Sessanta euro per manifestare: i vigili di Lucca fanno pagare i comitati dei familiari delle vittime di Viareggio

Sessanta euro per manifestare: i vigili di Lucca fanno pagare i comitati dei familiari delle vittime di Viareggio

LUCCA, 29 marzo – Sessanta euro per l’occupazione del suolo pubblico, pagati in anticipo. E via tutti gli striscioni di protesta. E’ stata questa la surreale accoglienza data questa mattina alle 9 dalla città ai familiari e agli amici delle vittime del disastro ferroviario di Viareggio, presenti di fronte alla Procura e in piazzale San Donato per manifestare la loro indignazione per il fatto che, a nove mesi dall’incidente, non ci siano ancora iscritti al registro degli indagati.

Secondo un vecchio detto toscano, al “danno”, insomma, si è aggiunta “la beffa” per queste persone che tutto meriterebbero tranne di doversi preoccupare delle norme formali di accesso al centro storico cittadino.

Fortunatamente a risolvere l’imbarazzante situazione e a calmare i comprensibili malumori è intervenuto il sindaco di Viareggio Luca Lunardini che, una volta messo a conoscenza dell’incredibile provvedimento, ha contattato telefonicamente il primo cittadino lucchese Mauro Favilla risolvendo la gaffe messa in atto dalla Polizia municipale e permettendo ai manifestanti di esporre i loro striscioni e manifesti.

“Senza però restituire i sessanta euro pagati in anticipo per un gazebo di 16 metri quadri”, come ha raccontato a LoSchermo.it Andrea Maccioni, uno degli organizzatori dell’iniziativa.

Una campagna, quella iconografica scelta, volutamente e giustamente dura, che utilizza le immagini delle vittime come denuncia dell’immobilismo di un sistema ormai incapace non solo di tutelare la salute dei cittadini, ma anche di render loro giustizia di fronte a una tragedia di tali proporzioni in termini di perdita di vite umane.

“Ucciso”, “Uccisa”, “Ucciso”. Si legge stampato in rosso sulle foto di neonati, donne e uomini arsi nell’inferno del 29 giugno 2009.

“Chi sono i colpevoli?”, gridano i manifesti. Ancora non ci è dato saperlo, però intanto il suolo pubblico andava pagato.

Povera Italia.

28 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

28 Commenti

  • Admin
    29 marzo 2010, 12:28

    una vergogna, una autentica vergogna! gli stessi che quando fanno le multe prima guardano che la macchina non sia dell’assessore! rivoluzione!!!!!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 12:32

    ma che si vergognino e inizino a mostrare un po’ di rispetto per il dolore di queste persone!!!

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 12:34

    che figura INDEGNA per la città di Lucca!da lucchese chiedo scusa senza riserve dell’operato della polizia municipale da me stipendiata e manifesto qui tutto il mio imbarazzo e la mia vergogna….roba da pazzi!

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 12:43

    a questo ormai siamo ridotti??!!ha ragione lo schermo:POVERA ITALIA!!

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 12:46

    Il suolo pubblico si paga, c’è poco da fare, e lo si paga per legge: e i cittadini comuni (ma, ormai, solo loro) devono sottostare alla legge. Se poi a questo principio si somma l’insensibilità e l’ottusità (meglio: la non-umanità) di molti amministratori e appartenenti alla polizia municipale (e non solo), la frittata è servita.

    Un’altra pagina da (non) dimenticare. E comunque, parlare di “gaffe” mi pare riduttivo.

    Stiamo lentamente arrivando a un aperto conflitto stato-cittadini. Non credo sia una buona cosa per nessuno.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 13:05

    oh ma che volete, questa è solo gente che chiede giustizia per delle vittime innocenti, mica commercianti che devono incassare soldi! se erano commercianti allora si chiudeva un occhio sui parcheggi selvaggi, come viene fatto dai vigili quando ci sono i comics o altre manifestazioni. mi piacerebbe però sapere chi è il mandante perchè scusate, sarò romantico, ma non ci credo che un vigile urbano possa essere tanto stolto da andare di sua iniziativa a fare una figura di merda del genere che ridicolizza una volta di più la città di lucca.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 13:21

    Riguardo al “mandante” non so ancora che dire: ma i vigili in questione, dismessa la divisa, stasera e nelle notti a venire, dovrebbero interrogarsi a lungo sul senso di obbedire a qualsiasi ordine. Ci vogliono i coglioni per opporsi e rischiare il posto, lo so. Ma ogni tanto bisogna tirarli fuori, perché qua si va oltre la “figuretta” e la “stoltezza” di un vigile. Parlerei di vicenda ridicola se i suoi risvolti non fossero così tragici e inquietanti.

