Porcari: rassicuranti le analisi dell’aria nella zona della Sca Packing Lucca

Porcari: rassicuranti le analisi dell’aria nella zona della Sca Packing Lucca

PORCARI – Da un’analisi sulla qualità dell’aria effettuata dal dipartimento di Ingegneria Chimica dell’Università di Pisa, nella zona della Sca Packing Lucca in località Frizzone, sono emersi risultati rassicuranti. Le ricerche sono state effettuate sia prima che dopo l’inizio del funzionamento di unn uovo impianto di asciugatura. I dati raccolti dal dipartimento universitario sono in linea con quelli rilevati dall’Arpat, e definiscono “non rilevante” l’impatto ambientale del nuovo impianto dell’azienda di Porcari.

PORCARI – Rassicuranti i risultati dell’analisi della qualità dell’aria nella zona della cartiera Sca Packing Lucca, anche dopo l’inizio del funzionamento dell’impianto di asciugatura del pulper. Le analisi sono state portata a termine da parte del dipartimento di Ingegneria Chimica dell’università di Pisa, diretto dal Prof. Riccardo Tognotti.

Il Comune di Porcari aveva fatto esplicita richiesta che l’analisi delll’aria fosse fatta prima e dopo  la messa in esercizio dell’impianto per verificare eventuali effetti sull’ambiente. Nel frattempo Arpat ha provveduto a completare le procedure relative alla marcia controllata.
Dalla relazione consegnata dall’Università di Pisa risulta un quadro del tutto rassicurante e in linea con i risultati ottenuti da Arpat durante la marcia controllata; in particolare nella nota dell’università si legge: “Le concentrazioni di PM10 risultano molto simili a quelle misurate nelle altre postazioni della rete provinciale e il contributo dell’impianto della SCA Packaging alla qualità dell’aria si può considerare in media non rilevante.”

Siamo certamente tutti più sollevati – commenta l’Assessore all’Ambiente Franco Fanucchidopo essere venuti a conoscenza dei risultati della qualità dell’aria anche alla luce dei benefici ambientali in conseguenza della riduzione del numero di trasporti pesanti dalla cartiera agli impianti di utilizzo finali. Riteniamo che la disponibilità dimostrata dall’azienda a verificare l’impatto ambientale preventivo, sia un metodo da adottare anche in seguito per far si che le realtà industriali possano continuare a coesistere nel territorio senza pesare sull’ambiente e sulla salute dei cittadini.”

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com