’Anna: «Diverse persone – raccontano i volontari –, anche dai propri appartamenti, hanno potuto osservare i corpi dei colombi. Quello che sconcerta – proseguono – è l’inconsueta velocità di raccolta da parte della nettezza urbana e della non segnalazione alle autorità compententi del fenomeno».

Un fatto che inquieta un po’ tutti, ma soprattutto ad essere in subbuglio è la comunità colombide di Lucca che non si sente affatto tutelata da questo comportamento: si tratta di una malattia o si tratta della mano del bipede umano che mette fine alla vita di così tanti nostri fratelli? Una domanda che mi pare più che lecita. 

«Per la segnalazione alla Usl veterinaria abbiamo provveduto noi – dicono i volontari -, ma senza la possibilità di fornire qualche esemplare  morto per le verifiche del caso. In realtà abbiamo portato ciò che restava di tre uccelli schiacciati uno dietro l’altro come se non avessero avuto la possibilità di volare. Purtroppo per le analisi questo materiale non è stato sufficiente ed ora aspettiamo di poter recuperare qualche esemplare dalla discarica».

E qua si inserisce l’inquietante dubbio: «Il nostro sospetto – dice ancora la Lav – è che si tratti di avvelenamento imputabile a qualche sconsiderato che rischierebbe penalmente pene estremamente severe. Con la guerra mediatica  che si è scatenata nei confronti di questi volatili  in varie città e specialmente nella nostra, qualcuno forse ha pensato di risolvere il problema. La nostra speranza è di sbagliare, anche perché dalla reazione della gente abbiamo capito che esiste ancora il rispetto degli animali e soprattutto della vita anche non umana».

I piccioni di Lucca non possono che ringraziare la Lav di quello che sta facendo e tutti quei cittadini che hanno compreso come i piccioni, di fatto, non rappresentano il problema principe di una città, ma sono uno dei suoi tanti aspetti. A volte simpatico. A volte antipatico. Ma niente di più. Come rappresentante della Comunità colombide di Lucca non posso fare altro che domandare alle autorità competenti, in primis al Comune, cosa stia accadendo: perché stiamo morendo? Che è successo? Di chi o di cosa è la colpa? 

«Il nostro augurio è di arrivare a convivere con le altre creature divine come ci ha insegnato San Francesco lasciando al passato gli atti di vigliaccheria», conclude la Lega Antivivisezione di Lucca. Un augurio che ci sentiamo di condividere e sottoscrivere completamente.

(*)Opinionista Volatile
de LoSchermo.it 

17 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

17 Commenti

  • Admin
    9 maggio 2011, 16:34

    Una mia amica sostiene che sono stati “installati” intorno alle mura degli appositi distributori di veleno (verdi mi pare) per piccioni. Non le credo e non ho verificato, ma è inquietante che me l’abbia fatto notare solo ieri l’altro, e oggi mi tocchi leggere questa novità…

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 17:33

    Mi dispiace umanamente, ma sono solo bestie portatrici di malattie…

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 17:45

    Caro Marius, se non sbaglio, umanamente anche gli esseri umani sono bestie portatrici di malattie (e che malattie)! Non tutti e non sempre, certo: esattamente come i piccioni, alcuni umani si ammalano, alcuni guariscono, altri trasmettono malattie ad altri umani, altri ancora no. Quindi che intendi dire? Sei d’accordo sull’idea di sterminare tutto ciò che per natura prima o poi si ammala e prima o poi sicuramente muore??! In questo caso nulla di meglio di qualche atomica che annienti il pianeta.

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 18:23

    @LOGAN
    Ma che scemata, di alla tua amica sapientona che quelle non sono altro che delle mangiatoie installate dal comune per allontanare i piccioni dal centro storico, infestato dai piccioni!!!

    Comunque a me sembra sempre tutto regolare: da residente nel centro, non mi pare di aver visto più piccioni morti del solito (anzi, non ne ho proprio visti ultimamente), e anche a vedere dalle cacche che trovo quotidianamente sulla mia macchina, direi che i piccioni stanno più che bene! Anzi, se ne levasse qualcuno dalle palle sarei ben felice!