    Non vorrei che il paragone suonasse fuori luogo, ma nel nostro passato abbiamo esempi ancor più eclatanti di cosa si ottiene con l’obbedienza cieca e incondizionata, e ahimé abbiamo ancora sotto gli occhi e nelle orecchie i comodi “obbedivo agli ordini” di ufficiali e sottufficiali nazisti. La responsabilità individuale di fronte a Dio (per chi ci crede) e di fronte agli altri uomini resta.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 14:35

    le leggi devono essere uguali per tutti, non vedo quale sia il problema…

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 15:05

    Forse, Giorgio, il problema è che le frasi fatte sono puttanate. Intendo: che la legge sia uguale per tutti è un principio che trova sempre meno attuazione nella realtà. E questo è un fatto, oltre che un problema (se riesci a vederlo, e sennò più che consigliarti un buon oculista non so che fare).

    Se questa vicenda non ti turba in alcun modo, se trovi normale che i vigili vadano lì, chiedano 60 euro (legittimamente, siamo d’accordo), chiedano la rimozione degli striscioni (legittimamente? non credo) e che in capo a un’ora il sindaco debba fare marcia indietro, scusarsi, e insomma sentirsi chiamato in causa al punto da intervenire personalmente, beh, hai qualcosa che non va, oltre alla vista.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 15:14

    Ci sono delle leggi e vanno rispettate ,non vedo il problema e non capisco la polemica.
    Le associazi onlus quando chiedono il suolo pubblico lo pagano,le associazioni per la ricerca su tutti i tipi di malattie lo pagano,quelle per la difesa degli animali lo pagano.Eppure sono tutti gazebi o banchetti meritevoli,quindi dove è il problema.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 15:53

    Che tristezza.Ma che ci vogliamo aspettare da i vigili urbani?Ridicoli cani da guardia messi a veglia di un feretro che risponde (purtroppo) al nome di Lucca.
    Le leggi non saranno mai uguali per tutti,caro “giorgio”.Se così fosse qualcuno avrebbe già pagato per questa orribile tragedia.Chi ha perso amici o familiari,ridotti ad un segno scuro sull’asfalto bollente,avrebbe il diritto di pretendere giustizia ben oltre che con striscioni e sit-in di protesta.
    Le tue parole di circostanza se le porta via il vento.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 16:07

    Trattati come la casetta del mulino bianco!!!

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 16:24

    L’importante è parlare e ricordare questa tragedia, senza farla diventare l’Ustica sui binari.
    Se dopo nove mesi non c’è ancora nessun iscritto nel registro degli indagati c’è da preoccuparsi sul serio.

    Mettiamoci anche la miopia e la stupidità di un Comune che corre solo dietro al quattrino, senza pensare nulla d’altro e il quadro è completo.

    Provo schifo per tutto quello che è accaduto a partire da quella maledetta notte.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 16:35

    @giorgio
    Devo correggerti…..Associazioni no profit ecc. che non hanno quindi fini commerciali NON pagano il suolo pubblico (sono esonerate dal pagamento, ma devono avere l’autorizzazione comunale). La manifestazione dei familiari delle vittime di Viareggio, pensaci, è tutta un’altra cosa….Possibile che i vigili non abbiano sentito il dovere di sentire qualcuno più in alto (dirigente o facentefunzione o assessore)? O hanno applicato apposta la regola con i paraocchi x mandare un messaggio proprio lì più in alto dove il dirigente non c’è perché è stato ‘comandato’ altrove per un lungo periodo?
    Un’altra prova dello sbando di questa Amministrazione…già definita la peggiore dal dopoguerra!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 18:13

    Non ci sono parole per commentere ciò che è accaduto stamani a Lucca,e giustamente portato a conoscenza della popolazione Lucchese.I vigili urbani,avranno fatto “giestamente”il loro dovere,perchè comandati,ma mi sento di appoggiare in pieno quanto detto da Cojones,certi ordini andrebbero discussi prima di metterli in atto.Chi li ha impartiti si dovrebbe veramente vergognare , dovrebbe riflettere se il posto che stà occupando gli sia consono.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 18:41

    …Atroce, l’ordine di far togliere gli striscioni… 🙁

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 22:34

    Chi per incuria o per fare i suoi interessi ha causato la perdita di 32 vite umane, dorme fra quattro guanciali (in nove mesi neanche un avviso di garanzia), in compenso la “giustizia” è solertissima verso i parenti delle vittime che protestano contro questo sconcio. Davvero non c’è limite al peggio.

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 22:39

    perché viene chiamato “Suolo Pubblico” se poi pubblico non lo è?
    mi immagino la scena… uò!! quanti siete?… un fiorino!
    …ma quando usciremo dal medioevo?

