Massarosa: l’amministrazione comunale approva il regolamento sulle sagre

Massarosa: l’amministrazione comunale approva il regolamento sulle sagre

MASSAROSA (Lucca), 22 Dicembre – Approvato ieri pomeriggio dal consiglio comunale di Massarosa, con 13  voti favorevoli, 2 contrari e 1 astenuto, il regolamento sulla disciplina delle sagre.

“Il regolamento – spiega l’assessore alle attività produttive Federico Pierucci – ha come finalità primaria quella di  garantire la promozione del territorio locale a livello turistico, culturale e ambientale, garantendo i valori sociali legati all’associazionismo culturale, ambientale, politico e tutelando nel contempo anche le attività di ristorazione ed economiche  locali. E’ stato un lavoro faticoso ma necessario per dare un segnale positivo sia alle associazioni  di volontariato che ai nostri imprenditori, cercando di mediare le esigenze di due categorie con  finalità diverse”.

“Dopo avere fatto la mappatura delle sagre esistenti (15), abbiamo suddiviso il territorio – prosegue l’assessore – in due zone: la zona 1, che ricade in centri abitati ad alta densità di abitanti e la zona 2, a bassa densità abitativa e zona extracentro abitato.  A seconda che le sagre ricadano in  una di queste due zone, nel periodo dal primo aprile al 31 ottobre, lo sfruttamento dell’area potrà avere durata diversa: nella zona 1 ventuno giorni e ogni sagra non potrà durate più di 15 giorni consecutivi. Nella zona 2  sessanta giorni e ogni sagra non potrà avere durata superiore a 15 giorni consecutivi o non consecutivi  Le sagre dovranno essere intervallate da un periodo di almeno 1 giorno  e non potranno durare complessivamente più di tre settimane per le sagre frazionate. Per le sagre frazionate (che si svolgono ad esempio nei fine settimana) che si svolgeranno nei mesi di aprile-maggio e giugno sarà possibile derogare dal limite  prolungando fino a 4 settimane, rimanendo salvo i periodo di durata massima di 15 giorni”.

Altro punto importante del regolamento -spiega ancora l’assessore – è  quello che andrà ad incidere  sul tipo di alimenti che sarà possibile somministrare, che dovrà  rispettare lo spirito della valorizzazione dei prodotti del territorio con un menù tipico al quale si potranno aggiungere altri 3 menù, pizza o un altro piatto a scelta tra primo e secondo. Non saranno più possibili prenotazioni di posti riservati e sarà vietata la  somministrazione di alcolici a minori.

“Questo regolamento – conclude Pierucci – va a colmare un vuoto normativo che esiste da decine di anni  e nello stesso tempo  realizza un buon punto di equilibro tra istanze e richieste estremamente diverse. Siamo fiduciosi nella buona riuscita della sua applicazione, pronti a valutarne gli effetti e ad  apportare eventuali miglioramenti in corso di  applicazione”.

2 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

2 Commenti

  • Admin
    1 dicembre 2011, 15:04

    vi scrivo per protestare con le sagre in prossimità di abitazionicome come alla Gulfa.E poi non scrivo altro perchè tanto no lo pubblicate.

    RISPONDI
  • Admin
    1 dicembre 2011, 15:11

    Caro Dal Torrione ha tutta la mia solidarietà!

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com