Otto nuove natività arricchiscono la Mostra dei Presepi di Pieve Fosciana

Otto nuove natività arricchiscono la Mostra dei Presepi di Pieve Fosciana

PIEVE FOSCIANA – E’ aperta la Mostra dei Presepi di Pieve Fosciana allestita nella chiesa di S. Giuseppe. Fino al 7 gennaio 2018 si poteà visitare con orario per i festivi 14.30 -18.30 e per i feriali su appuntamento. Sono otto i presepi nuovi esposti quest’anno, che si vanno ad aggiungere a gli altri che alcuni provengono da Gazzano (Reggio Emila) Querceta, Lucca e Ragusa. Ma le novità non finiscono all’interno della mostra è stato allestito un punto denominato “Magione” del presepista: qui è possibile ritirare la credenziale del presepista pellegrino e iniziare il cammino alla scoperta dei presepi della Toscana. Durante la visita di ogni presepio verrà poi apposto un timbro. L’iniziativa è promossa da “Terre dei Presepi”.

 

Altra novità è il calendario dell’avvento esposto alle finestre della facciata della canonica. Il calendario dell’avvento di S. Miniato nacque quattro anni fa da un’idea di Luciano Ermelani e le opere furono esposte per la prima volta sulla storica facciata del seminario. Si è mantenuta l’iniziativa grazie alla determinazione e all’impegno di Sauro Mori. A Pieve Fosciana le opere di questo calendario sono esposte alle finestre della facciata della canonica della Pievania di San Giovanni Battista.

 

Sono visibili attraverso i campetti dell’oratorio e dalla via S. Giovanni, anche di sera.Le opere esposte raccontano una storia di pace e di solidarietà e permettono ai visitatori di soffermarsi, di pensare e di riflettere sul Natale. Si tratta di una vera e propria mostra collettiva, ma anche di un presepe d’arte pittorica, realizzato da artisti affermati, giovani studenti, scrittori, giornalisti, insegnanti. Il Calendario ha come tema a“Per un Natale di pace, guidati dalla stella cometa, pellegrini del nostro tempo verso la Porta Santa” e gli artisti lo hanno interpretato nella propria opera scegliendo l’argomento tra le sette opere di misericordia corporali, spirituali e le beatitudini evangeliche.

 

I Presepi di Pieve Fosciana occupano un ruolo di primo piano nell’arte presepiale regionale e nazionale. La loro notorietà si deve alla qualità tecnica delle rappresentazioni che passa dalla precisione nel dettaglio alla scenografia alla lunga storia che li accompagna. Molte città hanno chiesto di poterli ospitare in un percorso natalizio espositivo nei giorni di Natale.

 

Negli Anni Settanta a Pieve Fosciana fu costruito in una sala adiacente la chiesa parrocchiale un grande Presepio meccanico (visitabile a dicembre e gennaio). La struttura è costruita su una superficie di circa 30 metri quadri e ha uno sviluppo in profondità di circa 12 metri. Oltre quaranta statue in gesso di varie misure popolano un articolato paesaggio con i movimenti, la bottega del fabbro con la fucina, e gli artigiani al lavoro. La grotta e tutto il paesaggio sono pervasi da un graduato riverbero di luci, che aumenta e cala come il ciclo della luce solare. La scena ovviamente è centrata tutta sulla Natività, posizionata a sinistra di chi entra. Questo è uno dei primissimi esempi di scenografia meccanica in tutta la provincia di Lucca.

 

Questa esposizione è conosciuta come la Mostra dei “Presepi di Pieve Fosciana”, e ogni anno richiama in paese migliaia di persone. La chiesina di San Giuseppe per circa un mese diventa una sorta di museo, all’interno del quale oltre quaranta opere vengono esposte all’ammirazione di un pubblico che ogni anno diventa sempre più numeroso.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online