M5S Viareggio: “Quando il Carnevale diventa strumento politico”

M5S Viareggio: “Quando il Carnevale diventa strumento politico”

VIAREGGIO –  A Viareggio non si perde occasione per strumentalizzare il Carnevale, invece di occuparsi seriamente dei problemi che già esistono.

 

Una manifestazione spontanea e spensierata che ha un effetto leva importante sull’economia locale, dovrebbe essere garantita da un’orientamento trasversale senza ulteriori strumentalizzazioni. Il candidato Andrea Marcucci però non riuscendo ad utilizzare altri modi per la sua campagna elettorale, approfitta di una festa popolare che esiste da quasi 150 anni sul nostro territorio, per far credere che solo grazie alla sua sponsorizzazione politica, oggi il Carnevale ha ancora motivo di esistere.

 

Attraverso il Ministero dei Beni delle Attività Culturali e Turismo si riesce finalmente ad ottenere un finanziamento triennale di 2 Milioni da dividere tra tutti i Carnevali d’Italia, grazie al lavoro di tutta la commissione dove la nostra portavoce senatrice Enza Blundo fra le altre, ha portato il suo importante contributo sin dal dicembre 2014.

 

E’ strumentale attaccare il Movimento 5 Stelle come se quest’ultimo fosse contrario alla manifestazione, al riconoscimento di evento culturale o al finanziamento in sè, solo perché legittimamente è stato sollevato un dubbio sul “piccolo”, ma evidente conflitto d’interessi, dato il ruolo della sorella alla guida della fondazione cittadina, ovviamente a garanzia dell’uso il più possibile costruttivo e trasparente di soldi pubblici; perché di questo si tratta.

 

Assistiamo ad una vecchia tecnica politica del partito del senatore Marcucci che inaugura così la sua campagna elettorale con esternazioni politiche piuttosto opportuniste, palesando tutti i suoi limiti contro chi nel bene o nel male cerca soluzioni di discontinuità, che possano offrire alternative soprattutto a queste logiche ormai consuete nel suo partito di scambio tra elargizioni ed il consenso.

Il Movimento 5 stelle al di là delle campagne elettorali è interessato a trovare soluzioni che possano portare veramente la manifestazione più amata della città, verso il porto sicuro del suo sviluppo e della maturità ed indipendenza anche economica.
Ma alla fine la domanda che ci poniamo è questa: una manifestazione culturale, centenaria, che muove 20 milioni di euro di indotto economico, dove c’è anche una rete fatta di lavoratori e professionisti che va sostenuta, non dovrebbe avere dalla Regione un capitolo di bilancio suo, garantito ogni anno, evitando di lasciarla alla benevolenza del partito di turno e di depauperare il Fus destinato a tutto lo spettacolo dal vivo?
MOVIMENTO 5 STELLE VIAREGGIO

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter