L’Asinone scriverà un libercolo: “Se la politica non è più una cosa seria…”

L’Asinone scriverà un libercolo: “Se la politica non è più una cosa seria…”

LUCCA – Il 2016 e il 2017 sono stati anni molto “mossi” per la politica locale e non è finita. L’Asinone li ha vissuti da vicino, da spettatore, a volte da comprimario, sempre da attore libero. Per questo, l’Asinone è stato convinto da Francesco Colucci, a scrivere un libretto, anzi un libercolo che racconti la politica lucchese di questi due anni, i suoi retroscena, le sue miserie, le mezze furbizie e i mezzi segreti, ma anche il nuovo, il positivo, che ne è nato.

 

Perché lo scrive l’Asinone? Perché la politica dovrebbe essere una cosa seria, ma in questi due anni a Lucca, vi sono stati molti episodi che contraddicono questa definizione e farli descrivere da un Blog di Satira, che ha un suo pubblico di appassionati, sembrava più in linea con i temi trattati.

 

Tutto è iniziato nel giugno 2016, quando lessi un articolo di Marcello Pera, un caro amico di gioventù, della scuola, delle prime esperienze socialiste comuni: poi le strade si divisero e lui ne ha percorse di eccezionali e meritate, lontano da Lucca, dove appunto tornava a far casa, nell’estate 2016.
Dicevo lessi un suo articolo a favore del SI al referendum Istituzionale e gli scrissi una lettera di plauso e di condivisione, dichiarando che a Lucca avevo intenzione anch’io di fare qualcosa per il SI, con quei quattro gatti dei socialisti rimasti.

 

L’ inaspettata risposta fu un invito a discuterne insieme, davanti un piatto di penne di mare, al Mercatino del Pesce a Sant’Anna. Da questo frugale, ma gustoso, pasto, inizierà il mio libercolo, che nei dizionari italiani è nomato: “Libro di poco o nessun valore”.

 

Per cui nessuna ambizione letteraria, solo un arruffato diario di cose vissute delle quali alcune anche a me, a tutt’oggi, rimaste misteriose o meglio non spiegabili con razionalità del buon padre di famiglia, come dicevano gli antichi Romani. Per la correzione delle bozze l’Asinone non avrà problemi, ci penserà come sempre il buon Aldo, con il consueto amore. Il libercolo avrà per titolo L’Asinone: dal SI a Renzi al Rinascimento di Sgarbi.

 

Spero di poter donare questo libretto come strenna natalizia ai pochi ma sinceri amici ma anche ad alcuni dei tanti bavosi nemici…ops…volevo dire avversari….per rimanere nel “politically correct”

 

Ma un Asinone può essere politically correct?…. Chissà….

2 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

2 Commenti

  • Matteo
    17 luglio 2017, 15:50

    Certo a Lucca non ci si annoia mai… L’asinone scriverà un librercolo con una tiratura di 18 copie, i voti presi. Santini trasforma una lista civica nata contro i partiti, in un partito per le elezioni nazionali…
    Poi? Qualche altra perla prima di andare in vacanza non ce la regalate?

    RISPONDI
  • Tambellone
    17 luglio 2017, 10:59

    Se intende regalarlo a ognuno dei suoi elettori spende anche poco….

    RISPONDI
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online

Twitter