Le ‘vespe’ stabiesi il prossimo avversario della Lucchese

Le ‘vespe’ stabiesi il prossimo avversario della Lucchese

LUCCA – E’ l’anno del centenario per la storica compagine di Castellammare di Stabia che, fallita, nel 2001, è rapidamente tornata in serie C1 imponendosi lo scorso anno all’attenzione dei media guidata da Capuano, tornato in Campania dopo essere stato vicino anche alla Lucchese.

La curva dei tifosi stabiesi

E’ nato nel 1907 il calcio a Castellammare di Stabia, comune di circa 65.000 abitanti del tutto urbanizzato nell’area metropolitana di Napoli. Una storia centenaria che ha vissuto il suo apice calcistico con la promozione in serie B del 1951; un solo anno nella serie cadetta e poi tanta serie C e D, con qualche buon campionato di C1 negli anni ’90, con la serie B persa solo in finale contro la Salernitana nel 1995.

Poi, nel 2002, il fallimento e la ripartenza dall’eccellenza, con la serie C1 riconquistata in soli tre anni.

Per i tifosi che seguiranno la Lucchese si tratterà di una trasferta di circa 565 km, e potranno godersi la partita dalle tribune dello “Stadio comunale Romeo Menti”, un discreto impianto pensato per il calcio in grado di accogliere 7.600 spettatori, in attesa di essere messo a norma e tornare alla sua originaria capienza di circa 12.000 posti.

Il terreno è in sintetico ed il pubblico stabiese è notoriamente molto caldo, per quanto le presenze domenicali siano piuttosto risicate: una media di soli 1350 spettatori a partita quest’anno.

Del resto il ‘Romeo Menti’ è finora stato terreno di conquista per le squadre avversarie, visto che le ‘vespe’ hanno perso ben 3 dei 4 incontri casalinghi disputati.

Inizialmente affidata al tecnico Rigoli, la Juve Stabia dopo un avvio disastroso ha richiamato mister Eziolino Capuano, il tenace allenatore che lo scorso anno portò i gialloblù ad un soffio dai playoff e che, dopo essere stato a un passo dalla Lucchese, si era accasato alla Massese insieme a De Poli, prima che la coppia venisse rimossa dall’incarico anche dai bianconeri apuani.

Con Capuano alla guida il gruppo Campano, ancora a secco di vittorie ed all’ultimo posto in classifica, ha certamente fatto progressi, tanto che la scorsa domenica ha sfiorato la vittoria sull’insidioso campo di Lanciano.

Una squadra quindi data in salute a dispetto della classifica e che certamente vorrà evitare un’altra battuta d’arresto tra le mura amiche. Ma anche una squadra che deve essere alla portata di una Lucchese che ha necessità di vittorie per rendere la propria posizione in classifica consona alle ambizioni e al potenziale della squadra.

Non ci sono nomi di spicco nella rosa della Juve Stabia, che è un mix di giovani combattivi e vecchi marpioni della categoria, ma la società campana ha più volte dimostrato di avere l’occhio lungo sul mercato e Capuano sa tirare fuori il meglio dai propri ragazzi.

Probabile formazione:

Milan; Esposito, Olorunieke, Di Bernardino; Pisani, De Rosa, Affatigato, Cala’ Campana, Rizza; Caputo, Fusco. A disp.: Trini, Sabatino, Peluso, Longobardi, Marzocchi, Fanelli. All. Capuano (non può andare in panchina fino al 31 dicembre).

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com