Coordinamento “Bookcrossing” Lucca (Maria Pacini Fazzi e LoSchermo.it)

Coordinamento “Bookcrossing” Lucca (Maria Pacini Fazzi e LoSchermo.it)

LUCCA, 23 maggio – Saranno i libri, da oggi, a trovare i loro lettori, non viceversa. Maria Pacini Fazzi Editore e Lo Schermo.it lanciano infatti il “Bookcrossing” in città. Già da questo momento, infattim, sulle panchine delle Mura urbane di Lucca sono stati “liberati” i primi libri a disposizione dei passanti, che potranno segnalare il “tracciato” del libro (ossia da chi è stato preso, dove, oltre al quando e dove “rilasciato”) aggiungendo un commento a questo specifico articolo interno alla nostra rubrica letteraria SegnaLibro.

Il Bookcrossing è un movimento mondiale, e consiste nella liberazione di libri allo scopo di poterne seguire il viaggio attraverso i commenti di coloro che li ritrovano.

LoSchermo.it (nella rubrica SegnaLibro) è il quotidiano online che – nella declinazione lucchese del movimento – renderà possibile tutto questo, mettendo in relazione persone e libri ogni giorno. Qui il libro viene schedato e sarà poi possibile sapere dove è stato lasciato, regalato, dimenticato.  

Oggi pomeriggio, sulle panchine delle Mura, saranno lasciati alcuni volumi della casa editrice lucchese a disposizione dei passanti.

Su ognuno di essi sarà apposta un’etichetta che spiega l’iniziativa e che rimanda all’indirizzo del nostro quotidiano online in cui, chi lo vorrà, potrà lasciare il suo commento sulla pubblicazione, il luogo e il giorno del suo ritrovamento e quello del suo abbandono.

I libri inizieranno così un viaggio, le cui tappe sono indissolubilmente legate agli spostamenti di chi troverà il volume, lo leggerà, e poi lo riconsegnerà all’avventura di un nuovo lettore, comunicandone la nuova ubicazione. 

“Condividere, del tutto gratuitamente, è la parola d’ordine del bookcrossing – spiega Francesca Fazzi, co-titolare della casa editrice che mette i libri a disposizione –. Chi ritrova il libro lasciato in libertà può registrarne il ritrovamento sul sito de Lo Schermo, e seguire il percorso del libro. Può aggiungere un commento in modo che chi lo ha rilasciato sappia che fine ha fatto il libro. Dopo averlo letto può rilasciarlo nuovamente in libertà su una panchina, su un treno, in un bar ecc. La libertà di gestione di un libro è totale”.

Questi i primi volumi che verranno “liberati”: 

Anna Cucchi, Memorie di una lettrice; Francesca Duranti, Manuale di Conversazione, né rissa né noia; Rita Borsellino, Fare Memoria. Per non dimenticare e per capire; Paolo Buchignani, Santa Maria Dei Colli; Andrea Consorti, L’uomo che uccise l’olandese volante; David Plante, L’Annunciazione; José Cura – Serenella Gragnani, Giù la maschera; Graziano Maffei, L’Utopia di Markus; Luciano Del Pistoia, Il giardino delle statue di sale; Michela Duce Castellazzo, Il gioco del Caso; Domenico Manzione, Lost Dog. Delitto con dubbio castigo; Rossana Giorgi Consorti, Pietre dure a colazione; Fabio Baroni, Carnaria; Fabio Baroni, Il libro murato; Jacopo Corso Cresti, Le latitudini dello stupore; Bernardo Pianetti della Stufa, L’Anima nello scaffale; Mario Giannini, L’ultima guerra; Giorgio Marchetti, Il diario di pierin luchese….

23 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

23 Commenti

  • Admin
    23 maggio 2010, 16:43

    finalmente una iniziativa concreta… Bravi tutti!

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 08:32

    Ottima iniziativa
    Un plauso.

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 09:20

    Un’iniziativa davvero lodevole ed interessante! Complimenti!!!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 09:40

    troppo sodo!
    chi ha trovato il diario di pierin lucchese lo segnali qui e soprattutto dica vole lo lascia. eh eh eh.

