SiAmo Lucca sull’assenteismo in Comune: ‘Servirebbe un serio approfondimento’

SiAmo Lucca sull’assenteismo in Comune: ‘Servirebbe un serio approfondimento’

LUCCA – «La buona gestione del personale non fa rima con l’assessore Raspini. Ai disastri avvenuti negli ultimi anni alla polizia municipale, si aggiunge ora il risultato di un’indagine del Sole 24 Ore, che pone il Comune di Lucca nella top ten delle amministrazioni capoluogo dove è maggiore l’assenteismo dei dipendenti».
Lo sottolinea in una nota la lista civica SìAmoLucca, commentando l’indagine svolta dal Sole 24 Ore.

«Sempre più attento all’immagine che alla sostanza – prosegue la lista in una nota -, Raspini ha pure il coraggio di andare sui giornali a giustificare circostanze e numeri. Mentre nel precedente mandato arrivò addirittura ad augurarsi che il concorso per comandante dei vigili urbani venisse vinto, come poi avvenne, da Stefano Carmignani (senza parlare di come è stata gestita male la fase in cui lo stesso ormai ex comandante è finito sotto inchiesta prima per l’uso improprio dell’auto d’ufficio e poi per altre vicende di molestie) ora con dichiarazioni alla stampa in perfetto stile politburo (l’organismo dirigente del partito comunista dell’Unione Sovietica), si affretta a dichiarare che la questione dell’assenteismo degli impiegati che ci proietta nelle prime posizioni nazionali (malattie, permessi, congedi e ferie) sarebbe legata solo al fatto che l’età media del personale è alta e il ricorso ai permessi legati alle legge 104».

 

Per SiAmo Lucca sembra abbastanza semplicistico «ridurre tutto ad una valutazione del genere, sapientemente annacquata nello stesso giorno dalla notizia che ci saranno nuove assunzioni, per altro doverose a causa dell’aumento imponente della percentuale di turn over nel 2017 e nel 2018. Noi crediamo che il problema possa essere più ampio».

 
Quello che sarebbe necessario per la lista civica di opposizione è una valutazione ad ampio raggio: «Sicuramente c’è una forte demotivazione del personale del Comune di Lucca – aggiunge la lista civica – nemmeno legata alla voglia di non impegnarsi sul posto di lavoro, quanto a un disorientamento per il meccanismo delle promozioni e della distribuzione dei carichi di lavoro. Già durante la campagna elettorale avevamo avuto modo di denunciare una sorta di campagna di intimidazione verso chi non era allineato politicamente, abbinata ad una mancata valorizzazione delle professionalità e allo scarso confronto con le organizzazioni sindacali. Certe statistiche, anziché la saccenza tipica dell’assessore Raspini, dovrebbero richiedere semmai un approfondimento. Perché il funzionamento della macchina comunale è di fondamentale importanza per il funzionamento dei servizi“.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online

Twitter