Riapre la strada provinciane 56 ‘di Valfegana’

Riapre la strada provinciane 56 ‘di Valfegana’

VALFEGANA –  Sarà riaperta al transito veicolare dalle prime ore di domani, mercoledì 21 febbraio, la strada provinciale n. 56 della Valfegana nel tratto compreso tra la località “Fontanone” e il rifugio Casentini.

 

La Provincia di Lucca, infatti, così come aveva preannunciato nelle scorse settimane il presidente Luca Menesini, ha dato il via libera alla riapertura della storica via Ducale modificando l’ordinanza di chiusura adottata nel dicembre scorso e riducendo il divieto di transito alla sola zona compresa fra il Rifugio Casentini (km 22+100) ed il passo a Giovo (km 28+600). Il divieto di transito avrà validità fino al prossimo 15 aprile, salvo proroghe dovute al prolungamento delle condizioni invernali. Per il tratto oltre il rifugio Casentini potranno essere rilasciati eccezionali permessi di transito, debitamente documentati e motivati, subordinati a specifiche condizionati e previo utilizzo di idonei mezzi. Nel tratto della sp 56 della Valfegana compreso fra la località Fontanone (km 14+500) e il Passo a Giovo (km 28+600), la Provincia ha istituito il limite di velocità a 10Km/h con validità permanente.

 

La riapertura della strada provinciale – auspicata soprattutto dagli albergatori della zona montana preoccupati per le eventuali ripercussioni sulle presenze di escursionisti e amanti del trekking – è stata resa possibile solo grazie all’impegno congiunto degli enti interessati e all’accordo sottoscritto dalla Provincia, dall’Unione dei Comuni della Mediavalle e dai Comuni di Coreglia Antelminelli e Bagni di Lucca, attraverso cui sono stati ripartiti i compiti e gli interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza.

Proprio gli aspetti legati alla sicurezza avevano indotto la Provincia a chiudere un tratto della strada provinciale n. 56 a dicembre, alle soglie della stagione fredda e con alcuni tratti di carreggiata non in perfette condizioni.

Soddisfatto il presidente della Provincia Menesini: «La situazione che si era creata non era di facile risoluzione – commenta – ma grazie al buon senso di tutti gli amministratori interessati e alla collaborazione fattiva siamo riusciti nel raggiungimento dell’obiettivo comune che era la riapertura della strada provinciale per garantire la stagione invernale e primaverile dei rifugi e delle altre strutture della zona. L’accordo tra enti sottoscritto nelle scorse settimane è la dimostrazione che quando c’è la volontà politica i problemi si risolvono. Ringrazio per questo il sindaco di Coreglia, Valerio Amadei, e il primo cittadino di Bagni di Lucca, Paolo Michelini. Il via libera alla riapertura poteva anche arrivare prima ma le operazioni di spalatura neve e di messa in sicurezza hanno richiesto il tempo necessario».

Da segnalare, infine, visto che la stagione invernale è tutt’altro che conclusa, che la Provincia ha installato appositi cartelli che invitano gli automobilisti alla prudenza e al rispetto dei limiti di velocità vigenti, mentre è stato rifornito del sale antigelo il magazzino provinciale di Maltagliata per garantire la percorribilità della strada.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter

Creocoworking