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 11:44

    ach, averlo saputo prima avrei presidiato le mura…

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 11:52

    Ieri, (23 maggio) all’interno dell’Orto botanico ho trovato sulle panchine insieme ad altri, il volume “Chiara Matraini. Poetessa lucchese” di Daniela Marcheschi. Un libro che ho trovato interessante e che parla di questa poetessa, nostra concittadina, vissuta alla metà del ‘500. Una figura molto particolare, una vita e una produzione letteraria divisa fra sacro e profano. In copertina il suo ritratto nella tela, conservata al Museo Nazionale di Villa Guinigi che raffigura la Sibilla Cumana e che Chiara Matraini commissionò all’artista Alessandro Ardenti. Una figura di donna e di letterata davvero notevole. Un contributo alla storia e alla letteratura delle donne (ma la Matraini ebbe anche un forte legame con la musica) oltre che a quello della conoscenza della nostra città. Il libro è breve (150 pagine in piccolo formato) e sarà mia cura portarlo già da oggi pomeriggio al Castello di Porta San Pietro (davanti ai Lucchesi nel Mondo). Spero di poter scambiare opinioni con lettori e soprattutto con LETTRICI.

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 12:53

    Ieri (domenica 23 maggio) su una panchina delle Mura di Lucca ho trovato “Lucida degli Specchi”, di piero nannini.e’ il racconto per un vero e proprio spettacolo teatral-musicale basato sulla storia di Lucida Mansi, la “dark lady” lucchese, vissuta a Lucca nel Rinascimento.Una versione davvero originale della celebre leggenda lucchese. Assolutamente da leggere! Lo lascerò domattina su una panchina di piazza napoleone. Attendo i vostri commenti!!!

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 13:39

    DAVVERO una BELLA INIZIATIVA
    io ho trovato paesi della mi’ tèra di Cesare Viviani. Ma l’ho preso all’Orto botanico, non sulle mura, che ieri pomeriggio era aperto gratuitamente.
    non lo vedo nell’elenco dei libri
    per ora solo una veloce scorsa, ma mi sembra
    bellino assai, veramente lucchese e di morto ganzo!
    …penso ci metterò un paio di giorni per finirlo..poi vedremo dove lo lascerò. Forse sulle mura, forse in città…

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 14:14

    Beh, iniziativa lodevole, non c’è che dire ma non starei a gridare a tutta questa novità..
    Fahrenheit di Radiorai lo promuove dal 2002 il Passalibro/bookcrossing..con modalità diciamo molto simili (un accenno o anche solo una citazione non sarebbe stata sgradita;)
    A Lucca, città dove gratis non ci si passa neanchè il raffreddore, direi che è un passo avanti quello di arrivare a scambiarci libri. Basta che in breve non si esauriscano le copie-perchè Dante è morto ma a pigliare son tutti bravi-e soprattutto che l’iniziativa non rimanga solo un’operazione per svuotare il magazzino MPF.

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 14:19

    animavagula, sei stato/stata veloce.

    … di pierin lucchese ancora nessuna traccia?

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 17:39

    Sono molto contenta che questa iniziativa sbarchi anche a Lucca, l’avevo sperimentata con piacere in altre città, talora nelle stazioni di metropolitana. Spero presto di “assaggiare” uno dei testi e di “scambiarlo”.

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 20:20

    Anche per me liniziativa è lodevole e trovo divertente partecipare a questo club di lettori curiosi e incuriositi.
    Io ho trovato il romanzo santa maria dei colli di Paolo Buchignani. Un poetico racconto di memoria. La guerra e la fatica del quotidiano raccontato sulluscio di casa, alla fonte, nei campi, sul ponte e tra le corti di santa maria a colle. Appena finito dirò dove lo lascio e vi auguro di trovarlo. Sono stata anche allorto botanico e mi complimento con la signora che ha presentato i libri ai bambini. Brava!

    RISPONDI
  • Admin
    24 maggio 2010, 20:36

    Finalmente se ne parla anche a Lucca!! Volevo liberare qualche mio libro, ma non l’ho mai fatto per paura che finisse in un cassonetto! 😉

    RISPONDI
  • Admin
    25 maggio 2010, 00:39

    c’è tutta una discussione su chi sia il primo a Lucca ad aver lanciato il Bookcrossing… si dice che il Sercambi nel ‘300 lasciasse in giro per la città cospie delle sue novelle…. francamente mi sembra una questione da cortile di provincia. Visto che fino a ora queste esperienze pregresse che oggi saltano fuori improvvisamente sono state dei sonori fiaschi auguro a Maria Pacini Fazzi e allo Schermo di coronare con il successo la loro bella iniziativa.

