Tenta il suicidio in carcere: salvato dalla polizia penitenziaria

Tenta il suicidio in carcere: salvato dalla polizia penitenziaria

LUCCA – La Polizia penitenziaria ha salvato un detenuto di 30 anni che ha tentato di impiccarsi nella propria camera detentiva. A renderlo noto è l’organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria

 

E’ stato grazie all’intervento tempestivo di un agente che il giovane detenuto non portasse a compimento il proprio gesto suicida, nel giorno in cui la Corte di Appello di Firenze pare lo avesse condannato a circa 10 anni.

 

Tornato nella casa circondariale di Lucca, dopo circa un’ora, l’uomo ha tentato di mettere in atto il gesto suicida.

 

«Siamo orgogliosi – dice l’associazione sindacale – della Polizia penitenziaria che, seppure in condizioni operative sempre più critiche e disagiate e con sempre un minor numero di agenti in servizio, come ribadito nei giorni scorsi dal segretario generale dell’Osapp, Leo Beneduci, riesce con spirito di iniziativa fuori dal comune a salvare vite. Vogliamo portare fuori dalla mura di cinta ciò che l’opinione pubblica ad oggi non conosce perché nessuno racconta».

 

21 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

21 Commenti

  • Diazepam
    4 giugno 2018, 23:00

    Stratagemma per usufruire " amorevoli coccole" da qualche psichiatra psicologo

    RISPONDI
  • Gina
    5 giugno 2018, 11:47

    Sono tentativi per richiamare attenzione e basta . .e cercare di andare medicheria o in ospedale psichiatria…poi avere vari benefici e riguardi

    RISPONDI
    • Paola Soncini @Gina
      5 giugno 2018, 18:25

      MI PARE CHE SU QUESTI ATTI CI SIANO APPREZZAMENTI FACILI, RISPETTO AI QUALI POSSO DIRE CHE PRIMA DI SCHERZARE SU CERTE COSE BISOGNEREBBE ALMENO DOCUMENTARSI

      RISPONDI
  • Fax
    6 giugno 2018, 13:41

    Ci siamo documentati….molto

    RISPONDI
  • Gina Giannotti
    6 giugno 2018, 22:21

    Vergognoso fare battutine su una persona che tenta il suicidio, che oltretutto neanche sappiamo chi sia
    Ma cosa avete in testa? Ma ragionate prima di scrivere? Siete da denuncia!
    Mi viene in mente quella famosa frase di Umberto Eco sull’uso di internet…

    RISPONDI
  • AMMONIO
    7 giugno 2018, 00:43

    Ma non vi VERGOGNATE??? non sapete chi sia questa PERSONA e state lì fare commentini idioti!! Se vi toccasse, magari ingiustamente, a restare qualche mese in galera fareste meno ironia a buon mercato! Ringrazio la Polizia Penitenziaria per aver salvato questa PERSONA cui auguro di ricostruirsi una vita. Non so se leggerai mai queste cose, ma TIENI DURO. Hai 30 anni, la vita non è finita!

    RISPONDI
  • dante
    7 giugno 2018, 16:52

    invece voi altri che date per scontato che sia un vero tentativo di farsi male che siete i portatori della verita’? SAPETE quantio ce ne sono che trovano scuse o si tagliuzzano o fanno evidenti tentativi furbi per non stare in carcere ???? ma poi vengono sgamati e sono i soliti personaggi ? in carcere ci si deve stare se hai fatto reati tali da meritarlo senza sconti e senza scherzetti del genere che fanno perdere tempo al personale ed al pronto soccorso , e cari benpensanti casi del genere per attirare attenzione ce ne sono ogni giorno.

    RISPONDI
  • GENY
    7 giugno 2018, 21:18

    MA CHE discorsi…..tutti sanno tutto !!! e’ verosimile sia un tentativo di attenzionare , la maggior parte dei tentativi suicidi sono per richiamare attenzione guardate le statistiche ; mica qui nessuno ha detto che non doveva essere salvato ??? sI DICE SOLO CHE LA MAGGIOR PARTE di chi tenta il suicidio in carcere, spesso lo fa per ottenere benefici dagli psichiatri. La maggior parte non tutti.SONO DATI

    RISPONDI
  • AMMONIO
    8 giugno 2018, 01:31

    DANTE, Lei per caso si "tagliuzza"? Ma scusi, c’è mai stato in galera?!? La galera è UN BRUTTO POSTO, chi è fuori e fa congetture idiote dovrebbe, almeno una volta, entrare là dentro. GENY, la maggior parte dei tentativi di suicidio, dice Lei, sono per attirare attenzione. E allora? Non le sembra che tentare il suicidio per attirare attenzione sia una cosa DRAMMATICA??? Ha mai tentato Lei il suicidio?!? A leggere i suoi discorsi sembrerebbe che tentare il suicidio sia una specie di giochino. Una cosa tipo prendere dieci caffè prima della visita militare per esser riformato.

    RISPONDI
    • Francesca@AMMONIO
      8 giugno 2018, 09:51

      I tentativi suicidio li fanno anche con esito i comuni cittadini che lavorano senza Rubare perdendo lavoro o altri casi sfortunati ma non meritano articoli o gente che ne parli…..ogni giorno in ospedale arrivano donne uomini che soffrono non certo occorre il carcere per capire cosa sia il problema.Ma fa più scalpore….come se il carcere desse addirittura una scusante in più rispetto a chi non è dentro le 4 mura per reati

      RISPONDI
  • CHOCKFAST
    8 giugno 2018, 13:14

    Non credo che in gattabuia ci si vada "per sorteggio", checchè ne dicano le truppe buoniste alla AMMONIO maniera.

