Jafar Panahi: colpevole di cinema per i focus di Ezechiele questa settimana al cinema Italia

Jafar Panahi: colpevole di cinema per i focus di Ezechiele questa settimana al cinema Italia

LUCCA, 7 marzo – Una prima visione ed un focus questa settimana ad Ezechiele. Si inizia domani sera (martedì 8 marzo) alle 21,30 al cinema Italia con “American Life” di Sam Mendes (Usa 2009, 98’) con John Krasinski, Maya Rudolph.
Colti di sorpresa dalla notizia che i genitori di lui si trasferiranno per due anni in Europa, Burt e Verona, che stanno insieme da tempo e aspettano il primo figlio, decidono di mettersi in viaggio in cerca di un sostegno e di un luogo ideale dove trasferirsi. In giro per tutta l’America incontrano parenti, amici dei tempi del college, varia umanità, e toccano con mano il loro modo di vivere, di essere madri e padri, di rapportarsi con i figli, di essere o meno ‘famiglia’. Su questa coppia e  sul  figlio che sta per nascere, su dove nascerà e in quali ambienti crescerà, il copione disegna a poco a poco il ritratto dell’America contemporanea, dei suoi strappi esistenziali, delle ferite interiori, delle incertezze e della voglia di non arrendersi, perché la vita si rinnova.

Mercoledì 9 marzo per i focus di Ezechiele, “Jafar Panahi: colpevole di cinema”. Alle 18 proiezione de “Il Cerchio” (Iran, 2000, 91’), alle 20 di “Il palloncino bianco” (Iran, 1995, 85’) ed alle 22 “Oro rosso” (Iran 2005, 93’).
Jafar Panahi, regista iraniano, viene arrestato il 2 marzo 2010 per la partecipazione ai movimenti di protesta contro il regime del suo paese. Dopo la mobilitazione delle organizzazioni a difesa dei diritti umani e del mondo del cinema a livello internazionale, viene rilasciato su cauzione il 24 maggio dello stesso anno. Il 20 dicembre 2010 Panahi viene condannato a 6 anni di reclusione: gli viene inoltre preclusa la possibilità di dirigere, scrivere e produrre film, viaggiare e rilasciare interviste sia all’estero che all’interno dell’Iran per 20 anni. Colpevole solo di cinema, come dichiara Panahi nella bellissima lettera testimonianza che troverete integralmente al cinema. Questo nostro omaggio, oltre che la nostra solidarietà al regista iraniano, vuole essere un inno alla libertà di espressione artistica e culturale, in ogni parte del mondo. 

Info: 3477377003, www.cineforumezechiele.com

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com