Doppio appuntamento per chiudere la stagione di danza del Giglio

Doppio appuntamento per chiudere la stagione di danza del Giglio

LUCCA, 14 aprile – Un doppio appuntamento chiude la stagione di danza del Teatro del Giglio. Domenica 17 aprile, con inizio alle ore 21, ultimo appuntamento  della Stagione di Danza del Teatro del Giglio con la compagnia Junior Balletto di Toscana. In programma “Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia, chi vuol esser lieto sia, del doman non v’è certezza”, coreografie di Arianna Benedetti ed Eugenio Scagliano, e “Duetto inoffensivo”, coreografie di Mauro Bigonzetti. 

La compagnia giovanile Junior Balletto di Toscana, diretta da Cristina Bozzolini con la collaborazione di Silvia Chirico in qualità di maître de ballet ed assistente alle coreografie, costituisce la struttura produttiva di tirocinio professionale della Scuola del Balletto di Toscana. Riconosciuta e parzialmente sostenuta dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze, rappresenta una qualificata occasione di debutto sulle scene, con modalità rigorosamente professionali, sia artistiche che tecniche ed organizzative, per un selezionato organico, mediamente di 16/18 elementi, giovani danzatori “under 20” di promettente talento, espressione dei livelli qualitativi dei corsi superiori di formazione professionale del Dipartimento Danza classica e del Dipartimento Danza modern-jazz e contemporanea della Scuola del Balletto di Toscana, a conferma delle eccellenti capacità formative di quella che è una delle migliori e più innovative scuole italiane di danza, con un “palmarés” di oltre 70 propri ex allievi, professionisti in carriera, in importanti corpi di ballo, compagnie e gruppi di danza in Italia ed in Europa. Con chiarezza propositiva il programma artistico richiama la linea culturale, impressa nella cronaca e nella storia della danza italiana degli ultimi decenni, dalla mitica formazione del Balletto di Toscana, sempre guidata da Cristina Bozzolini, con l’affermazione del primato della coreografia e della danza pura, articolata per linee trasversali in una pluralità di linguaggi espressivi, dal neo-classico al contemporaneo, al modern-jazz ed all’hip-hop, sempre valorizzata dalla creatività sia di autori di grande prestigio, nazionale ed internazionale, che emergenti di sicuro talento.

Arianna Benedetti ed Eugenio Scigliano, che firmano le coreografie in apertura di spettacolo per Quant’è bella giovinezza..., danno ‘corpo e anima’ agli immortali versi di Lorenzo il Magnifico grazie ai meravigliosi danzatori dello Junior Balletto di Toscana. Il lavoro procede per quadri, richiamandosi ai singoli versi laurenziani; e se Arianna Benedetti traduce nel linguaggio del corpo “Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia” e collabora con Eugenio Sciliano per “Chi vuol esser lieto sia”, la chiusa finale “…del doman non v’è certezza” è tutta di Scigliano.

La prima parte – Quant’è bella giovinezza… –  si apre in tono rinascimentale,  con tre coppie che richiamano, nella lentezza del movimento, l’eleganza del gesto della società cortigiana; un delicato leitmotiv che torna a dare respiro al fraseggio disarticolato, frenetico e parossistico con cui – anche nella scena che mima il gioco del basket – si intende rappresentare la condizione dei giovani di oggi e la loro difficoltà ad accettare il fuggire della giovinezza. 
In Chi vuol esser lieto sia  la musica cinquecentesca dello spagnolo Antonio De Capezon accompagna la presenza di un ottetto femminile pieno di grazia.

L’ultimo verso della Canzona di Bacco  – …del doman non v’è certezza –  diventa per il coreografo Scigliano emblema della contrapposizione tra singolo e gruppo, solitudine e moltitudine, violenza e dolcezza.

L’ultima coreografia in programma è firmata da Mauro Bigonzetti, oggi tra i più acclamati e richiesti coreografi sulla scena internazionale, e si intitola Duetto inoffensivo, passo a due femminile su musica di Gioachino Rossini: un’ autentica gemma coreografica di danza contemporanea, che Bigonzetti ha tratto da “Rossini cards”, tra le sue più felici creazioni per l’Aterballetto (la prestigiosa Compagnia che dirige dal 1997) e donata allo Junior BdT. Bigonzetti con questa coreografia esprime, in termini astratti ed emozionali, il profondo intreccio di complicità tra due giovani donne accomunate da un identico destino.

Biglietti da 10 a 30 euro. Info e prenotazioni: Biglietteria del Teatro del Giglio, tel 0583 465320, e.mail biglietteria@nullteatrodelgiglio.it.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com