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 22:51

    il problema è che c’è modo e modo di comportarsi! altro che garbo!
    Le cafonaggini sono tipiche dei cafoni, come disse il grande Gump : STUPIDO E’ CHI STUPIDO FA!

    RISPONDI
  • Admin
    29 marzo 2010, 23:09

    Non ci posso credere…. a cosa arriva la pochezza umana..

    Certo ci vuole proprio una faccia come il **** per andare a chiedere il pagamento del suolo pubblico ai parenti delle vittime del disastro ferroviario.

    Non riesco neanché a pensare come ad una persona normale venga in mente una cosa del genere.

    Come lucchese non posso che chiedere umilmente scusa per questo gesto ignobile, fatto da persone che agiscono in nome del mio Comune.

    RISPONDI
  • Admin
    30 marzo 2010, 11:31

    mi sono sempre chiesto perchè noi lucchesi non siamo molto simpatici al resto della toscana poi succedono questi fatti ed allora capisco.

    RISPONDI
  • Admin
    30 marzo 2010, 22:06

    anch’io, da lucchese mi vergogno non poco per questa insensibilità dei nostri vigili e mi domando: ma lo fanno per essere piu ganzi di quegl’altri e andare a tutti i costi sul giornale? Ma che gli insegnano a questi vigili quando fanno i corsi di aggiornamento?

    RISPONDI
  • Admin
    30 marzo 2010, 22:19

    La polizia municipale che si comporta in tal modo,…ricordano i “bravi”, di manzoniana memoria.
    Inqualificabile, ingiustificabile; una sola parola può efficaciemente descriverli: MISERABILI, loro e chi li ha comandati.

    RISPONDI
  • Admin
    31 marzo 2010, 01:22

    Tutta la mia solidarietà a queste persone la cui pazienza ha dell’incredibile: io al loro posto non ce la farei a tollerare questi trattamenti con civiltà, in quanto incivili.
    E pensare che ai vertici nazionali abbiamo gente che invoca di non pagare le tasse e si permette di aggirare le leggi ad ogni buona occasione.
    FATE SCHIFO. L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LUCCA E’ INDECENTE.

    RISPONDI
  • Admin
    31 marzo 2010, 09:16

    Solidarietà ai manifestanti ed indignazione per il comportamento dell’amministrazione comunale di Lucca che dimostra cinismo e insensibiltà.
    VERGOGNA!!!!!

    RISPONDI
  • Admin
    31 marzo 2010, 11:18

    Il Comitato vittime di Viareggio ha ritirato nella giornata di venerdì il permesso per loccupazione di suolo pubblico per 18 metri quadri, per lallestimento di un gazebo, come da loro richiesto e avvenuto regolarmente, secondo quanto previsto nel regolamento comunale, nessuno infatti aveva presentato alcuna richiesta di esenzione o gratuità. La Polizia Municipale è intervenuta poi con un controllo ordinario perché la manifestazione si è svolta vicino ad un seggio elettorale, al solo scopo di verificare che non si intralciassero le operazioni di voto in corso e, nel rispetto delle normative, che non vi fossero scritte a sfondo politico. E poi stato chiesto di spostare uno striscione che era stato legato ad un palo adiacente al comando della PM, cosa che i manifestanti hanno eseguito in piena calma e spirito collaborativo. Non risponde quindi assolutamente al vero che siano stati fatti togliere gli striscioni e non è assolutamente compito dei vigili urbani rilasciare o riscuotere i pagamenti del suolo pubblico.

    RISPONDI
  • Admin
    31 marzo 2010, 12:19

    @Ufficio Stampa del Comune di Lucca

    Ma allora cosa è successo? Qualcuno s’è inventato tutto?

    E in ogni caso, non sarebbe stato meglio, per principio e a priori, concedere a questa particolarissima manifestazione il libero uso a titolo gratuito del suolo pubblico (a questo punto mi domando perché chiamarlo ancora suolo pubblico, se il comune intasca 60 euro di gabella per una manifestazione del genere)?

    E ancora: visto che c’eravate, era difficile dotare l’area di un temporaneo gabinetto chimico?

    Infine: se tutto viene fatto solo “come da regolamento” perché da nessuna parte sta scritto che si deve talvolta usare il cervello per supplire alle carenze normative, come pretendete di evitare situazioni simili?

    RISPONDI
  • Admin
    31 marzo 2010, 14:08

    vai Remo! ottimo intervento. Non esiste più comportarsi da “esseri umani”, adesso sono diventati tutti aziende, intendono governare la vita tra regole e i divieti. L’ignoranza non sa proporre altro.
    Poveri noi, sono i degenerati a comandare!

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com