Moschini: “Il Porta Elisa può passare di proprietà”

Moschini: “Il Porta Elisa può passare di proprietà”

LUCCA – L’assessore allo sport Lido Moschini risponde alle domande sul futuro del Porta Elisa e dell’area di San Donato. Il passaggio di proprietà tra comune e Lucchese dello stadio Porta Elisa sarà una delle prime cose in discussione nei prossimi giorni. Idea “Parco dello Sport” a San Donato.

Lido Moschini, assessore allo sport per il Comune di Lucca, è uno dei creatori della società Sporting Lucchese, operazione che, lo scorso anno, permise alla squadra rossonera di ricominciare dalla D evitando l’umiliazione della scomparsa del calcio da Lucca. Moschini si è sempre detto favorevole al progetto Nuovo Stadio a San Donato. Nel giorno della presentazione alla città della A.S. Lucchese Libertas 1905, risponde alle domande sul futuro del Porta Elisa.

 Assessore, visto l’ordine del giorno votato in consiglio comunale, cosa accadrà nei prossimi mesi al Porta Elisa? Si realizzerà il progetto B proposto dalla Sporting Lucchese a suo tempo?
Non è questo il primo passo. Nei prossimi giorni il primo passo sarà quello di creare un gruppo composto sia dai membri della Sporting Lucchese che dai tecnici del comune per valutare cosa si può fare, rispettando quanto deciso in consiglio comunale, poi si passerà al resto e ai progetti”

Giuliani ha annunciato che la Lucchese potrebbe diventare la seconda società in Italia con uno stadio di proprietà dopo la Juventus. Esiste la possibilità che il Porta Elisa passi dalle mani comunali a quelle della Lucchese?
Al momento il Porta Elisa per i cittadini ha un costo, lo ha sempre avuto, continua ad averlo e questi costi aumentano ogni anno come già ha ricordato il Sindaco, e questi non sono certo tempi di vacche grasse per le casse comunali, e gli interventi che andrebbero fatti dovrebbero essere proporzionali alla situazione finanziaria. Nei prossimi giorni vedremo se ci sono i presupposti per il passaggio di proprietà o se risulterà più indicata un’altra soluzione”

 Da tutta questa vicenda che comprende stadio, centri commerciali e cittadella dello sport, al momento pare che chi ci rimetta siano quelle società che avevano bisogno di nuovi impianti sportivi, o no?
“Che ci sia richiesta di impianti sportivi non c’è dubbio, e questa qua era una bella opportunità, credo che se fosse stato possibile condurre in porto la trattativa di San Donato molte società avrebbero avuto benefici. Giuliani è sempre stato molto chiaro sul fatto che non voleva andare avanti da solo, ma creare un concerto di interessi anche sportivi.

 Adesso si dovrà ridiscutere anche dell’area di San Donato. C’è qualche progetto in vista?
 ”I terreni di San Donato potrebbero ospitare un progetto che riguarda un “parco dello Sport” ovvero una serie di servizi e impianti sportivi, spogliando tutto il progetto della parte industriale, artigianale e commerciale. Nei prossimi mesi discuteremo di questo, vedremo se è possibile oppure no.”

Da circa un anno si parla anche di un nuovo campo da rugby per il Villaggio Rugby, questa possibilità è concreta?
Si è concreta, anzi noi stiamo aspettando di avere notizie dalla federazione per i finanziamenti. Ovviamente questa cosa non può portarla avanti il comune da solo, non ci sono le risorse, se arriveranno i finanziamenti dalla Federazione e dalla Provincia, tutti assieme potremo realizzarlo, da solo il comune non ce la fa.”

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com