La Sezione Lucca e Valdiserchio del Pci interviene sul questione Kme

La Sezione Lucca e Valdiserchio del Pci interviene sul questione Kme

BARGA – Il Partito Comunista Italiano Sezione Lucca e Valdiserchio interviene sulla ipotesi della Kme di realizzare un impianto per la produzione di energia dalla combustione di pulper e fanghi di cartiera. Ancora una volta si parla di un impianto di combustione in una Valle dalle caratteristiche ambientali e geografiche particolari, dove già in passato è stato dimostrato come la circolazione delle correnti d’aria ed il ristagno delle sostanze inquinanti a basse quote producano condizioni di significativa criticità per la salute dei suoi abitanti. Non possiamo aver dimenticato le vicende e le battaglie intorno all’inceneritore rifiuti di Castelnuovo Garfagnana, all’impianto di bricchettaggio di Gallicano, all’Alce di Fornoli; ripensiamo a come un tentativo simile anni fa fu sventato a Diecimo, proprio per le insufficienti garanzie riguardo agli effetti sull’ambiente e sulla salute della popolazione. Occorre quindi che sia prestata la massima attenzione affinchè le esigenze delle imprese e del profitto non prevalgano sulle ragioni ambientali e territoriali.

Preoccupa che una soluzione del genere sia pensata nel mezzo di un centro abitato. E’ un vero controsenso, rispetto alle politiche territoriali degli ultimi anni, che venga proposto un simile impianto all’ingresso della cosiddetta “Valle del bello e del buono”; quali conseguenze avrebbe in termini economici su una filiera turistica ed agro alimentare che negli ultimi anni ha fatto assurgere il marchio di tipicità della Garfagnana a livelli internazionali? Quali effetti sulla salute in una vallata in cui i dati epidemiologici, in piu’ di un’occasione, hanno destato non poco allarme? Sullo smaltimento del pulper, invece di pensare ancora ad impianti di combustione o gassificazione, non sarebbe utile perseguire soluzioni innovative come quella del “Progetto Life Eco-Pulplast” ormai in fase di sperimentazione finale proprio in un avanzato Centro Ricerche del distretto cartario lucchese?

La Kme che prima ha puntato alla divisione dei sindacati, ora vuole perseguire i propri progetti creando una profonda frattura tra la popolazione ed i lavoratori. Questo tentativo non deve passare! La tutela dei posti di lavoro ed il necessario rilancio produttivo dello stabilimento Kme, non possono essere in contrasto con l’ambiente e con la salute dei cittadini e dei lavoratori stessi. Teniamo alta l’attenzione; occorre promuovere un confronto serrato che coinvolga le parti sociali, Istituzioni e forze politico – sindacali, nonché i Comitati rappresentativi dei cittadini come “La Libellula”. Deve essere superato il conflitto tra il diritto al lavoro e quello alla salute. Esiste semmai un conflitto tra lavoro e capitale. Esiste un problema di politica energetica nazionale, dove le privatizzazioni del settore perseguite negli ultimi decenni si sono rivelate fallimentari; il PCI ritiene necessaria la nazionalizzazione del settore energetico e degli altri comparti strategici dell’industria.

Segreteria PCI – Sezione Lucca e Valdiserchio

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla
Lo Schermo.it pubblicita

.

Newsletter

Banner Geometra Online