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 19:13

    Giusto, perchè no?

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 19:16

    Ma non c’è il modo di sterilizzarli? Si danno le pillole alle bimbette col moccio al naso, non vedo perché non darle ai piccioni…

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 19:54

    Evidentemente “ATROCEDUBBIO” non ha i davanzali e i cornicioni guarniti dagli scarichi di queste simpatiche bestiole, evidentemente nella scuola di suo figlio non sono comparse le zecche del piccione, per cui la provincia deve sborsare decine di migliaia di euro per istallare reti e dissuasori. Se un essere umano causa danni poi paga per i piccioni si potrebbe far pagare le multe alla LAV, protezione animale e altre associazioni animaliste, almeno paghino i danni causati dai loro protetti.

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 22:39

    sOLO la USL potrà dire se si tratta di una malattia o di qualcosa che somiglia ad un avvelenamento, di certo non sarebbe difficile individuare eventuali mandanti, da anni se ne augura lo sterminio negli ambienti ecclesiastici lucchesi,poco francescani, per i danni ai monumenti religiosi ed in quelli dei commercianti che li accusano di molestare i turisti.NON TUTTI PIANGERANNO SE SCOMPARE QUEL SIMBOLO DI PACE, si anche vedere chi piange e chi no, sarebbe una indagine interessante.

    RISPONDI
  • Admin
    9 maggio 2011, 23:54

    scusate ma… dove è il problema?

    RISPONDI
  • Admin
    10 maggio 2011, 05:03

    Beh..caro LAV c’e in corso un altra strage in citta’, e’ in corso una campagnia di derattizzazione… correte sono animali anche questi…no? poi l’altra peste (importato grazie al fatto che sistema ambiente non ha fatto niente per impedire che sceliessero la discarica di S Angelo come sostituzione al mare, ed ora sono residenti fissi in citta…. meno male che una cosa buona fanno… cacciano in volo i picccioni come falchi e li mangiano,,,, avvelenare piccioni NO, ma sterilizzare Si, Di buono i piccioni fanno cosa? la loro presenza ci costa quanto in denaro? Mi sembra che alla fine grandi simpatie non ci sono ne per i piccioni ne ratti.

    RISPONDI
  • Admin
    10 maggio 2011, 10:43

    se muoiono è a causa della selezione naturale (anche artificiosa in questo caso). vince il più forte.
    i piccioni non sono come le api.

    RISPONDI
  • Admin
    10 maggio 2011, 11:35

    @gigio
    Caro sapientone, mi dai solo una conferma: altro che scemata, magari qualche geniaccio ha pensato bene di avvelenare il cibo presente proprio in quei distributori. Cioè: se avessi voluto sterminare qualche volatile, io avrei fatto così. No?

    RISPONDI
  • Admin
    10 maggio 2011, 15:52

    Fate controllare le cassette del mangime messe dal COMUNE sotto gli spalti di S. Frediano.

    RISPONDI
  • Admin
    10 maggio 2011, 17:16

    Ormai chi ama gli animali l’ha capito benissimo che Lucca che si dichiara città civile è invece tutt’altro e ce ne ha dato dimostrazione in varie occasioni. Vedi la campagna contro i piccioni e lo sterminio di cinghiali sul Serchio. I paesi civili, spostano con i mezzi suggeriti da persone competenti gli animali là dove non posso arrecare danni. Imparate lucchesi, imparate………

    RISPONDI
  • Admin
    10 maggio 2011, 19:38

    Ne ho visto uno che aveva un punto rosso di sangue sopra, fra le ali. L’impressione è stata che qualcuno gli avesse “tirato” con una carabina. L’ho segnalato ad un operatore di Sistema Ambiente.

    RISPONDI
  • Admin
    10 maggio 2011, 19:52

    @Alice. Brava, prova un po’ a spostar dei piccioni. Sai che fanno? Tornano!
    Mai sentito parlar di piccioni viaggiatori? credi che fossero forniti di mappa della destinazione? No, semplicemente “tornavano” istintivamente al loro luogo di origine.

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com