Il restauro si fa in diretta: una storia a lieto fine

Il restauro si fa in diretta: una storia a lieto fine

LUCCA, 8 marzo – In un’Italia in cui si investe poco nella cultura e nelle Belle Arti, si è acceso un barlume di speranza grazie ad un gruppo di sponsor lungimiranti: di solito i quadri vengono restaurati per essere esposti, invece, per la prima volta, una mostra è stata organizzata per restaurare i quadri.

Il Polittico di San Domenico, e il Polittico di Ponteranica di Lorenzo Lotto sembravano destinati a un lento e inesorabile degrado, perchè, per quanto la Sovrintendenza volesse intervenire, nessuno sponsor era disposto a finanziare il recupero di un’opera che non li ripagasse in visibilità.

E così è stata organizzata alle Scuderie del Quirinale la mostra intitolata “Lorenzo Lotto”, aperta fino al 12 gugno: una mostra che quindi non è solo la più imponente monografica dedicata a questo grande artista del Cinquecento veneziano, ma anche – e soprattutto – un’opera di salvataggio in extremis.

I restauri, finanziati da Enel, Bnl e Fondazione Credito Bergamasco, sono costati 700mila euro, e si svolgeranno nei 3 mesi di apertura della mostra, così che il pubblico possa assistere in prima persona.

Fra le opere esposte le pale d’altare del Lotto (provenienti da Lombardia, Veneto e dalle Marche) e anche alcune opere di soggetto profano: il Trionfo della Castità, il Ritratto di Andrea Odoni, e altre opere dall’estero (Berlino, New York, Canada)

Insomma, si tratta di una storia a lieto fine, che speriamo possa essere d’esempio.

Lorenzo Lotto

mostra a cura di Giovanni Carlo Federico Villa
catalogo Silvana Editoriale

2 marzo – 12 giugno
Scuderie del Quirinale (Roma)

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com