Riapre la passerella che collega il Piaggione a Valdottavo, opera strategica per Lucca e Borgo a Mozzano

Riapre la passerella che collega il Piaggione a Valdottavo, opera strategica per Lucca e Borgo a Mozzano

LUCCA – Dopo l’ultimazione del cantiere da parte di Rfi, questa mattina (22 maggio) ha riaperto la passerella di collegamento pedonale fra la frazione lucchese del Piaggione e quella di Valdottavo, nel Comune di Borgo a Mozzano.

 

Al taglio del nastro dell’opera, considerata strategica dai due comuni confinanti in quanto consente un collegamento rapido fra i due centri abitati, erano presenti i sindaci di Lucca Alessandro Tambellini e di Borgo a Mozzando Patrizio Andreuccetti, il direttore della direzione territoriale produzione Firenze di Rfi Efisio Murgia, gli assessori del Comune di Lucca ai lavori pubblici Celestino Marchini e alla mobilità e patti di confine Gabriele Bove.

 

L’intervento per rendere nuovamente percorribile il camminamento che corre lungo un tratto della linea ferroviaria Lucca-Aulla e che attraversa il fiume Serchio, è stato portato avanti da Rfi con un cofinaziamento da parte del Comune di Lucca di 50mila euro e di Borgo a Mozzano di 15mila euro.

 

Soddisfazione per la riapertura della passerella è stata espressa da entrambi i sindaci.
«Si tratta di una realizzazione che va nella stessa direzione del Patto di confine – hanno detto Tambellini e Andreuccettiovvero una stretta collaborazione fra due territori confinanti che in questo caso, anche assieme a Rete Ferroviaria Italiana, danno una risposta a un problema che era molto sentito dagli abitanti sia del Piaggione che di Valdottavo, dal momento che gli altri attraversamenti di tipo stradale del fiume Serchio si trovano a notevole distanza, più a valle a Ponte a Moriano e più a monte, a Borgo a Mozzano. Con la riapertura della passerella dunque ricreiamo un utile collegamento fra due frazioni e due comuni, andando a recuperare un’opera pubblica che da tanti anni non era più in condizione di essere utilizzata».

 

[Foto: Ufficio Stampa]

2 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

2 Commenti

  • Gigino
    22 maggio 2018, 15:54

    E niente, più che tambellino lo chiamerei taglianastrini, la su preoccupazione è quella mentre a lucca si verificano aggressioni a tutte l’ore, degrado a sfà, a tutti l’angolo c’è un nero che importuna chiedendo elemosina…furti i aumento esponenziale maaaaaaa l’importante è collegare il piaggione alla gargangna…ho la nausea!!!!!

    RISPONDI
  • Vicious Filthy globalist
    23 maggio 2018, 14:25

    Stradeggiga, digiamo.

    Agghiaggiande.

    RISPONDI

.

Newsletter

Creocoworking