Dylan Dog: l’anteprima italiana del film a Lucca Comics 2010?

Dylan Dog: l’anteprima italiana del film a Lucca Comics 2010?

LUCCA, 20 luglio – Il film ispirato a Dylan Dog, che negli anni ha attraversato le più svariate disavventure tanto che i tempi di realizzazione si sono prepotentemente dilatati, potrebbe essere presentato in anteprima proprio a Lucca nei giorni del Comics & Games. A dirlo è Gilbert Adler, produttore di Dead of Night, in un’intervista raccolta da Carlo Alberto “Deboroh” Montori e pubblicata su Comicus.

“La convention a San Diego e quella a Lucca in autunno sono la nostra fan base – ha dichiara Gilbert Adler a Montori – e vogliamo davvero che quelle persone amino il film e dicano a tutti di andarlo a vedere. Vi racconto una storia divertente sulla fiera lucchese…”. E così Adler parla di quando lui e sua moglie, concluse in Germania le riprese di Valkyrie con Tom Cruise, decisero di trascorrere una vacanza a Lucca, città in cui abita anche il produttore Patrick Lumb. “Abbiamo anche pensato che fosse abbastanza vuota come città” aggiunge. “Poi, la mattina successiva, siamo scesi giù per far colazione, e ad un tavolo molto lungo stavano mangiando tantissime persone, tant’è che abbiamo pensato: Ma da dove viene tutta questa gente?. Sembravano tutti ragazzi di diciannove o vent’anni. […] Mia moglie poi ha iniziato a parlare con una delle persone sedute accanto a lei, e un ragazzo ha detto: Quindi lei è qui per la fiera?, e io ho chiesto: Che fiera?. E mia moglie ha detto: No, siamo qui solo in vacanza, ma probabilmente lei conosce mio marito, che ha prodotto Superman Returns. E questo giovane ragazzo proveniente dal Sud Italia l’ha guardata e ha chiesto: Oddio, si tratta di John Peters o di Gilbert Adler? […] Da quel momento siamo stati onoratissimi a Lucca, abbiamo parlato con un gruppo di ragazzi e ci siamo divertiti tantissimo. […] È stato molto interessante vedere il modo in cui queste persone fossero interessate non solo ai fumetti, ma sapessero tanto anche su Superman e Dylan Dog”.

Ed è forse per tutte queste ragioni che l’anteprima italiana di Dylan Dog: Dead of Night potrebbe essere programmata proprio nei giorni di Lucca Comics & Games 2010. Del resto gli organizzatori della manifestazione avevano aperto la trattativa con la casa di produzione già un paio di anni fa. “Ne avevamo discusso a lungo, anche con Bonelli. E stavamo definendo alcuni dettagli” ricorda Giovanni Russo, responsabile dell’area Comics. “Inizialmente pensavamo di proiettare una preview del film. E stavamo discutendo anche della possibilità di avere a Lucca l’attore protagonista. I lunghi tempi di lavorazione, poi, non hanno facilitato la chiusura di certi accordi. Ma ora che il film sta per uscire e tutto è più definito, beh, significa che è giunto il momento di lavorarci su…”.

Sono più di dieci anni che si parla di un film dedicato a Dylan Dog. La Miramax avrebbe acquisito i diritti e la regia sarebbe stata affidata a Breck Eisner. L’idea per il titolo, già allora, era Dead of Night. E questa è una delle poche cose che, a distanza di così tanto tempo, sono rimaste invariate.

Successivamente si è fatto il nome di David R. Ellis. Il regista di Snakes on a plane, Cellular e Final destination 2 avrebbe dovuto girare anche l’adattamento di Dylan Dog. Notizia inizialmente riportata anche dal ricco archivio di “The Internet Movie Database”.

La regia della trasposizione cinematografica del personaggio creato da Tiziano Sclavi è stata poi affidata a Kevin Munroe, director e sceneggiatore di TMNT (Teenage Mutant Ninja Turtles, 2007). A interpretare l’indagatore dell’incubo è invece l’attore Brandon Routh (nato nell’ottobre 1979 in Iowa, è noto soprattutto per un’altra interpretazione di ispirazione fumettistica, quella in Superman Returns di Bryan Singer, 2006).

Munroe, che avrebbe dovuto girare per la Weinstein Company il film Gatchaman, ha rinunciato a questo lavoro per dedicarsi esclusivamente a Dylan.

La sceneggiatura è stata curata da Thomas Dean Donnelly e Joshua Oppenheimer, mentre le riprese sono state realizzate fra Toronto, Londra (Hyde Park) e la Louisiana. La produzione (Platinum Studios, cui si sono aggiunte l’Hyde Park Films e Long Distance Films) per quest’opera ha messo a disposizione ben 35 milioni di dollari. Un budget più che sufficiente per una pellicola di stampo hollywoodiano.

E’ ovvio che Dead of Night sarà un film ben diverso da Dellamorte Dellamore (Michele Soavi, 1994) tratto dall’omonimo romanzo di Tiziano Sclavi (quello che ha apparentemente “ispirato” la creazione del più noto indagatore; ma qualcuno lo nega con forza). In quell’occasione fu Rupert Everett (la somiglianza fisica con Dylan Dog è sorpendente) a interpretare il protagonista Francesco Dellamorte. Per chi non l’ha visto, questo è senz’altro un film da guardare. E il libro, seppur non straordinario, per gli appassionati è senz’altro un libro da leggere.

Dylan Dog (distribuito negli USA dalla Dark Horse Comics) non ha mai ottenuto grandi successi all’estero. Forse l’uscita di questo film potrebbe stuzzicare gli appetiti dei lettori americani di fumetti e permettere all’indagatore di Craven Road una nuova vita oltre il confine. 

5 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

5 Commenti

  • Admin
    20 luglio 2010, 14:46

    ganzo… spero che le cose siano fatte come si deve perché spesso ci sono annunci faraonici e poi, a conti fatti, si resta col cerino in mano.

    RISPONDI
  • Admin
    20 luglio 2010, 23:33

    In questo film non ci sarà groucho marx perchè non si potevano permettere i diritti, non sarà ambientato a londra perchè il budget non permetteva di girarlo fuori dall’america, il maggiolone sarà nero perchè quello bianco è di proprietà della disney, non ci sarà Bloch ne Morgana, Xabaras, Lilly, Cagliostro, Scotland yard…
    Forse sarebbe stato meglio non ci fosse stato nemmeno Dylan Dog.

    Un personaggio di questo spessore si meritierebbe piu’ di un B movie. Probabilmente si meriterebbe una riedizione in inglese per essere apprezzato all’estero!

    RISPONDI
  • Admin
    20 luglio 2010, 23:53

    MA si sentiva davvero la mancanza di un film come questo?

    RISPONDI
  • Admin
    21 luglio 2010, 09:11

    ti sei dimenticato di dire senz’altro 🙂

    RISPONDI
  • Admin
    21 luglio 2010, 16:36

    aspettiamo a giudicare.
    magari non è male. nonostante tutto.

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com