    RISPONDI
  • AMMONIO
    10 giugno 2018, 01:31

    CHOCKFAST, Le dice nulla il nome di Enzo Tortora?? Mi sa che l’avevano sorteggiato.

    FRANCESCA, il fatto che si suicidino anche le persone che sono fuori dal carcere non cambia il fatto che il tema dei suicidi in carcere debba essere affrontato e che le persone che sono in carcere debbano starci COME COSTITUZIONE COMANDA. Non come cani.

    RISPONDI
    • Gigino @AMMONIO
      10 giugno 2018, 11:16

      1 su 10 miliardi, ma mi faccia il piacere! Chi delinque deve andare dentro, starci e piglià quel che viene, così la prossima volta ci pensa! Io sono per le galere medievali, vedresti righerebbero dritto!!

      RISPONDI
      • Frx@Gigino
        10 giugno 2018, 12:58

        Ma scusate che deve essere un carcere ? Un centro benessere che inviti a delinquere per avere un posto?…ok hai tentato suicidio mi dispiace…ma resti in carcere.

        RISPONDI
    • CHOCKFAST@AMMONIO
      10 giugno 2018, 15:15

      Siamo sotto scacco di una criminalità (micro e macro) sempre più feroce, ed il buonista AMMONIO tira fuori UN errore giudiziario di trent’anni fa.

      Cosa gli vuoi rispondere? è disarmante, avvilente

      RISPONDI
  • AMMONIO
    11 giugno 2018, 04:32

    GIGINO, chi va dentro deve starci e piglià quel che la LEGGE dispone. In caso contrario, come dice Lei si torna al medioevo e se si torna al medioevo in galera, prima o poi si torna al medioevo anche fuori. Le leggi valgono in galera come valgono fuori. Questo è lo stato di diritto, il medioevo non mi interessa. Ci torni Lei se vuole, IO NO.

    FRX, un carcere deve essere quello che la Costituzione stabilisce un carcere sia. PS nessuno ha scritto che chi tenta il suicidio debba uscire. Magari esser portato all’ospedale per esser curato se ciò è necessario. Il carcere di San Giorgio non ha un centro clinico, per cui, se ti fai male vai all’ospedale.

    CHOCKFAST, quello che Lei dice non è vero. Le statistiche dicono che la criminalità è in costante diminuzione. Per esempio in occasione della recente festa dei Carabinieri è stato comunicato (e regolarmente censurato o tralasciato da molti organi di stampa) che anche in provincia di Lucca i reati sono IN CALO. La smetta dunque con il delirio securitario; tale delirio si basa su INVENZIONI.

    RISPONDI
    • Gigino@AMMONIO
      11 giugno 2018, 08:41

      Perché, non siamo tornati già indietro?! Il carcere non deve essere un albergo, pane, acqua e lavoro coatto, deve essere un deterrente, non una pensione! E basta con questa filosofia da uichipedia!

      RISPONDI
    • xanax@AMMONIO
      11 giugno 2018, 13:08

      IN CARCERE sono molti quelli che prendono medicine per ansia depressione etc e sono curati in carcere ;al san giorgio caro lei ci sono medici ed un turno di infermiere FISSO con medicheria che passano a dare terapie ( depressione / diabete / pressione alta / etc ) ogni essere umano in carcere e’ anche dotato di un corpo fisico e mentale e prende terapie disparate come fuori dal carcere ; se ogni persona che ha una patologia qualsiasi non dovesse stare in carcere sarebbe VUOTO e quindi chi ha una qualsiasi terapia potrebbe essere libero ?? Che ragionamenti sono ?…RIPETO il carcere di LUCCA ha medici e infermieri a turno 24 ore , psichiatri a richiesta , psicologi, educatori , ed altre figure professionali dedicate a diverse attivita’.QUINDI la smetta lei di dire cose trite e ritrite ; sei depresso stai in carcere e vieni curato in carcere, con le stesse cure e medici di chi e’ libero, spesso anzi con una priorita’ immediata in quanto a colloqui psichiatrici, o medico internisti.

      Poi in alcuni casi ci sono tentativi di suicidio, come nella vita reale ma che qui a differenza della vita fuori sono trattati immediatamente come in questo caso.E ci sono pure carcerati che sfruttano tale espediente ( non in questo caso non potendolo sapere ) per svariati motivi , attirando attenzione, come chi ingolla lamette od altri materiali, non sempre e’ indice di malessere vero .

      E questi detenuti sono curati , serviti e riveriti con mille attenzioni , poi certo che la LIBERTA’ e’ bella e sacrosanta , meglio del carcere !

      RISPONDI
  • mambuto
    11 giugno 2018, 13:10

    e difatti al SAN LUCA esiste una cella di sicurezza dove ci vanno i detenuti , per poi dopo esser stati curai TORNANO al SAN GIORGIO ; ultimammente usata per vari detenuti immigrati molto ma molto aggressivi.

    RISPONDI
  • Croso
    11 giugno 2018, 16:39

    Il carcere dovrebbe essere solo una scelta volontaria altrimenti un altra pena tipo mangiare di meno

    RISPONDI

.

Newsletter

Creocoworking