Presa la gang del bancomat: la polizia arresta quattro persone

Presa la gang del bancomat: la polizia arresta quattro persone

LUCCA – Ricettazione, tentato furto aggravato e resistenza al pubblico ufficiale: di questo dovranno rispondere quattro persone, di origine rimea, che ieri sono finiti in manette, a seguito di un’operazione della polizia.

 

L’indagine è nata dal furto di un’auto – una Ford Focus – che è avvenuto a Ponte a Moriano circa un mese fa. La svolta è avvenuta l’altra sera, quando i quattro, a bordo dell’auto rubata, sono andati a Seravezza, dove hanno effettuato una serie di passaggi di fronte a uno sportello bancomat della piazza centrale del paese.

 

Quando, però, hanno visto la voltante del Commissariato, hanno deciso di lasciare il luogo a tutta velocità, cosa che ha insospettito la volante. Gli agenti hanno quindi deciso di seguire la Ford Focus fino a San Marcello Pistoiese. Qua, stesso copione: la macchina rubata lungo la strada provinciale 663, ancora una volta in corrispondenza di uno sportello bancomat del posto.

 

A quel punto, i quattro sono stati bloccati mentre tentavano di manomettere lo sportello allo scopo di farlo esplodere. I malviventi non si sono però arresi, ma hanno dato vita a una colluttazione, durante la quale i ladri hanno aggredito gli agenti con un’ascia e un martello, ferendo un agente, che è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, dove i sanitari lo hanno giudicato guaribile in 15 giorni.

 

I ladri, intanto, approfittando del buio, sono riusciti a scappare a piedi nei boschi attorno alla strada.

 

Gli agenti hanno perquisito l’auto e, qua, hanno trovato due bombole di gas, alcuni cavi e una cinghia di una decina di metri, già assicurata al gancio di traino, nonché dei tubi, un estintore, un piede di porco e altro materiale, come guanti, torcia e passamontagna, che potevano essere utili in caso di una rapina.

 

E’ iniziata una battuta per tutta la notte e tutta la mattina successiva e la Squadra mobile della questura di Lucca ha monitorato gli spostamenti dei familiari di due dei malviventi coinvolti, pensando che potessero in qualche modo aiutare i parenti a tornare a Lucca.

 

E’ stato così che la moglie di uno di loro, in compagnia di un amico, si è recata a Pescia, per prendere il marito e uno dei complici. Una volta arrivati a Lucca, la polizia ha fermato l’auto, ma anche in questo caso hanno fatto resistenza. Un terzo complice è stato trovato a casa dei genitori della moglie, mentre il quarto si era nascosto nella casa di un complice. Per l’amico della moglie che ha accompagnato la donna a prendere il marito, è scattata la denuncia di favoreggiamento personale.

 

Nelle abitazioni perquisite la polizia ha trovato numeroso materiale che, secondo gli investigatori, potrebbe provenire da alcuni furti e sul quale sono in corso degli accertamenti più approfonditi.

 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter

Creocoworking