Luci arcobaleno sui principali monumenti: iniziano così i festeggiamenti per la Giornata mondiale contro l’omofobia

Luci arcobaleno sui principali monumenti: iniziano così i festeggiamenti per la Giornata mondiale contro l’omofobia

LUCCA – Non sarà solo un ‘arcobaleno’ ideale quello che caratterizzerà le iniziative organizzate in occasione della Giornata mondiale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, ma sarà un arcobaleno vero e che si potrà vedere tutti. Verranno infatti illuminati alcuni monumenti simbolo di Lucca, Capannori e della provincia proprio a significare l’adesione di tutto il territorio a questa giornata che vuole sottolineare come tutti abbiano gli stessi diritti.
Da questa sera fino a domani saranno così ‘tinti’ di arcobaleno luminoso la Cavallerizza di Lucca, il Palazzo municipale di Capannori e il Ponte di Rivangaio, che in qualche misura rappresenta la ‘porta’ per la Media Valle e la Garfagnana.

 

Lo hanno annunciato a Palazzo Orsetti questa mattina il consigliere comunale di Lucca con la delega ai Diritti, Daniele Bianucci, l’assessore di Capannori, Lia Micciché e la dirigente del Sociale della Provincia, Rossana Sebastiani, che hanno colto l’occasione di questo incontro per presentare anche le altre iniziative legate alla Giornata.

 

Intanto, lunedì prossimo (21 maggio), arriva a Lucca Monica Cirinnà, che ha legato il suo nome alla Legge per l’istituzione delle Unioni civili. Alle ore 18,00, nella Chiesa di Santa Caterina in via del Crocifisso 1, nel Centro storico, presenterà il suo libro “L’Italia che non c’era”; l’evento è organizzato in collaborazione con Ubik.

 

E infine, venerdì 8 giugno, per una giornata e una serata, il Cortile degli Svizzeri si trasformerà nella “piazza dei diritti”: per più di sette ore, sul palco che sarà approntato, si alterneranno musica dal vivo di gruppi (tra cui gli Esterina, Effenberg, Afroquiesa Orchestra, BK e Fuoriposto, ma altri si aggiungeranno), interventi, performance, proposte di lettura e racconti. L’iniziativa è aperta all’adesione e alla partecipazione delle associazioni, che avranno a disposizione uno spazio per i loro stand.

«Abbiamo organizzato un programma così articolato, perché sentiamo l’esigenza di sottolineare come la nostra comunità sia aperta ed accogliente nei confronti di tutti, nessuno escluso – spiega Daniele Bianucci, consigliere comunale a Lucca e referente del sindaco per i diritti – Le relazioni sono l’elemento più importante che abbiamo a disposizione: ogni sforzo per proteggerle e rafforzarle è prezioso».

 

«Partiamo dalle nuove generazioni, per lanciare un messaggio di integrazione e rispetto – prosegue l’assessore al sociale e alle politiche giovanili del Comune di Capannori, Lia Micciché –. In questi anni, il nostro Paese ha fatto importanti passi avanti sul tema dei diritti; l’uguaglianza e la libertà sono due valori fondamentali del nostro Paese e lo sono per tutti i cittadini».

 

«Gli appuntamenti a cui abbiamo pensato sono, nel nostro intento, dei momenti di comunità e condivisione – conclude Rossana Sebastiani E’ importante creare occasioni di dibattito e di confronto su questioni di ampio respiro, perché la conoscenza è la chiave per cambiare le cose».

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter

Creocoworking