    RISPONDI
  • Admin
    25 maggio 2010, 08:39

    Sarà pure questione di lana caprina, ma non definirei un “sonoro fiasco” il bookcrossing “ufficiale” (quello che si basa sul sito mondiale http://www.bookcrossing-com) perché oltre 8 milioni di libri viaggianti in tutto il mondo sono una realtà non certo trascurabile.
    E, per rispondere al commento di Mirco, a sua volta Fahrenheit si è ispirato allo stesso bookcrossing originale, che risale al 2001.
    Comunque sia: ben vengano sempre e comunque le iniziative che “mettono in movimento i libri”, questa è la cosa fondamentale (anche se trovo sempre “uno spreco” che non si appoggino al sito BC.com, che consente di seguire il viaggio dei libri sempre e ovunque, grazie al numero di codice che li accompagna e che li rende tracciabili: liberare i libri è bellissimo, ma altrettanto bello è sapere dove si trovano e leggere i commenti di chi li trova).

    RISPONDI
  • Admin
    25 maggio 2010, 09:34

    intendevo sonoro fiasco a Lucca, non certo nel resto dell’orbe terracqueo.

    RISPONDI
  • Luca Franceschini
    Admin
    25 maggio 2010, 15:14

    Io ho trovato domenica all’Orto Botanico il libro “Ursolina la Rossa e altre storie. Inquisitori e streghe tra Lucca e Modena nel XVI secolo” di Oscar Guidi. Per ora ho letto solo poche pagine, commenterò con maggior precisione in seguito, e ovviamente comunicherò anche dove lo lascerò! 😉

    RISPONDI
  • Admin
    26 maggio 2010, 13:00

    ho finito
    Paesi della mi’ tera (poesie vernacole)
    di cesare viviani.
    Allora: non mi considero un esperto del genere (e la parlata lucchese non la conosco poi così a fondo), ma il libro è carino e, almeno se uno è lucchese, è divertente e si lascia leggere. divertente soprattutto riconoscere i posti e vederli con gli occhi di una volta..il tutto accentuato dal vernacolo.
    diciamo che è un libro che consiglierei volentieri!!!
    lo lascerò oggi pomeriggio sulle mura dal lato di porta s.pietro.

    RISPONDI
  • Admin
    26 maggio 2010, 20:08

    “Ilaria del Carretto, La donna del Guinigi” quando pensi di averle sentite tutte ti smentiscono.
    Basterà dire che non è una noiosa ricostruzione storica e dubito che le informazioni, qui raccolte da Neria De Giovanni, siano a conoscenza di tutti.
    Pensateci. Lo lascerò sulle mura su una panchina vicino all’orto botanico.

    RISPONDI
  • Admin
    27 maggio 2010, 22:18

    domani lascio “santa maria dei colli” al baluardo s.colombano.
    fatemi sapere….

    RISPONDI
  • Admin
    28 maggio 2010, 08:05

    @la pimpa: non sto nella pelle…
    ma è il bookcrossing delle edizioni della Maria Pacini Fazzi?

    RISPONDI
  • Luca Franceschini
    Admin
    31 maggio 2010, 10:42

    Finito!
    come ho scritto qualche giorno fa lascerò “Ursolina la rossa e altre stiorie” su una panchina delle mura urbane (probabilmente zona Porta Elisa)… pioggia permettendo…
    commento: leggetelo!!!

    RISPONDI
  • Admin
    31 maggio 2010, 15:30

    Finalmente ho letto “il diavolo predicatore” che ho trovato interessante oltre che divertente. L’ho recuperato il 23 maggio scorso all’orto botanico e, prima di cederlo al prossimo sconosciuto lettore, mi sono permessa di aggiungere, nella copertina interna, il mio nome e la data e il luogo di ritrovamento per una eventuale ed immediata tracciabilità del percorso che mi auguro sia lungo. Complimenti per l’iniziativa!

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com