Pareggio esterno per la Lucchese sul campo della Juve Stabia

Pareggio esterno per la Lucchese sul campo della Juve Stabia

CASTELLAMMARE DI STABIA (Napoli) – Una Lucchese ancora sterile in attacco non riesce a superare la Juve Stabia e fare il salto di qualità in classifica. Primo tempo sottotono e ripresa convincente, gli attacchi rossoneri si infrangono sui pali e nelle parate di Milan. Troppe punizioni da posizione favorevole concesse dai difensori di Braglia agli avversari.

Risultati e classifiche serie C1 e C2 – nona giornata

Juve Stabia: Milan; Calà Campana (26’ pt Correale), Olorunleke, Di Berardino; Pisani, De Rosa, Affatigato, Rizza; Caputo; Fusco (56’ st Longobardi), Peluso. A disp. Trini, Marzocchi, Fanelli, Esposito, Sabatino. All. Capuano (squal. in panchina Esposito)

Lucchese: Gazzoli; Nocentini, Morello, Bolzan; Bonfanti (46’ st Dei), Briano, Bono (70’ st De Simone), Zanetti; Cipolla, Bellè (55’ st Zizzari), Masini. A disp. Castelli, Azizou, Bertolini, Renzetti. All. Braglia

Marcatori: 30’ pt Masini (L), 42’ pt Affatigato (JS)

Arbitro: Gambini di Roma

Ammoniti: Caputo (Js), De Rosa (Js), Nocentini (L), Morello (L), De Simone (L)

Note: Calci d’angolo 7 a 6 per la Lucchese.

Giornata freddissima a Castellammare di Stabia, col campo in sintetico che regge l’urto della pioggia ma rende la palla velocissima e difficilmente gestibile dai giocatori in campo e un fortissimo vento a disturbare le traiettorie.

Partita a due facce per la Lucchese di Braglia, che trova il vantaggio in un primo tempo giocato sottotono ma concede troppe punizioni da posizione pericolosa agli avversari che su una di queste trovano il pareggio. Nella ripresa forcing dei rossoneri che però non trovano la strada del goal.

Di fronte a pochissimi spettatori la prima occasione della partita arriva al 3′, con Masini, migliore in campo tra i rossoneri, che dal limite sfiora il palo della porta difesa da Milan; al 6′ la risposta della Juve Stabia con una punzione di Caputo bloccata senza difficoltà da Gazzoli. Al 16′ Caputo replica con un altro calcio piazzato che finisce di poco fuori, con Gazzoli apparso comunque sulla traiettoria. Poco prima era stato ammonito Zanetti per un brutto fallo sullo stesso Caputo. Al 25′ esce Calà Campana infortunato ed al suo posto entra Correale; l’esterno era stato adattato da centrale e per la Juve Stabia i problemi di organicano difensivo si accentuano.

Infatti al 30′ Masini in azione personale supera facilmente due avversari che stanno a guardare e dal limite scaglia un tiro che, deviato da Olorunieke, si insacca alle spalle di Milan.

La Lucchese, come già successo col Gallipoli, concede una quantità innumerevole di calci di punizione dalla trequarti agli innocui avanti gialloblù, così al 38′ Caputo sfiora nuovamente il palo su calcio da fermo. Un minuto dopo giallo per un fallo su De Rosa: gli stabiesi reclamano il rigore, l’arbitro concede una punizione dal limite. Dopo tre minuti di proteste Affatigato calcia e batte Gazzoli pescando l’incrocio, con Briano (non certo altissimo) che appostato sul palo non riesce ad liberare di testa.

Preso il goal la Lucchese si ricorda di mettere sotto pressione la disastrata difesa dei padroni di casa e si riversa in avanti, non andando però oltre a una punizione dal limite per atterramento di Bonfanti calciata da Bolzan: mischia in area, confusione e niente di fatto.

Squadre negli spogliatoi con un risultato di parità sostanzialmente giusto; la Juve Stabia ha prodotto di più ma la Lucchese, apparsa decisamente superiore, sembra non aver spinto sull’acceleratore, vanificando così un vantaggio ottenuto in modo fortunoso che poteva senz’altro essere gestito meglio.

Alla ripresa del gioco Dei prende il posto di Bonfanti per dare più sostanza al centrocampo in fase di contenimento. Al 55′, dopo dieci minuti di noia, Zizzari subentra a uno spento Bellé e si piazza al centro dell’attacco, con Cipolla che arretra per giocare più palloni. Al 63′ cross di Dei che inganna Milan e si infrange contro la traversa, con Zizzari e Masini che non riescono a ribadire in rete. La Lucchese spinge e un minuto dopo arriva al tiro con Masini: palla deviata in calcio d’angolo; calcia Bolzan ma Milan riesce a liberare.

La partita si infiamma, con la Lucchese che mette sotto pressione gli stabiesi collezionando calci d’angolo, su uno dei quali, calciato da Bolzan al 67′, Nocentini conclude sul palo; la Juve Stabia si difende e di tanto in tanto alleggerisce in contropiede, su uno dei quali, al 70′, Longobardi servito da Caputo manca d’un soffio la deviazione in rete. Risponde Cipolla dalla destra con la difesa campana che sventa; sulla ripartenza fallo di De Simone all’altezza del centrocampo e cartellino giallo per il rossonero, da poco in campo al posto di Bono. All’80’ è Bolzan che riesce ad arrivare al tiro, con Milan che vola e devia in angolo; due minuti dopo Zizzari dal fondo rimette al centro per Masini che da sottomisura non riesce a chiudere in rete. All’87’ discesa di Caputo e Peluso con Morello in affanno che libera in calcio d’angolo. Lo stesso Caputo poco dopo semina il panico nelle retroguardia rossonera con De Rosa che conclude e Nocentini che devia in angolo. Nell’occasione gli stabiesi reclamano un tocco di mano del difensore rossonero.

Rovesciamento di fronte e nuovo angolo per i rossoneri, con Cipolla che conclude e Milan che salva la porta gialloblù. La Lucchese si mantiene in avanti ma il goal non arriva e l’arbitro, dopo 4 minuti di recupero, decreta la fine dell’incontro.

Una Lucchese che non riesce dunque a fare il salto di qualità in classifica evidenziando i soliti problemi in fase realizzativa a dispetto della mole di gioco prodotta; bisogno di goal acuito anche dal fatto che la squadra subisce almeno una rete da cinque partite consecutive.

Abbastanza soddisfatto comunque Piero Braglia nel dopopartita: “Siamo stati bravi ad adattarci al campo. Abbiamo preso goal su punizione in un momento in cui dovevavmo gestire meglio la partita. Non so perchè Briano fosse sul palo, non lo facciamo mai in allenamento (poi Gazzoli dirà di avercelo messo vista la pericolosità dei calci piazzati di Affatigato, ndr). Nella ripresa abbiamo attaccato, ma abbiamo colpito i pali. La squadra mi è piaciuta, non abbiamo concesso molto alla Juve Stabia, che in questo momento è una squadra difficile da affrontare, e dobbiamo andare avanti; domenica abbiamo la massese, non è un derby, il derby a Lucca è contro il Pisa, faremo del nostro meglio per vincere“.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com