SìAmo Lucca: ‘Dov’è la condanna del sindaco e del Pd per il rave della sinistra antagonista?’

SìAmo Lucca: ‘Dov’è la condanna del sindaco e del Pd per il rave della sinistra antagonista?’

LUCCA – «Il sindaco Tambellini e il centrosinistra, che gridano sempre al pericolo fascista, avranno parole di condanna anche per la sinistra antagonista che si è resa protagonista di questo grave gesto? Oppure se si tratta di persone della loro area politica va tutto bene?».
A chiederselo è la lista SìAmoLucca, dopo la devastazione provocata dai giovani della sinistra antagonista lucchese alla Casina Rossa.

 

 

«Non abbiamo sentito ancora una voce polemica nei confronti dell’occupazione e del raid – spiega la lista civica – e questo conferma che il centrosinistra lucchese usa due pesi e due misure a secondo della convenienza politica. Un fatto grave, che testimonia ancora una volta come il Pd in primis e tutte le altre forze dello schieramento, chiudano gli occhi quando a combinare guai siano forze riconducibili alla loro area. Un atteggiamento che disgusta, anche perché il centrosinistra è solito strumentalizzare sempre tutto e foderarsi gli occhi di prosciutto, salvo scatenare bagarre all’incontrario su temi inesistenti. Vogliamo ricordare che alle recenti elezioni amministrative il Pd in particolare ha agitato lo spauracchio fascista al governo della città, attraverso una serie di menzogne culminate nel video Facebook di due consiglieri regionali del Pd, dove attraverso immagini di repertorio pescate da altre città italiane, si paventava il rischio del ritorno alle cinghiate in piazza se a vincere le elezioni fosse stato Remo Santini. Una fake news colossale».

 
«Quindi siamo di fronte ad un centrosinistra che si macchia di scorrettezze cavalcando la situazione quando gli torna comodo per accordi inesistenti legati all’estremismo, e che al contempo propone mozioni in consiglio comunale contro le azioni dell’estrema destra – conclude la nota di SìAmoLucca – mentre invece si nasconde dietro un silenzio assordante su fatti ancora più gravi che invece arrivano dall’estremismo di sinistra, come quello della Casina Rossa. Per quanto si andrà ancora avanti in questo modo? Ecco un altro dei motivi per i quali il Pd sta perdendo anche quel briciolo di credibilità che gli era rimasta».

4 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

4 Commenti

  • AMMONIO
    13 dicembre 2017, 00:43

    SIMONE, non so cosa gli allegri compagni abbiano spaccato nel locale di Ponte San Pietro, ma se ci son migliaia di Euro di danni al proprietario importa. Per dire che il violare i beni di chicchessia è comunque grave, anche per far feste o cose del genere. Detto questo è abbastanza buffo vedere due schieramenti centristi (CENTRO sinistra e CENTRO destra) che si rinfacciano l’esser troppo teneri con gli estremisti delle due opposte fazioni. In verità entrambi i "centri" puntano a non perdere troppi voti sugli opposti estremi e al contempo sperano che i movimenti estremi dell’opposta sponda tolgano voti al centro loro antagonista. A Lucca per le elezioni comunali il giochino ha funzionato ai danni del Santini………..

    RISPONDI
  • Simone
    12 dicembre 2017, 13:40

    Sono due cose non paragonabili: una cosa è un ‘occupazione per farci una festa, criticabile e sanzionabile, come qualsiasi atto che va contro la legge. Altra cosa è entrare in un luogo altrettanto privato facendo apologia di fascismo, con un intento politico chiaramente intimidatorio, leggendo proclami nazisti e razzisti.
    Se i naziskin di Como, al di là di quello che si può pensare di loro, avessero fatto una cosa simile a questa di cui si parla, non avrebbero suscitato, e giustamente, altrettanta indignazione quanto quella che ha poi suscitato il loro atto.

    RISPONDI
  • Antifascista
    12 dicembre 2017, 01:50

    I raid neofascisti a Como e contro La Repubblica/l’Espresso non sono fake news
    L’aggressione contro un bimbo di origine magrebina in pieno centro non è fake news
    Gli intrecci fra neofascisti e cosche a Ostia non sono fake news

    RISPONDI
  • AMMONIO
    12 dicembre 2017, 00:57

    Eppure la Vostra ingenuità è infinita. Tutto questo porre in evidenza l’atteggiamento del Sindaco e/o del PD nell’essere asimmetrici nel condannare l’eversione di estrema destra piuttosto che quella di estrema sinistra fa il paio con quello che proprio il PD dice di Voi. Loro infatti si sperticano a dire che voi non condannate a sufficienza il fascismo. Tutti insieme fate un po’ ridere!

    RISPONDI
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online