Il coro “CittàLirica” chiama i sindaci di Lucca, Pisa e Livorno

Il coro “CittàLirica” chiama i sindaci di Lucca, Pisa e Livorno

PISA – Venerdì 16 gennaio 2009 alle ore 21,15, nella sala Titta Ruffo del Teatro Verdi di Pisa, il Coro Città Lirica presenterà un concerto con musiche di Puccini, Mascagni, Bellini, Verdi, Ponchielli tratte dal proprio repertorio, un concerto per dire ancora una volta “noi siamo qui” e richiamare l’attenzione degli amministratori locali su quello che fu il progetto di un’unica orchestra e un unico coro per i teatri di Lucca, Pisa e Livorno: progetto lasciato cadere nell’oblio.

Dopo il comunicato letto prima della messa in scena dell’opera Manon Lescaut al Giglio di Lucca alla fine di novembre, i 40 artisti del coro – dice Francesco Segnini rappresentante autonomo del Coro CittàLirica -, si sono impegnati per organizzare, con la sola forza della propria volonta,  non una manifestazione, non una protesta, bensì, come unicum nel panorama nazionale  un  invito,  volto ad ascoltare ancora e sempre musica, il fine ultimo delle rivendicazioni di qualsiasi artista che abbia a cuore le sorti di questa preziosa risorsa”.

Un concerto non contro ,dunque,  ma a favore della musica e del pubblico, partendo proprio dal Teatro Verdi di Pisa, esattamente come avevano annunciato “Un modo per far vedere che il coro esiste ancora – sottolinea Segnini – nonostante si tenti in tutti i modo di metterlo da parte, riappropriandosi del Verdi il primo teatro che ha ospitato la compagine CittaLirica Coro”. Tra la prima e la seconda parte dell’esibizione, sarà letta una lettera a commento delle immagini che verranno proiettate sullo sfondo, a sunto degli 8 anni di vita dell’unita compagine corale, che per il concerto non  percepirà alcun compenso, così come parteciperanno a titolo gratuito il Maestro ufficiale del coro Marco Bargagna, il soprano  Maria Billeri e la pianista Chiara Mariani a dimostrazione dell’assoluta mancanza di velleità in questo contesto.

A sostenere la causa  del coro Città Lirica interverranno inoltre, anche elementi ormai non più facenti parte del coro stesso, ma che in esso hanno mosso i primi passi e per il quale mantengono ancora un legame d’affetto e di stima. Si dispiacciono i coristi che avrebbero voluto poter offrire un concerto ad ingresso libero poiché ci sarà un biglietto di  10 euro per coprire almeno in parte i costi, dal momento che il presidente Sergio Cortopassi ha chiesto al coro un contributo per la sala di 650 euro + iva, ma sembra che l’ obbiettivo principale adesso sia quello di ripianare i conti.

Invitati i sindaci di Pisa Lucca e Livorno ed i dirigenti della Regione e dei tre teatri che nel 1997 diedero il via al progetto Città Lirica mandati inviti anche ad assessori con i quali Segnini ha stretto un rapporto di stima e alacre lavoro. Sarebbe a questo punto necessario l’incontro dei tre presidenti di quegli stessi teatri per tornare all’originaria ”matrice Città Lirica”, lasciando da parte gli antichi rancori, dal momento che si è resa palese l’impossibilità di produzioni autonome.

L’unica arma e, forse, la più terribile, è la buona volontà e la voglia di fare” sostiene Francesco Segnini rappresentatnte non sindacale con delega ai rapporti con gli enti locali e la Regione Toscana come interlocutore privilegiato “Poiché l’Orchestra Città Lirica ha scelto una strada che ci ha costretti ad una scissione,  sarebbe auspicabile l’iterazione con l’Orchestra Regionale Toscana, che aleggia da mesi ma non è ancora definita, secondo un’idea nata all’interno del coro e grazie ai finanziamenti degli enti locali, potrebbe rinascere una realtà che mantenga inalterate le graduatorie, l’alchimia e lo spirito che hanno caratterizzato gli otto anni di attività del coro“.

CittaLirica Coro chiama a gran voce i tre Sindaci per definire la situazione con Assessore Regionale Cocchi con ORT che sembra ormai vicina ad una svolta. I Sindaci hanno il dovere di dare delle risposte, salvaguardare un bene artistico e umano che coinvolge le tre città e non possono sottrarsi alla responsabilità di esprimersi chiaramente su quanto sta accadendo.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com