La Lucchese batte di misura il Pro Piacenza e torna a rivedere i play off

La Lucchese batte di misura il Pro Piacenza e torna a rivedere i play off

LUCCA – La vittoria tanto attesa arriva dopo cinque settimane di astinenza. I rossoneri, senza i tre punti dal 30 gennaio con il Tuttocuoio, battono di misura un Pro Piacenza che non sfigura sul piano della manovra, ma non tira mai in porta. E stavolta, Mingazzini e compagni riescono a capitalizzare al massimo il gol di vantaggio segnato da Fanucchi dopo 23 minuti. Semmai, si potevano evitare i patemi finali con un briciolo di precisione in più sotto porta, ma alla fine va bene così. La Lucchese sale a 40 punti e si riporta a ridosso dei play off e la prova del nove ci sarà sabato a Viterbo nello scontro diretto con i laziali.

 

VESCOVO 1La Lucchese torna a giocare di sabato in un Porta Elisa semi vuoto: disertano anche gli abbonati, molti dei quali se ne restano a casa. Peccato. Perché si vede lontano un miglio che la Lucchese avrebbe bisogno di sentire l’appoggio del pubblico e non giocare in un clima di tale scetticismo. A scaldare un ambiente decisamente depresso ci prova l’Arcivescovo Monsignor Italo Castellani, che torna allo stadio dopo lungo tempo. Prima del match rivolge il suo saluto al pubblico dal campo e poi, con tanto di maglia rossonera personalizzata, sale in tribuna a distribuire le uova di cioccolato.

 

Galderisi schiera i suoi con il 3-4-1-2. Assenti Nolé (squalificato) e D’Auria (problemi ad un polpaccio), avanza Tavanti a centrocampo con Fanucchi che si piazza dietro i due attaccanti Raffini e De Feo. Dopo qualche brivido in avvio la Lucchese si sblocca al 23’: De Feo conquista e difende un pallone sull’esterno sinistro dell’area, dalla linea di fondo crossa rasoterra al centro dove si avventa Fanucchi che di piatto destro mette sotto l’incrocio.

 

La gara fila via senza grandi sussulti e anche il Pro Piacenza, dopo un buon avvio, accusa il gol subito. Ma bisogna attendere il recupero per assistere ad una vera emozione. Cross di Espeche, sul secondo palo si inserisce Cecchini con i tempi giusti ma schiaccia troppo il colpo di testa, con la palla che rimbalza nell’area piccola e si impenna sopra la traversa.

 

Ripresa. Gli ospiti fanno ola partita, la Lucchese aspetta e riparte. Al 12’ Bruccini dal limite calcia di destro ma non inquadra la porta. Clamorosa la palla gol due minuti più tardi: De Feo sguscia via a sinistra, entra in area e pesca Tavanti nell’area piccola che col piattone da due passi centra clamorosamente la traversa. Il giovanotto di Viareggio prova a rifarsi al 19’: Cecchini lo pesca sul secondo palo, tiro al volo di destro e spettacolare risposta di Fumagalli che alza in angolo.

 

Galderisi cerca di dare più equilibrio alla squadra, inserendo Merlonghi per Raffini e passando a cinque dietro. Al 32’ proprio Merlonghi, smarcato da un tocco di Fanucchi, viene anticipato dall’uscita del portiere. Al 39’ il tecnico toglie Cecchini e al suo posto inserisce Gargiulo, che si piazza di punta. L’arbitro concede quattro minuti di recupero nei quali la Lucchese difende senza troppo soffrire il golletto di vantaggio. Basta e avanza, una volta tanto, per riportare a casa tre punti che rilanciano i rossoneri nella corsa verso i play off.

Lucchese-Pro Piacenza 1-0

Lucchese: Di Masi, Tavanti, Capuano, Mingazzini, Raffini (Merlonghi dal 27′ st), Fanucchi, Bruccini, Espeche, Cecchini (Gargiulo dal 39′ st), De Feo (Maini dal 48′ st), Dermaku. A disp. Nobile, Brusacà, Bragadin, Cannoni, Nottoli, Perazzoni, De Martino. All. Galderisi

Pro Piacenza: Fumagalli, Calandra, Bini, Barba (Martinez dal 24′ st), Aspas, Cardin (Sall dal 17′ st), Pugliese, Rossini, Bazzoffia, Musetti (Pozzi dal 31′ st), Belotti. A disp. Bertozzi, Sane, Girasole, Gomis, Avanzini, Manganelli, Cassani. All. Pea

Arbitro: De Santis di Lecce

Reti: Fanucchi al 23′ de pt

Note: 1522 spettatori di cui 322 paganti. Espulso Capuano per somma di ammonizioni al 48′ del st

2 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

2 Commenti

  • AMMONIO
    19 marzo 2017, 02:35

    Dispiace per chi si fa il mazzo per tenere in piedi la baracca che i tifosi della Lucchese se ne freghino. D’altro canto Lucca è una città in cui, da sempre, chi fa qualcosa è guardato, più che con scetticismo, con velata ostilità.

    RISPONDI
    • Tirare giù il bandone@AMMONIO
      20 marzo 2017, 11:34

      Per quanto tempo ancora la cittadinanza intera dovrà sopportare disagi e i costi necessari a tenere in piedi questo teatrino per poche centinaia di persone, spesso residenti in altri comuni?

      RISPONDI
Cerchiamo programmatori Abstraqt
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online
Programmatore Abstraqt

Twitter