Terzo appuntamento per la rassegna “Chi è di scena! San Girolamo 2018” con “La Vedova scaltra”

Terzo appuntamento per la rassegna “Chi è di scena! San Girolamo 2018” con “La Vedova scaltra”

LUCCA – Venerdì 9 marzo 2018 alle ore 21:15, per la rassegna “Chi è di scena! San Girolamo 2018” al Teatro San Girolamo la Compagnia Teatro Studio porta in scena “La Vedova scaltra” commedia di George Deval ispirata “La Foresta” di Aleksandr Nicolaevic Ostrovskij.

 

Lo spettacolo
La Foresta scritta nel 1871 è insieme a Uragano il migliore lavoro di Ostrovskij e lo colloca con pieno merito tra i fondatori del teatro naturalistico russo insieme a Gogol e Griboedov, un teatro popolare caratterizzato da una forte vena satirica e perciò colpito spesso dalla censura. Mentre Čechov più tardi metterà in scena una società ormai vicina al baratro con personaggi malinconicamente impotenti, questi autori si trovano a scrivere in un tempo nel quale nobili e mercanti hanno ancora saldamente il potere nelle loro mani, così i loro personaggi, in particolare in Ostrovskij quelli femminili, devono lottare strenuamente contro ingiustizie e vetero consuetudini.

 

Ne “La Foresta”, in modo assolutamente originale egli contrappone ai rappresentanti della classe dominante un attore tragico e ne fa il suo portavoce; quest’attore, accompagnato da un comico molto meno sensibile, sconvolgerà quel piccolo mondo di ricchi borghesi contrapponendo ai loro valori materiali la bellezza e la verità dell’arte reclamando per il Teatro piena dignità e attribuendogli una missione salvifica impensabile per quel tempo. Ma “La Foresta” è soprattutto una bella storia d’amore, un amore molto contrastato, in difesa del quale una giovane si oppone con coraggio e passione alla prepotenza della zia, una ricca vedova che vive immersa esclusivamente nel proprio ego, avara di soldi e di cuore nei confronti del prossimo ma pateticamente generosa nelle sue smanie amorose verso un giovane arrampicatore sociale.

 

L’attualità della commedia sta nel proporre l’eterna lotta tra gli esseri umani per l’affermazione di sentimenti e valori che non hanno tempo, il suo valore drammaturgico è frutto della modernità del linguaggio e dell’intensità dei dialoghi così come del disegno accurato di tutti i personaggi, nessuno marginale in un quadro scenico che si connota con i colori del dramma per le tensioni che esplodono nei rapporti interpersonali ma che non disdegna le note brillanti e grottesche. “La Foresta”, non inganni il titolo, qui non è il luogo dei richiami naturalistici bensì il simbolo di una società cupa arroccata nei propri privilegi, sorda e cieca al nuovo che avanza ma nelle visionarie parole dell’attore tragico che chiudono il testo pare già di udire il rumore dei colpi d’accetta dei rivoluzionari che raderanno al suolo quella foresta e quella società.

 

PERSONAGGI / INTERPRETI
Rajssa Pavlovna Grurmyzskaja / Mariella Dessena
Aksinja Danilovna / Mariacristina Impagnatiello
Ghennadij Nescastlivzev / Claudio Andreotti
Arkadij Scastlivzev / Silvia Parenti
Aleksej Sergeevic Bulanov / Alessandro Pingitore
Ivan Petrov Vosmibratov / Massimiliano Barsotti
Piotr Vosmibratov / Valerio Marino
Karp / Giuseppe Nannini
Ulita / Paola Mencarini
Evgenij Apollonyc Milonov / Filippo Cascini
Uar Kirylic Bodaev / Francesco Cosci

 

Scena: Alessandro Meozzi
Costumi: Lab.T.S
Tecnico luci: Salvatore Lardieri
Regia di ROBERTO BIRINDELLI

 

Il prossimo appuntamento della rassegna:
Venerdì 16 marzo 2018, ore 21:15
Compagnia Teatro dell’Accadente
“Chi ha paura di Virginia Woolf?” di Edward Albee

 

Informazioni di contatto
Per informazioni e prenotazioni, si può contattare Rita al numero 320/6320032 o alla casella di posta elettronica fitalucca@nullgmail.com.
Ingresso € 8,00

 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter

Creocoworking